09 giu 2021 · 2 min read

Commissario SEC: una stretta regolamentazione delle cripto può ostacolare l'innovazione

Hester Peirce. Fonte: uno screenshot del video, Youtube, Blockland Solutions

Un alto funzionario della Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti ha espresso la sua opposizione ai tentativi dei suoi colleghi regolatori di imporre una regolamentazione rigorosa sugli asset cripto, invece di promuovere l'autoregolamentazione. L'ultima dichiarazione di Hester Peirce, uno dei due repubblicani tra i cinque commissari della SEC, indica una crescente discordia sulla politica delle criptovalute tra i vertici dell'agenzia.

Peirce ha dichiarato al Financial Times di essere preoccupata per la spinta di alcuni regolatori della SEC a svolgere un ruolo più attivo nel mercato delle criptovalute e per come questa tendenza potrebbe potenzialmente contrastare l'innovazione e scoraggiare gli investitori.

"Sono preoccupata che la reazione iniziale di un regolatore sia sempre quella di dire 'Voglio afferrare questo e renderlo come i mercati che già regolo'", ha detto. "Non sono sicura che sarà fantastico per l'innovazione."

Sebbene Peirce non abbia nominato alcun commissario con cui non fosse d'accordo, il suo commento è arrivato nel mezzo di una campagna di Gary Gensler, il nuovo presidente della SEC, volta ad inserire le criptovalute all'interno di un quadro normativo più rigoroso.

Il 26 maggio, presentandosi davanti al sottocomitato per i servizi finanziari e il governo generale della commissione per gli stanziamenti presso la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, la camera bassa del parlamento del paese, Gensler ha (ri)detto ai legislatori che le criptovalute sono una "classe di asset altamente volatile e speculativa ", e che molti token sono contratti di investimento che rientrano nella legge sui titoli degli Stati Uniti.

Riferendosi al valore del mercato globale delle criptovalute, lo zar della regolamentazione ha affermato che le cifre sul volume degli scambi segnalati non sono state verificate o segnalate alle autorità di regolamentazione poiché gli exchange non sono registrati con loro. Inoltre ha affermato che "questa è solo una delle tante lacune normative in questi mercati di criptovalute".

Commentando le osservazioni di Gensler, Peirce ha affermato di essere "preoccupata che si sarebbee cercato di rendere più difficile per le persone fare transazioni veramente peer-to-peer" e che credeva che "la regolamentazione non debba avvenire tutta a livello di governo".

"Puoi avere un'autoregolamentazione abbastanza efficace", ha detto.

E Gensler non è l'unico a spingere per normative cripto sempre più severe. Ad esempio, a maggio, tre importanti autorità di regolamentazione delle banche federali - Office of the Comptroller of the Currency (OCC), Federal Reserve e Federal Deposit Insurance Corporation - hanno tenuto il primo incontro di "un team di interagenzia", focalizzato proprio sulla regolamentazione delle criptovalute.

Peirce è entrata a far parte dell'agenzia nel 2018 dopo essere stata nominata dall'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, guadagnandosi rapidamente il soprannome di "Crypto Mom" per la sua volontà di spingere per la tecnologia blockchain all'interno di un quadro normativo.

Lo scorso aprile, su iniziativa di Peirce, è stata rilasciata una versione aggiornata della proposta di approdo sicuro dei token, che mira a consentire alle aziende di criptovaluta di offrire token nell'ambito delle offerte iniziali di monete (ICO) in conformità con le regole della SEC, guadagnandosi l'elogio da vari rappresentanti dell'industria cripto .

____

Per saperne di più:
- SEC's Hester Peirce on Why US is Behind the Curve on Crypto
- El Salvador Passes Bitcoin Bill: Countdown to Legal Tender Status Begins

- Crypto Industry's Lobbying Power Grows As Former Officials Change Sides
- Paxos, Protego & Anchorage Face 'Regulatory Volatility' in US