26 maggio 2021 · 4 min read

Pechino intensifica la stretta: miner bloccano gli indirizzi IP continentali

La lotta della Cina con i miner di Bitcoin (BTC) sembra destinata a continuare, poiché due giocatori cinesi si sono mossi per limitare l'accesso dagli indirizzi IP della Cina continentale e uno dei più grandi hotspot di mining del paese fa dichiarazioni minacciose su possibili "interruzioni" del mining.

Fonte: Adobe / Lane Erickson

BitDeer, un gruppo di mining istituito dal co-fondatore di Bitmain Jihan Wu all'inizio di quest'anno, ha pubblicato un avviso sul suo sito Web affermando che a partire da questa sera (ora della Cina) bloccherà tutti gli accessi agli utenti con indirizzi IP della Cina continentale.

E secondo quanto riportato da Jiemian, Mars Cloud Mine sta anche promulgando un blocco sugli IP continentali, affermando che "sta prestando attenzione agli sviluppi e alle politiche pertinenti" e sta tentando di "garantire il continuo funzionamento della piattaforma".

La stessa dichiarazione di BitDeer era formulata in modo quasi identico in alcune parti, con riferimenti a "cooperare attivamente" con il sentimento normativo e agire al fine di garantire la "conformità" del più ampio settore del mining. L'azienda ha scritto:

"BitDeer bloccherà tutti gli IP dalla Cina continentale per garantire ulteriormente che la piattaforma non fornisca servizi ai residenti della Cina continentale".

Su Twitter, un utente ha affermato che solo gli indirizzi IP erano attualmente geograficamente bloccati, il che significa che gli utenti VPN dal continente erano ancora in grado di utilizzare i servizi Mars Cloud Mine.

Il partner di Multicoin Capital Mable Jiang ha offerto alcune analisi, scrivendo che "il dolore a breve termine è inevitabile" e che la regolamentazione del settore del mining" avrebbe avuto un impatto sul mercato", con un reale pericolo di "potenziale capitolazione" dei minatori.

Ha aggiunto che lo sviluppo potrebbe comportare un "cambio della guardia" per i miner cinesi, piuttosto che la fine del relativo mining di BTC come lo conosciamo. Jiang ha scritto:

"Stiamo [...] osservando un cambiamento di paradigma sistematico dalla "balena al dettaglio" alla "balena istituzionale". La differenza [tra] le due non è l'attuale detenzione dell'hashrate (perché entrambi potrebbero avere grandi hashrate in gestione), ma la capacità di coprire e gestire il rischio finanziario e l'arbitraggio di accesso ad esempio la fornitura di rig, i costi dell'energia elettrica e delle farm e le informazioni all'avanguardia sulla regolamentazione".

Indipendentemente da ciò, ci sono pochi dubbi sul fatto che la Cina stia ora puntando ai miner di criptovaluta, probabilmente per paura di essere troppo indietro rispetto al suo obiettivo di raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2060. Come riportato in precedenza, Pechino si è appoggiata ad alcune delle sue regioni più dipendenti dal carbone per tagliare le loro emissioni di carbonio con un grande picco della retorica anti-mining nei recenti comunicati stampa statali.

Alcuni sostengono che ci sono stati chiari segni di quello che sarebbe accaduto: ai focolai di mining come la regione autonoma Uigura dello Xinjiang è stato chiesto di essere in linea con gli obiettivi di emissioni di carbonio all'inizio di quest'anno.

E uno di questi ha ora risposto con una bozza di proposta dalla Regione Autonoma della Mongolia Interna (IMAR) comprendente otto misure che limiterebbero gravemente le opzioni della maggior parte dei miner su larga scala nella regione. Ripubblicate da NBD, le proposte includono procedimenti penali per i fornitori di energia che non dichiarano di fornire energia alle società di mining, e la rimozione dello status legale speciale per i miner di cripto che si presentano come centri di Big Data.

È interessante notare che la bozza, redatta dalla commissione per lo sviluppo e la riforma dell'IMAR, contiene anche una proposta per chiudere gli internet cafè e le sale da gioco per PC che si sono riproposte come centri di mining più piccoli, una pratica che è diventata sempre più popolare in seguito della pandemia di coronavirus.

La retorica anti-mining è continuata negli ultimi giorni, con un rapporto di Xinhua che sostiene che la volatilità del mercato potrebbe aumentare ulteriormente il consumo di energia in Cina.

Tuttavia, ci sono suggerimenti che gli sforzi di Pechino per dominare il suo consumo di energia e raggiungere gli obiettivi di carbonio stiano causando scompiglio in Cina. Secondo la pubblicazione Liaowang di Xinhua (via Sina), alcune città hanno deciso di tagliare l'alimentazione all'illuminazione stradale e ai display LCD pubblici nel tentativo di ridurre il consumo di energia, mentre la perdita di posti di lavoro è possibile in altre parti della nazione.
___

Per saperne di più:
- 'Next Great Miner Migration Will be Away from China' - Poolin Exec
- Bitcoin Mining Council: Promotion, Cabal, Attack on BTC, or Pointless?

- Key Clues Emerge as to What Beijing Really Thinks About Bitcoin & Mining
- Analysts See 'Seismic shift' In Bitcoin Mining Amid Chinese 'Crackdown'

- Moving to Green Bitcoin May be Moving To a Two-Tier Bitcoin
- Green Investments Help Bitcoin Miners Amid Possible Regulatory Crackdown

- Proof-Of-Bitcoin Needed As Critics & Competitors Unite To Play Climate Card
- A Closer Look at the Environmental Impact of Bitcoin Mining