06 ott 2021 · 3 min read

Corea del Sud: depositi sui "Big Four" exchange in aumento

Corea del Sud Crypto
Fonte: Adobe/willyam

I quattro più grandi exchange di criptovalute della Corea del Sud, i "Big Four" ora stanno abbastanza bene: due di loro hanno ricevuto licenze operative dal regolatore finanziario e i dati hanno rivelato che ora sono inondati di depositi dei clienti. Anche le commissioni bancarie stanno esplodendo, lasciando l'"oligopolio" a questi quattro exchange pronti a regnare incontrastato sull'industria delle criptovalute della nazione. Ma i funzionari doganali affermano di aver rilevato decine di incidenti di commercianti illegali di kimchi premium che effettuano "transazioni illegali".

I Big Four: Upbit, Korbit, Bithumb e Coinone

Upbit, l'exchange leader di mercato, e Korbit, la prima piattaforma di trading della nazione, sembrano aver ricevuto i loro permessi a poche ore l'uno dall'altro, secondo quanto riportato da iNews24 e Chosun. Bithumb e Coinone, i restanti due membri, sperano che le proprie licenze vengano approvate presto. Queste quattro sono state le uniche piattaforme di trading a concludere le principali partnership bancarie che consentono loro di offrire ai clienti servizi bancari individuali approvati dal nome reale. Senza accordi bancari, agli exchange è stato detto che non sarebbero stati autorizzati a offrire accoppiamenti fiat KRW a partire dal 24 del mese scorso.

Nel frattempo, Kyunghyang Shinmun ha riferito che i dati compilati dal Servizio di vigilanza finanziaria e presentati al deputato Yoon Chang-hyeon, membro del Comitato per gli affari politici dell'Assemblea nazionale, mostrano che i depositi, utilizzando conti reali presso i quattro grandi exchange, hanno raggiunto un totale cumulativo di 7,75 miliardi di dollari. Questa cifra rappresenta un incredibile aumento del 1,368% rispetto a giugno dello scorso anno, quando dati simili sono stati compilati l'ultima volta.

Inoltre, il numero di conti verificati con nome reale presso le banche partner è aumentato del 777% rispetto allo scorso anno, con oltre 7,3 milioni di conti aperti ora.

Anche le banche si stanno crogiolando nel successo, mostrano i dati. Con l'aumento del numero di transazioni, anche le commissioni di trading pagate dai clienti sono aumentate.

Solo nel secondo trimestre dell'anno finanziario in corso, K-Bank (che è partner di Upbit), Nonghyup Bank (Bithumb e Coinone) e Shinhan Bank (che è partner di Korbit) hanno ricevuto un totale complessivo di 14,2 milioni di dollari in commissioni dagli exchange. Questa cifra rappresenta un aumento del 3,139% nel terzo trimestre dell'anno fiscale 2020, ha osservato il media.

Ancora transazioni illegali negli Exchange

Tuttavia, i regolatori e i funzionari doganali hanno fiutato in giro per segnali di gioco scorretto tra i clienti dei quattro grandi exchange e i clienti di altre piattaforme di trading, e questa settimana hanno affermato di aver identificato decine di transazioni illegali.

Secondo SBS, il servizio doganale coreano afferma di aver rilevato transazioni illegali all'estero utilizzando criptovalute per un importo di 684 milioni di dollari nel periodo gennaio-agosto 2021, un aumento di 40 volte rispetto alle cifre del 2020. Si pensa che una grossa fetta di questa cifra sia opera degli opportunisti del kimchi premium, che hanno trasferito fiat all'estero per effettuare acquisti di criptovalute a prezzi inferiori prima di "scaricare" le monete sugli exchange nazionali, dove vendevano fino all'8% -10% in più.

Secondo i dati di Skolkg.com, il kimchi premium sta tornando molto gradualmente insieme all'aumento dei prezzi, con i token scambiati a circa il 2% in più rispetto alle piattaforme internazionali.

La legge sudcoreana specifica che tutte le transazioni all'estero di valore superiore a 5.000 USD devono essere segnalate ad un ufficio doganale. Ma coloro che cercano di guadagnare velocemente dal trasferimento di fondi all'estero hanno aggirato sempre di più i funzionari doganali e hanno cercato di farli perdere le tracce usando le criptovalute, lavorando su piattaforme estere quando possibile.

Nel 2017, invece, è stato registrato un solo trasferimento monetario illegale legato alle criptovalute, per un valore di circa 82.000 dollari.

Ma ora che i "big four" sembrano muoversi con grande alacrità sotto l'ala regolamentare della Commissione per i servizi finanziari e della sua agenzia dell'Unità di informazione finanziaria, questi opportunisti sono destinati a essere martellati con tutta la forza della legge sudcoreana: i Big Four hanno debitamente consegnato i registri commerciali dei loro clienti, che ora utilizzano esclusivamente conti privi di anonimato, a revisori fiscali e doganali, scatenando repressioni, sequestri di token e persino alcune liquidazioni forzate.

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______
Scopri di più:
- Check These Four Banks and Their Moves Into Bitcoin & Crypto Custody
- South Korean Regulators Deserting Jobs for Posts in Crypto, Fintech and Finance 

- More Crypto Regulation May Be on its Way in South Korea, Japan 
- I volumi di trading degli exchange cripto coreani crollano