Un architetto dello Yuan digitale: “Immagina le valute digitali della banca centrale su Ethereum o Diem”

Tim Alper
| 2 min read

Uno dei principali architetti dello yuan digitale cinese ha discusso la possibilità che le valute digitali della banca centrale (CBDC) possano operare su reti come Ethereum (ETH) o la (non ancora lanciata) piattaforma blockchain di Facebook  Diem (precedentemente Libra) come parte di un sistema operativo a due livelli.

Fonte: Adobe/H_Ko

I commenti sono arrivati ​​da Yao Qian, capo dell’ufficio di supervisione scientifica e tecnologica presso la China Securities Regulatory Commission (CSRC) ed ex capo del dipartimento di valuta digitale della Banca centrale cinese (PBoC). I suoi recenti commenti, secondo Sina e Chain News, sono stati fatti durante il fine settimana al Forum finanziario internazionale del 2021.

Yao ha affermato:

“Immagina se il dollaro digitale e lo yen digitale operassero direttamente su reti blockchain come Ethereum e Diem. La banca centrale potrebbe quindi fornire direttamente la CBDC ai clienti attraverso i sistemi Blockchain-as-a-Service(BaaS) senza la necessità di un broker”.

Yao ha parlato di problemi relativi all’architettura operativa che potrebbero influenzare le CBDC, incluso lo yuan digitale, e ha affermato che sempre più paesi in tutto il mondo stanno gravitando verso modelli a due livelli per le loro valute digitali. Anche lo yuan digitale, ha osservato, è di natura a due livelli, il che significa che potrebbe funzionare allo stesso modo.

I modelli di CBDC a due livelli presuppongono un organismo di emissione centrale (una banca centrale) che distribuisce token alle banche commerciali, che fungono da intermediari. I commenti di Yao, tuttavia, sembrano indicare che secondo lui le banche centrali potrebbero cercare di utilizzare due modelli di emissione: uno che utilizza intermediari e un’altro che aggirerebbe del tutto le banche commerciali.

Tuttavia, Yao ha affermato che una natura più flessibile potrebbe effettivamente consentire alle CBDC di operare sia come valuta a due livelli che come valuta a livello singolo in parallelo. Mentre un’opzione a livello singolo, che comporterebbe la distribuzione di token direttamente ai consumatori finali, sarebbe più vantaggiosa per i soggetti non bancari, ha affermato Yao, i clienti delle banche invece trarrebbero vantaggio dalla possibilità di scegliere.

Egli ha detto:

“Personalmente penso che i modelli di CBDC a due livelli e i modelli operativi a livello singolo non siano alternative tra cui scegliere. Proprio come i taxi e gli autobus, i due sembrano funzionare in armonia tra loro e consentono agli utenti di scegliere tra i due”.

Yao, che ha lasciato il suo ruolo alla PBoC nel 2019, faceva parte del team originale che ha iniziato a lavorare sullo yuan digitale nel 2014. Durante il suo discorso ha affermato che stava parlando a titolo personale e che le sue opinioni non erano quelle della CSRC o della PBoC.

Ed ha anche respinto un’accusa mossa dal presidente della Federal Reserve Jerome Powell il mese scorso, che affermava che token come lo yuan digitale consentirebbero alle banche come la PBoC di “vedere ogni singolo pagamento”.

Yao ha detto:

“Aiutare il governo a vedere tutte le transazioni in tempo reale non era nelle intenzioni della PBoC. Le banche centrali devono aiutare la moneta fiat a rinnovarsi di fronte all’ondata della digitalizzazione”.

____
Per saperne di più:
Digital Yuan Not Intended for the International Stage, Say Experts
Digital Yuan Gets a ‘Lackluster’ Welcome at Biggest Test Site

Poland Should Introduce CBDC To Protect Its Economy – Stock Exchange CEO
Bahamas, Cambodia, China Lead Global CBDC Race, UK Launches Taskforce
Prepare For ‘Uncertain Future of Money’ – US Intelligence Center

Economists: CBDCs to ‘Flop’ if They Aren’t Designed as Stores of Value
2021 Trends in CBDCs: More Pilots, Maybe Some Launches, But Not For Retail