26 mag 2021 · 3 min read

Yuan digitale non destinato alla scena internazionale, dicono gli esperti

L'imminente arrivo dello yuan digitale cinese potrebbe non essere destinato a lasciare un segno sulla scena monetaria internazionale, dopotutto, e potrebbe, almeno inizialmente, essere limitato ai casi di utenti domestici, hanno affermato gli esperti.

Fonte: Adobe / nespix

Gli stakeholder, tra cui Michael Sung, il fondatore di CarbonBlue Innovations, stavano parlando ad una sessione dal titolo “La Sfida del Secolo? Impatti geopolitici dello yuan digitale cinese "al vertice del Consensus digital di Coindesk di oggi. Il token non era inteso come una soluzione rapida alla dollarizzazione degli accordi commerciali della Cina, ma piuttosto Sung e altri sostenevano che il token avrebbe potuto trovare usi ad Hong Kong, Macao e in altri territori della Cina,.

Sung, quando gli è stato chiesto se lo yuan digitale potesse essere utilizzato al di fuori della Cina negli accordi commerciali, ha osservato che la "posizione ufficiale" della Banca popolare cinese (PBoC) era che il token sarebbe stato utilizzato per scopi "domestici" e continentali.

Tuttavia, ha sottolineato l'importanza del fatto che il versione pilota dello yuan digitale è stata ora estesa al Pearl River Delta e alla Greater Bay Area del Guangdong-Hong Kong-Macau, che comprende sia Hong Kong che Macao. Ha aggiunto che "c'è una pianificazione" per "l'estensione" del CNY digitale "oltre i confini", sebbene ciò sia stato "principalmente" fatto con l'obiettivo di facilitare i "turisti cinesi" in "località oltremare".

Ha anche detto che ci sono "sviluppi interessanti" in gioco, vale a dire il fatto che la Banca popolare cinese (PBoC) ha cercato di unirsi a piattaforme di regolamento all'ingrosso con partner internazionali - con "un ecosistema basato sulla blockchain" che aiuta "la possibile internazionalizzazione".

Piuttosto che cercare di convincere i partner commerciali a concludere accordi nella valuta digitale cinese, Sung ha affermato che Pechino sembra desiderosa di promuovere "ponti" tra Cina, Emirati Arabi Uniti, Hong Kong e Thailandia. Tra questi "ponti" è inclusa la piattaforma mCBDC Bridge guidata dall'Autorità monetaria di Hong Kong con la partecipazione della banca centrale.

Ha aggiunto che tali iniziative potrebbero "consentire alle banche centrali di chiarirsi e stabilirsi tra loro" senza l'intervento di terze parti come il protocollo SWIFT - e possibilmente senza bisogno di "terze valute" come l'USD ".

Ha aggiunto che tali piattaforme "potrebbero [fare uso di] commissioni, ma ha detto che queste sarebbero" inferiori "rispetto a quelle attuali", e non ci sarebbe la "necessità di banche corrispondenti", consentendo transazioni "in formato digitale con modulo end-to-end."

Sung ha concluso che Pechino sembra essere puntuale con i suoi piani per fare un lancio commerciale alle Olimpiadi Invernali all'inizio del prossimo anno, sostenendo che l'evento "potrebbe essere un buon stress-test" per lo yuan digitale.

Zou Chuanwei, capo economista di Wanxiang Blockchain, ha convenuto che era impossibile "escludere la possibilità di usi transfrontalieri" per il nuovo token, ma che l'utilizzo sarà "inizialmente solo in Cina e territori vicini alla Cina".

Zou ha aggiunto:

"I pagamenti transfrontalieri non sono una priorità."

E il funzionario della Blockchain di Wanxiang ha osservato che l'utilizzo principale del RMB digitale sarebbe nelle "transazioni da consumatore a consumatore o da consumatore a impresa", e non sarebbe usato frequentemente negli accordi Business-to-business (B2B) o in significative transazioni finanziarie.

Nel frattempo, Yaya J. Fanusie, del Center for a New American Security, ed ex esperta di antiterrorismo per la CIA, ha respinto l'idea che il token fosse stato sviluppato nel tentativo di sostituire l'USD come valuta di riserva globale, affermando:

"I grandi problemi strutturali non verranno compensati solo grazie all'introduzione di una nuova valuta digitale".

Fanusie ha aggiunto che la PBoC sembra desiderosa di "inserirsi maggiormente nell'architettura di pagamento cinese".

Ha anche affermato che lo yuan digitale "darebbe alla Cina più margine di manovra negli scenari di ritorsioni economiche":

“Immagina se [...] le società straniere [che operano in Cina] dovessero [utilizzare il CNY digitale] per le transazioni al dettaglio. Potrebbe quindi essere più facile tagliare le transazioni a loro o ad aziende di paesi che hanno avuto una disputa politica con la Cina? "

E sul tema dell'adozione della valuta digitale da parte della banca centrale (CBDC) in altre parti del mondo, ha affermato che era evidente che nelle discussioni CBDC internazionali c'era la "paura di essere tagliati fuori", con una più ampia "preoccupazione per la dollarizzazione e le cripto" che guidava gli sforzi della CBDC nel tentativo di "mantenere la sovranità monetaria [degli stati]".
____
Per saperne di più:
- Does Digital Yuan Threaten Global Stability?
- Digital Yuan Gets a ‘Lackluster’ Welcome at Biggest Test Site

- Poland Should Introduce CBDC To Protect Its Economy - Stock Exchange CEO
- Bahamas, Cambodia, China Lead Global CBDC Race, UK Launches Taskforce
- Prepare For 'Uncertain Future of Money' – US Intelligence Center

- Economists: CBDCs to ‘Flop’ if They Aren't Designed as Stores of Value
- 2021 Trends in CBDCs: More Pilots, Maybe Some Launches, But Not For Retail