27 gennaio 2021 · 2 min read

Davos: "Non dare nulla per scontato per i prossimi decenni"

Con la pandemia che ha innescato uno stimolo economico e finanziario intensificato da parte dei governi di tutto il mondo, le autorità di regolamentazione e le banche ritengono di aver adempiuto alla loro missione di garantire liquidità ai mercati, ma la via per uscire dalla crisi dipenderà da un mix di politiche, secondo i partecipanti di una sessione online al Forum economico mondiale oggi.

François Villeroy de Galhau. Fonte: screenshot di un video, Youtube/CNBC International TV

Intitolata Rafforzamento del sistema finanziario e monetario e ospitata da Francine Lacqua, Editor-at-Large e Presentatrice di Bloomberg Television, la tavola rotonda ha fornito una piattaforma per rappresentanti della finanza tradizionale e delle autorità di regolamentazione per presentare le loro opinioni sull'attuale salute del sistema finanziario globale .

In qualità di rappresentante delle banche centrali nella discussione, François Villeroy de Galhau, governatore della Banca di Francia, ha affermato che è tempo di attuare pienamente Basilea III, una serie di misure sviluppate dal Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria all'indomani della precedente crisi e da attuare a livello internazionale.

"Nel caso delle [politiche] fiscali e monetarie, sono a favore di una coppia flessibile. Oggi, non dovremmo dare le cose per scontato per i prossimi decenni ", ha detto il governatore.

Nel frattempo, Jes Staley, Group Chief Executive Officer di Barclays, ha affermato che le banche sono state un catalizzatore della crisi finanziaria del 2008 e che l'attuale recessione ha richiesto un diverso insieme di politiche economiche.

"La risposta del governo a questa pandemia e alla conseguente crisi economica è molto diversa da quella che abbiamo visto nel 2008 e nel 2009", ha detto Staley.

Secondo il CEO di Barclays, stiamo assistendo a una "risposta fiscale senza precedenti", con le banche centrali che utilizzano strumenti per acquistare obbligazioni societarie e titoli ipotecari, tra le varie cose, per iniettare liquidità senza precedenti nei mercati.

 

“Se torni all'influenza spagnola ... ciò che ha portato a vivere i ruggenti anni Venti. C'è stata solo un'esplosione di domanda che ne è derivata ", ha detto Staley, prevedendo che, poiché i consumatori e le piccole imprese stavano tagliando i consumi e accumulando riserve finanziarie, questo potrebbe" portare a una crescita economica piuttosto forte ".

Tuttavia, Kewsong Lee, amministratore delegato della società di gestione degli investimenti The Carlyle Group, ha affermato che "il sistema bancario è molto sano in questo momento", ma la domanda da porsi è "come far ripartire l'economia".

"Potresti avere alcune società insolventi che sono liquide a causa di ciò che è accaduto lo scorso anno", ha detto Lee, affermando che questo era l'esatto opposto della situazione che spesso si era verificata durante la precedente crisi finanziaria globale, con molte società liquide che scivolano verso l'insolvenza .

Nel frattempo, Mary Callahan Erdoes, Chief Executive Officer per Asset and Wealth Management presso JPMorgan Chase & Co., ha affermato che "abbiamo utilizzato ogni acronimo che abbiamo inventato nel 2008 ... e la liquidità e il capitale non erano la questione".

"Le bolle di asset vanno e vengono", ha detto Erdoes, nominando l'ultima ondata di bitcoin (BTC) come una di queste potenziali bolle, ma sostenendo che tali eventi non hanno avuto la capacità di avere un impatto sulla ripresa complessiva dell'economia globale.“

___
Maggiori informazioni: 
Davos Watch: ‘Underestimated’ Digital Revolution & Unsafe 'Magic Money Tree'
A Hint From Davos: Regulating Crypto Is ‘in the Public Interest’
Davos 2021 & A ‘Great Reset’: We Can't Count On the Same Old Globalists
Not Every Country Can Shake The Magical Money Tree Amid Coronavirus Pandemic
Idea Of Taxing Unrealized Gains Resurfaces As Money Printing Intensifies
Crypto in 2021: Bitcoin To Ride The Same Wave Of Macroeconomic Problems