Home NewsBitcoin News

Confermato: l'India prenderà in considerazione il carcere per chi detiene cripto

Di Linas Kmieliauskas
Confermato: l'India prenderà in considerazione il carcere per chi detiene cripto 101
Source: iStock/Itsabby94

Il governo indiano valuterà le raccomandazioni di vietare le criptovalute nel paese e di introdurre la reclusione fino a dieci anni per chi ha a che fare con le cripto, ha confermato oggi il Dipartimento degli Affari Economici del Governo Indiano.

In questo istante (13:04 UTC), il bitcoin si scambia a circa 10.244 dollari ed è in calo del 2,7% nell'ultima ora e dell'1,6% nelle ultime 24 ore.

"<...> Il progetto di legge verrà ora esaminato in consultazione con tutti i dipartimenti e le autorità di regolamentazione interessate, prima che il governo prenda una decisione definitiva", ha detto il Dipartimento nel comunicato stampa, riferendosi ad un report e al progetto di legge preparato dal comitato interministeriale nel febbraio 2019.

Il comunicato stampa ha confermato precedenti rapporti anonimi secondo cui chiunque estrae, detiene o vende criptovalute potrebbe essere punito con una pena detentiva se la nuova proposta venisse accettata. Inoltre, l'annuncio ha anche confermato che l'India potrebbe anche lanciare la propria moneta digitale nazionale: "Il Gruppo ha anche proposto che il governo mantenga una mente aperta riguardo la moneta digitale ufficiale".

Tuttavia, gli autori della relazione hanno anche proposto di "istituire un comitato permanente per rivedere le questioni affrontate nella relazione come e quando fosse necessario".

Alcuni dei punti chiave del rapporto:

  • Il Comitato raccomanda che tutte le criptovalute private, ad eccezione della criptovaluta emessa dallo Stato, siano vietate in India.
  • Il Comitato raccomanda inoltre che a tutti gli exchange, individui, traders ed altri partecipanti al sistema finanziario sia vietato trattare con le criptovalute.
  • Il Comitato raccomanda una legge che vieti le criptovalute in India e criminalizzi la prosecuzione di qualsiasi attività con criptovalute in India.

Reati:

  • "Chiunque, direttamente o indirettamente, estrae, genera, detiene, vende, commercia, trasferisce dismesse o emette criptovalute o qualsiasi loro combinazione con l'intento di usarle <...> è punibile con una multa o con la pena di reclusione, da uno a dieci anni, o entrambi <...>"
  • "Chiunque, direttamente o indirettamente, promuove, pubblicizza, sollecita, incoraggia o induce a partecipare a qualsiasi attività che comporti l'uso di criptovalute <...> è punibile con una multa o la reclusione fino a sette anni o entrambi."

Rapporti precedenti da parte dei media locali hanno indicato che il progetto di legge potrebbe essere attenuato e una "punizione lieve" potrebbe essere inclusa nella bozza di legge per le persone che utilizzano le criptovalute per "scopi non commerciali".
_____________________

_____________________

Tuttavia, il Comitato sembra essere positivo nei confronti della tecnologia di ledger distribuita (DLT):

"I sistemi basati su DLT possono essere utilizzati da banche e altre società finanziarie per processi come il monitoraggio dell'emissione di prestiti, la gestione delle garanzie, l'individuazione delle frodi e la gestione dei sinistri nelle assicurazioni e i sistemi di riconciliazione nel mercato dei titoli".

Subhash Chandra Garg, Segretario del Dipartimento degli Affari Economici, ha twittato oggi che "Le criptovalute private non hanno alcun valore reale. Giustamente vietate."

"Se il governo decide di fare un passo così drastico, l'India rischia di perdere significativamente terreno sul fronte tecnologico", ha detto a Reuters Sathvik Vishwanath, co-fondatore di Unocoin, una piattaforma indiana di trading cripto. Nischal Shetty, amministratore delegato di WazirX, un'altra borsa indiana di criptovalute, ha detto che spera ancora che la relazione del panel non venga accettata nella sua forma attuale.

Altre reazioni:

Più Articoli