22 giu 2021 · 4 min read

La croce della morte appare sui grafici di Bitcoin, ma potrebbe non significare nulla

Sia il settore cripto che non cripto stanno discutendo di una "croce della morte" apparsa sui grafici bitcoin (BTC), vista da alcuni trader come un segnale ribassista che indica prezzi più bassi a venire. Tuttavia, sembra che non ci siano prove concrete che la croce della morte significhi o "confermi" qualcosa che sta per accadere, ma mostri invece ciò che è già stato messo in moto.

Fonte: Adobe/rahwik

I media, i trader, i charter, gli analisti e altri addetti ai lavori stanno tenendo d'occhio i grafici, dopo che bitcoin ha formato una croce della morte, il che significa che il suo prezzo medio negli ultimi 50 giorni è sceso al di sotto del prezzo della sua media mobile di 200 giorni (MA).

Mentre una croce d'oro indica presumibilmente un movimento del prezzo al rialzo, la croce della morte è un modello grafico tecnico che, come alcuni credono, indica il potenziale per un importante sell-off. Il nome deriva dalla forma a X che si crea quando la media mobile a breve termine scende al di sotto della media mobile a lungo termine.

Ciò segue una serie di annunci dalla Cina che potrebbero rivelarsi dannosi per l'industria delle criptovalute. La banca centrale cinese ha affermato che tutte le più grandi banche commerciali della nazione, così come il gigante Alipay, hanno deciso di aiutarla a mettere in atto un giro di vite più severo sulle criptovalute, mentre anche molte importanti aziende di mining nella provincia del Sichuan dovrebbero chiudere.

Jeffrey Kleintop, Chief Global Investment Strategist per Charles Schwab & Co., è citato da Bloomberg per aver detto che questo giro di vite "forse toglie parte del lustro [di BTC]", aggiungendo che può certamente creare una certa volatilità. Nessuno è sicuro della portata del giro di vite e la Cina è un attore importante nel mercato di Bitcoin".

Detto questo, la croce della morte potrebbe non segnalare così tanto dolore in arrivo.

Jeff Dorman, Chief Investment Officer (CIO) della società di gestione degli investimenti con sede negli Stati Uniti Arca, ha scritto che "si è parlato molto della "croce della morte", poiché la media mobile di BTC a 50 giorni attraversa al di sotto della sua media mobile a 200 giorni, ma non ci sono prove statistiche che questo evento sia un segnale di vendita".

Inoltre, secondo l'operatore dei mercati finanziari di Quantum Economics, Imran Yusof, la croce della morte "non presagisce nulla", incluso l'inizio di una tendenza al ribasso. Sostiene che le MA sono indicatori in ritardo, mentre i crossover MA - che sono molto importanti per alcuni, in particolare i principali mezzi di informazione finanziaria - sono semplicemente indicatori in ritardo di indicatori in ritardo. Un indicatore in ritardo, come la media mobile semplice, è un segnale finanziario che si verifica solo dopo che si sono già verificati cambiamenti nel prezzo sottostante.

Pertanto, ha detto Yusof,

"Questo significa che gli indicatori in ritardo servono solo a confermare una tendenza che è già in atto. Non prevedono tendenze".

 

Un altro motivo per cui i crossover della media mobile non sono così utili, secondo Yusof, è che diversi exchange e fornitori di servizi di creazione di grafici hanno le proprie fonti proprietarie per i dati sui prezzi e questi insiemi di dati possono portare a una forma simile sui grafici nello stesso periodo di tempo, ma con le MA che non si incrociano contemporaneamente, quindi quale grafico è da guardare?

Inoltre, secondo Matt Maley, Chief Market Strategist per Miller Tabak + Co., come citato da Bloomberg, la media mobile a 200 giorni è ancora in aumento e sarebbe più convincente una volta che iniziasse a diminuire.

Inoltre, mentre BTC è stato scambiato in ribasso un mese dopo una croce della morte nel novembre 2019, ha anche segnato una croce della morte nel marzo 2020, che ha poi formato due mesi dopo una croce d'oro.

Tuttavia, secondo un rapporto di CoinShares, nella settimana terminata il 21 giugno, il sentimento ribassista è rimasto concentrato su bitcoin.

Il rapporto afferma che "i prodotti di investimento in asset digitali hanno visto una terza settimana consecutiva di deflussi per un totale di 79 milioni di dollari, in quella che è ora la corsa ribassista più lunga in deflussi da febbraio 2018". Il focus dei deflussi è ancora bitcoin che ha visto la sua sesta settimana consecutiva di deflussi per un totale di 89 milioni di dollari, oltre a 487 milioni di dollari quest'anno.

Alle 11:28 UTC, BTC viene scambiato a 31.713 USD ed è in calo dell'1% in un giorno e del 22% in una settimana. È anche sceso del 51% dal suo massimo storico di 64.805 USD (per Coingecko), raggiunto nell'aprile di quest'anno. Anche il prezzo è aumentato del 239% in un anno.

Nel frattempo, nell'ultima settimana, la dominance di BTC, o la percentuale della capitalizzazione di mercato totale delle criptovalute, è aumentato dal 43% a quasi il 47%, secondo i dati Coinmarketcap, poiché molte altre monete stanno perdendo il loro valore rispetto a BTC.

___

Altri approfondimenti

____

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN   

Per saperne di più:
- Bitcoin Was This Cheap Only 20% of Its History - Pantera CEO
- Bitcoin Should Be Treated as a Five to Ten Year Investment - Kraken CEO

- DeFi Spectacular Returns Unsustainable In Long-Term - Research
- Fundstrat's Tom Lee Boosts Bitcoin Target 25% Despite Musk's Criticism