21 ott 2021 · 4 min read

Silenzio cinese mentre Bitcoin sale verso i 70.000 USD

Bitcoin
Fonte: Adobe/romsvetnik

Bitcoin (BTC) continua il suo improvviso aumento dei prezzi, trascinando con sé il resto del mercato e la notizia ha occupato le prime pagine in tutto il mondo. Ovunque, tranne che in Cina, dove il balzo del prezzo è stato accolto da un muro di silenzio.

La ricerca della parola "criptovaluta" su Baidu, il più grande motore di ricerca del Regno di Mezzo, restituisce ben poco in termini di notizie sui prezzi BTC da uno dei principali media della nazione. Una ricerca simile su Google cinese produce risultati simili.

Ciò che tali ricerche hanno documentato, tuttavia, è un eccesso di notizie su truffe crypto, schemi di catfishing su app di appuntamenti affamati di token, repressioni della polizia e sforzi per combattere gli "effetti inquinanti" del mining di criptovalute.

Il China Economic Daily, il più grande quotidiano finanziario della nazione, non ha fatto menzione di bitcoin o crypto sulla sua homepage, mentre non c'è stata nemmeno una parola dal più grande quotidiano del paese, il People's Daily (anch'esso gestito dallo stato).

Cina: repressione del mining di criptovalute

Tuttavia, quest'ultimo ha riferito di un'altra battuta d'arresto per i miner cinesi: la Commissione nazionale per lo sviluppo e la riforma ha annunciato che intende inserire il mining di criptovalute nella sua lista di industrie vietate, questo potrebbe essere un cambiamento secondario per alcuni osservatori considerando la recente repressione, probabilmente significherà che sono in arrivo misure di applicazione più serie per quei miner che hanno deciso di rimanere nella Cina continentale.

L'elenco non viene aggiornato dal 2019 e la mossa impedirebbe anche alle aziende e ai privati ​​di effettuare "investimenti" nel settore del mining di criptovalute.

Potrebbe arrivare anche un più grave blackout mediatico. Come riportato in precedenza, Pechino si è mossa per bloccare l'accesso a Internet dalla terraferma non solo ai media legati alle criptovalute, ma anche ai siti gestiti da fornitori di dati monitoraggio dei prezzi come CoinGecko e CoinMarketCap. E secondo Reuters, l'ultima whitelist dei media della Cyberspace Administration of China si è ridotta a soli 1.358. La cosa più preoccupante, forse, è l'omissione di Caixin, una delle testate di notizie finanziarie più grandi e lettere del paese.

Il regolatore ha anche avvertito che i servizi di notizie basati su Internet che ripubblicano le notizie "devono seguire l'ultima versione della lista", e che "i punti vendita che non rispettano le regole dovranno affrontare una punizione".

Quest'ultimo sviluppo potrebbe limitare l'accesso degli utenti web cinesi alle informazioni relative alle criptovalute: molte notizie cinesi su bitcoin e criptovalute da punti vendita più piccoli sono attualmente ristampate sui principali siti di notizie, ma una normativa più stretta potrebbe limitare questo afflusso di notizie.

Appassionati di crypto cinesi si rivolgono al settore DeFi 

Il Financial Times ha riferito che gli appassionati di criptovalute cinesi si rivolgono al settore DeFi per soluzioni di accesso dopo che circa 30 importanti società di criptovalute, tra cui molti pool di mining e exchange di criptovalute, hanno abbandonato il paese o chiuso le loro attività.

Il media, citando i dati di Chainalysis, ha osservato:

"Mentre le ultime restrizioni stanno impedendo l'ingresso nei mercati delle criptovalute, gli esperti affermano che alcuni detentori di criptovalute esistenti si stanno rivolgendo alla DeFi per continuare a fare trading. I protocolli DeFi non hanno gli stessi obblighi di conoscenza dei tuoi clienti degli exchange convenzionali più strettamente regolamentati.

Indipendentemente da ciò, il trading di BTC sembra aver subito un enorme successo in Cina, un tempo sede di alcuni degli exchange più trafficati del mondo.

I dati di Chainalysis hanno mostrato che la quota della Cina, nelle transazioni globali di bitcoin, era di un enorme 15% a novembre 2019, ma è scesa ad appena il 5% a giugno 2021, tre mesi prima dell'ultima repressione.

Ma potrebbe esserci una svolta ironica nella storia per coloro che cercano soluzioni di accesso nel Medio Regno. Un altro quotidiano cinese di stato, il China Daily, ha riferito che il governo della nazione ha firmato una misura che consentirà agli operatori di telecomunicazioni esteri di creare joint venture per fornire servizi VPN a Pechino.

Sebbene questi servizi VPN saranno ufficialmente disponibili solo per "aziende straniere" e debbano essere posseduti per almeno il 50% da aziende cinesi, il mezzo di comunicazione ha preso atto della "determinazione e fiducia del paese per aprire ulteriormente il settore dei servizi di telecomunicazione".

Alle 11:09 UTC, BTC è stato scambiato a 65.924 USD ed è aumentato del 3% in un giorno e del 15% in una settimana.
____

Seguici sui nostri canali social:

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN
 

Per saperne di più:
- Gli USA diventano il più grande hub di mining di Bitcoin
- China Ready to Get Tough with Crypto Crackdown Enforcement
- Chinese Firms Exiting Mainland as Crypto Crackdown Bites
- Le criptovalute resistono al controllo dei Regolatori