Home NewsBlockchain News

Esperti di Davos: il Fintech non si oppone alla crescita dei paesi in via di sviluppo

Di Jarosław Adamowski
Esperti di Davos: il Fintech non si oppone alla crescita dei paesi in via di sviluppo 101
Jin Keyu, Professore di Economia, London School of Economics and Political Science, Regno Unito, durante la sessione Shaping the Future of Financial and Monetary Systems al World Economic Forum. Fonte: World Economic Forum/Walter Duers

La finanza digitale, le criptovalute e l'economia basata sulla tecnologia blockchain si stanno diffondendo rapidamente nei mercati dei paesi in via di sviluppo, affermano gli esperti del World Economic Forum di Davos.

Gli economisti ritengono che, piuttosto che andare di pari passo con le banche e i finanziatori convenzionali, le operazioni di fintech e le criptovalute siano in forte espansione nei mercati emergenti. La rivoluzione digitale, dicono, non è nemmeno possibile in quanto non esiste "nessun sistema finanziario maturo da ribaltare".

Keyu Jin, professore di economia alla London School of Economics (LSE), ha dichiarato,

“In realtà, i servizi digitali hanno effettivamente riempito un vuoto, piuttosto che aver interotto qualcosa. La Cina è uno dei principali esempi in cui un paese in via di sviluppo ha alcune delle tecnologie leader nel settore del fintech. Ed è molto chiaro che questo sistema molto integrato abbia aiutato il raggiungimento delle aree rurali e abbia aiutato i proprietari di piccole imprese. "

Jin e altri hanno parlato in una sessione del panel intitolata Shaping the Future of Financial and Monetary Systems, tenutasi al forum annuale di Davos martedì.

I membri del panel hanno parlato dei modi in cui l'interruzione digitale sta attualmente rimodellando il settore globale dei servizi finanziari.

Jin ha suggerito che intere comunità lasciate fuori dal giro dalla finanza e dalle banche convenzionali potrebbero presto utilizzare i token digitali piuttosto che le alternative convenzionali relative alle banche.

Incentivi asiatici

Le economie in via di sviluppo, in particolare in Asia, sono sempre più alla ricerca di alternative digitali alla finanza tradizionale, nel tentativo di raggiungere milioni di individui sprovvisti di banca, utilizzando la tecnologia smartphone e blockchain.

Secondo quanto riferito, la Cina sta per rilasciare il suo yuan digitale - ma potrebbe venire battuto all'ultimo secondo dalla Cambogia . La Banca nazionale centrale della Cambogia sta lavorando con uno sviluppatore blockchain giapponese su una soluzione di finanza digitale destinata in modo specifico al 70% -80% della popolazione che attualmente non è raggiunta dai servizi bancari.

Jin ha dichiarato: “Paesi come Cina, India e Brasile sono grandi. Rappresentano oltre il 50% del PIL [globale] ". Tuttavia, l'esperto di LSE ha affermato che le nazioni menzionate non erano sufficientemente" incluse nel sistema finanziario internazionale ".

"Conflitto intrinseco"

Katherine Garrett-Cox, amministratore delegato di Gulf International Bank e moderatore del panel, ha chiesto ai partecipanti in che modo l'apertura causata dalla distruzione digitale dei sistemi finanziari e monetari potrebbe aumentare l'inclusività.

Garrett-Cox ha anche preso atto del "conflitto intrinseco" del settore digitale con l'establishment finanziario, che è al contempo altamente regolamentato e controllato nella sua natura.

Jeremy Allaire, co-fondatore e CEO di Circle , la società cripto americana che gestisce la stablecoin USD Coin , ha dichiarato,

“La rivoluzione digitale nel sistema finanziario fino ad oggi è stata davvero marginale. In pratica, ha messo una nuova interfaccia utente sopra ad un sistema esistente, praticamente è come mettere il rossetto ad un maiale. "

Allaire ha ritenuto che il mondo si trovi ora in un punto di flessione in base al quale i finanzieri "stanno finalmente rivisitando il nucleo stesso del sistema finanziario". Il boss di Circle ha dichiarato che gli esperti stanno ora "ripensando alla natura stessa del denaro" ed al modo in cui esso viene emesso e distribuito.

Allaire ha affermato che i fattori trainanti dei recenti sviluppi includono "un'alleanza di alcune delle più grandi aziende tecnologiche del mondo".

Ha fatto riferimento a "un progetto di stablecoin che raggiungerà miliardi di persone" - molto probabilmente si riferiva a Libra di Facebook

Le iniziative sostenute dallo stato potrebbero anche spingere i token digitali verso il successo, inclusa quella che egli ha definito una "criptovaluta a valore stabile" e che sarà lanciata quest'anno da "massicci sovrani nazionali come la Cina".

I banchieri del panel hanno ammesso che le soluzioni digitali sono in forte ascesa.

Michael Corbat, CEO di Citigroup , ha affermato che il mondo è nelle "primissime fasi della stesura del prossimo capitolo del settore bancario", ammettendo che "quel capitolo sarà interamente digitale".

Tuttavia, Corbat ha affermato,

"Penso che ciò che sfugge ad alcune persone nel settore bancario sia che questa trasformazione da analogico a digitale non sia l'inizio di un nuovo settore."

Ruolo governativo

Nel frattempo, il panel ha anche affrontato il capitolo sulla regolamentazione nel settore fintech. Allaire ha dichiarato: "Penso che sia la chiave per non esagerare in anticipo".

Ed il CEO di Circle ha aggiunto,

"I regolatori stanno intervenendo. Penso che con l'innovazione tecnica nel sistema finanziario ci sia questo compromesso: come possiamo raggiungere lo stesso arco di innovazione che ha avuto luogo con Internet in altre industrie [come] la vendita al dettaglio, i trasporti, i media e la comunicazione [...] sapendo che ci saranno negatività esterne? "
___

Guarda l'intera discussione di seguito:

_____

Scopri di piú: Crypto Enthusiast’s Day-by-Day Guide to Davos

Più Articoli