08 nov 2021 · 2 min read

Tentativo di incendio doloso nell'exchange Upbit

exchange
Fonte: Adobe/W.Scott McGill

La polizia sudcoreana ha rivelato che l'uomo, che è stato arrestato per tentato incendio doloso presso il centro di assistenza clienti dell'exchange di criptovalute Upbit, la scorsa settimana aveva effettuato un disastroso investimento in criptovalute e aveva perso denaro sugli acquisti di token.

Il 4 novembre l'uomo era stato arrestato con l'accusa di aver tentato di darsi fuoco nel corridoio dei prestigiosi uffici di punta nel quartiere Yeoksam di Gangnam, il distretto più facoltoso di Seoul. 

I clienti, in preda al panico, hanno chiamato la polizia sulla scena, quando l'uomo ha iniziato a versare quello che sembrava essere un liquido per accendini o un diluente per vernici in tutto il corridoio principale dell'edificio e poi ha iniziato ad agitare un accendino. Alcuni testimoni hanno affermato che l'uomo si era versato addosso il liquido ed era pronto ad auto-immolarsi, ma in seguito la polizia ha chiarito che l'uomo, di circa 40 anni, aveva invece accidentalmente spruzzato il liquido infiammabile sul suo corpo e sui vestiti, durante il tentativo di rivestire il pavimento e pareti con la sostanza.

Il Joongang Ilbo ha riferito che la polizia ha dichiarato che l'uomo "non era sotto l'influenza dell'alcol" in quel momento, ma sembrava essere stato irritato dalle sue stesse decisioni riguardo l'investimento.

Upbit ha rifiutato di confermare o smentire i rapporti secondo cui l'uomo fosse un cliente, dicendo invece a Joongang:

“I dettagli delle transazioni delle criptovalute sono informazioni personali. Non possiamo confermare tali dettagli".

La stazione di polizia di Suseo, dove l'uomo è stato portato dopo il suo arresto, prevede di accusarlo di accuse "preliminari" di tentato incendio doloso, ed è probabile che sporgerà denuncia "non appena le indagini saranno completate".

L'incidente è diventato un argomento di discussione sui gruppi crypto dei social media, dove un commentatore soprannominato Park ha osservato che "l'investimento in criptovalute è una responsabilità personale" e che "è sbagliato commettere un crimine in un exchange" non importa cosa fosse successo.

Kim Ji-hye, un dipendente di un'azienda i cui uffici si trovano a poche centinaia di metri dal centro servizi Upbit a Yeoksam, ha detto a Cryptonews.com che sebbene avesse "sentito le sirene" al momento dell'incidente, lunedì non c'era "nessun evidente aumento della presenza della polizia nella zona”.
__

Seguici sui nostri canali social:

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN
 

Per saperne di più:
- I trader di criptovalute "liquidati in modo sproporzionato"
- Survey Reveals How Bitcoin, Ethereum & Crypto Bring Job Freedom