02 nov 2021 · 4 min read

Comunità crypto si beffa del Rapporto sulle Stablecoins

Regolatori Criptovalute
Fonte: Adobe/Feng Yu

Un appello congiunto del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, della Federal Reserve e dei regolatori finanziari affinché il Congresso conceda loro potere sulle stablecoin e sui loro emittenti ha attirato una reazione decisamente mista da parte della comunità crypto.

Gli enti governativi, che hanno prodotto il Rapporto sulle Stablecoin del Gruppo di Lavoro del Presidente, sembrano aver mantenuto le ripetute promesse del presidente della Securities and Exchanges Commission Gary Gensler. Quest'ultimo ha definito le stablecoin simili a "fiches di poker" ad un "tavolo di casinò" e ha paragonato la scena al "selvaggio West".

Nel rapporto, il gruppo ha scritto che "la rapida crescita delle stablecoin aumenta l'urgenza di questo lavoro". Hanno avvertito che "la mancata azione rischia [la] crescita delle stablecoin di pagamento senza un'adeguata protezione per gli utenti, il sistema finanziario e l'economia più ampia".

Gli autori del rapporto hanno detto al Congresso che deve votare a favore di una legislazione che obbligherebbe effettivamente gli emittenti di stablecoin ad ottenere uno status simile a quello delle banche, con depositi assicurati, capitale e requisiti di liquidità - il tutto sotto la supervisione della banca centrale.

Reazioni al Rapporto sulle Stablecoin:

C'è stato un tono conciliante da parte di Jeremy Allaire, il CEO e fondatore di Circle, l'azienda che ha ideato la moneta fiat-pegged USD (USDC).

Allaire ha scritto che la sua azienda, che si sta preparando a quotarsi in borsa e a diventare "una banca nazionale di valuta digitale", era "pienamente solidale con la richiesta al Congresso di agire e stabilire una supervisione bancaria federale per l'emissione di stablecoin".

Ha aggiunto che "la rapida scalabilità e l'importanza strategica di questo per la competitività del dollaro nell'era delle crypto e delle blockchain è fondamentale".

Ma l'amministratore delegato ha notato che ci sono punti problematici da notare nel rapporto, in particolare il fatto che il Gruppo di Lavoro voleva che il Congresso concedesse ai supervisori federali degli emittenti di stablecoin "il potere di richiedere che le varie 'entità' coinvolte nel sostenere il funzionamento e l'uso della stablecoin" siano "anche in grado di essere supervisionate e tenute a 'standard di gestione del rischio appropriati'".

Allaire ha detto che mentre "concettualmente questo ha senso", ha aggiunto che "in pratica" sarebbe "davvero complicato", spiegando:

"Non è davvero possibile supervisionare una rete decentralizzata di miner o validatori, che stanno operando un'infrastruttura che è un'infrastruttura generale di piattaforma web. Qui c'è molto lavoro da fare, aiutando i regolatori a distinguere tra l'internet pubblico (TCP/IP, HTTP, catene pubbliche Web3) e le applicazioni costruite sopra di esse".

Allaire ha aggiunto che anche le clausole relative ai fondi di riserva sono potenzialmente problematiche, aggiungendo:

"Un altro rischio sollevato è intorno alla politica monetaria/al rischio di creazione di credito, in un mondo in cui le stablecoin sono viste come più sicure del denaro a riserva frazionaria. Quindi, [Il gruppo] sta suggerendo che invece della riserva completa le stablecoin dovrebbero essere a riserva frazionaria, per motivi di creazione di credito?"

Molti nella comunità crypto hanno espresso dubbi sulle affermazioni del Gruppo di Lavoro secondo cui gli emittenti di stablecoin potrebbero non riuscire a proteggere adeguatamente le loro riserve o che le loro riserve fiat potrebbero perdere valore. Il gruppo ha aggiunto che un calo di fiducia nelle stablecoin potrebbe portare ad una vendita di asset nel panico da parte degli emittenti e ad una mancata compensazione dei loro clienti in fiat.

Nel frattempo, Samson Mow di Blockstream e CEO di Pixelmatic ha affermato che il rapporto è una mossa diversiva da parte dei regolatori desiderosi di distogliere l'attenzione dalle problematiche in corso dell'economia tradizionale, opinando che "suona solo come un sacco di paura per distrarre dalla minaccia incombente di iperinflazione".

"Il vero rischio sistemico", ha sostenuto, "è il denaro fiat stesso".

Altri si sono scagliati contro il suggerimento che il Congresso possa essere sollecitato a reagire in modo tempestivo su questa o qualsiasi altra questione.


L'emittente di criptovalute Preston Pysh ha opinato che c'è un "senso di urgenza" nel rapporto.

Un commentatore ha riflettuto: "Mi chiedo quale ginnastica mentale abbia portato il Gruppo a concludere che le stablecoin potrebbero portare ad una perdita di efficienza nei pagamenti...".

Altri hanno alzato ulteriormente il sarcasmo.

Il rapporto ha probabilmente fatto suonare un campanello d'allarme al quartier generale di Meta (ex Facebook), dove i piani per lanciare la tanto attesa stablecoin Diem sono ancora in gioco. Il Gruppo di Lavoro ha chiesto che le aziende non finanziarie siano escluse dall'emissione di stablecoin.
____
Per saperne di più: 
- La SEC è pronta a scatenare la repressione sulle Stablecoin
- Facebook: Diem potrebbe essere la stablecoin del Metaverso

- Local Stablecoin ‘Crackdown’ Builds a Case For Decentralized Money
- Countries Should Prevent 'Regulatory Arbitrage' for Stablecoins – FSB

______

Seguici sui nostri canali social:

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
______ 

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN