Russia: banca centrale fuori dalla regolamentazione crypto

Fonte: Adobe/999xy

 

Secondo un importante avvocato russo è giunto il momento di accelerare la regolamentazione del mining di criptovalute, anche se ciò significa rimuovere la Banca centrale dalla questione.

Banca centrale russa di oppone a tutte le forme di crypto

La banca si oppone a tutte le forme di criptovalute, compreso il mining, e ha proposto due recenti progetti di legge che mirano a mettere fuori legge la proprietà, il mining e le transazioni di criptovalute effettuate utilizzando token sul suolo russo. Tuttavia, la guerra in Ucraina e le sanzioni dell’Occidente e dei suoi alleati hanno reso le criptovalute una questione molto più urgente per la Russia.

Sebbene negli ultimi giorni la Banca Centrale sia stata troppo impegnata a combattere gli incendi economici convenzionali per discutere la regolamentazione delle criptovalute con il più moderato Ministero delle Finanze, la banca ha tradizionalmente approfondito la questione, rallentando il progresso della regolamentazione crypto, nonostante le richieste di una legislazione urgente.

Prima della guerra in Ucraina, anche il presidente Vladimir Putin aveva tentato di intervenire, con l’industria russa del mining di criptovalute in crescita negli ultimi anni.

Maria Agranovskaya, socio dirigente del Grad Legal & Financial Advisory Services affiliato all’Ordine degli avvocati di Mosca e membro del gruppo di lavoro sulla regolamentazione crypto alla Duma di Stato (il parlamento russo), ha detto al Krasnoyarsk Economic Forum che “in Russia, i regolamenti relativi a “criptovalute e mining” erano “necessari in questo momento”.

Ha suggerito che il “lungo processo” potrebbe essere interrotto “rimuovendo le criptovalute” dal mandato della Banca centrale e nominando altri organismi per supervisionare il settore, come il Ministero dell’Energia o il regolatore finanziario Rosfinmonitoring. Questi organismi, ha osservato, hanno già presentato proposte concrete per regolamentare il settore.

Agranovskaya è stato citato da Vedomosti affermando:

“Il [governo] ha già vietato la vendita di asset e servizi a privati russi in cambio di criptovalute, ma non vi è alcun motivo per vietare lo sviluppo di tecnologie e nuovi strumenti finanziari [che fanno uso di] queste tecnologie. Questa è una posizione irragionevole”.

Ha affermato che rimuovendo la Banca centrale dal quadro, l’organismo incaricato di vigilare sul settore non avrebbe nemmeno dovuto approvare una legge per dare il via ai regolamenti, e potrebbe invece emanare linee guida e statuti che non richiedevano un voto alla Duma.

L’esperto legale ha affermato:

“Oggi non c’è nemmeno bisogno di aspettare una legge, che, in linea di principio, dovrebbe essere preparata parallelamente [alle linee guida. Sarebbe necessario preparare diversi statuti che possano essere adottati […] per formare vere basi legali [per il settore]”.

Ha sottolineato che la legislazione alla fine avrebbe bisogno di “definire chiaramente” la terminologia associata alle criptovalute, definendo cosa fossero “mining, data center e mining pool”, oltre a delineare come il settore dovrebbe essere tassato. Agranovskaya ha aggiunto che sarebbe anche utile “sviluppare incentivi a livello regionale” per “sostenere” questa “forma di industria”.

______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

– Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

– Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

– Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______
Per saperne di più:
USA e EU mirano i tentativi russi di evasione nelle crypto
Consumatori russi e aziende sentono l’impatto delle sanzioni
In Russia prezzi crypto altissimi dopo il crollo del rublo