DOGE, BONK e PEPE stanno risalendo. Ma quali saranno le prossime meme coin che esploderanno?

Lucio Prosperi
| 3 min read

Le meme coin da sempre hanno diviso la cryptosfera. Mentre alcuni, oltre alle potenziali grandi plusvalenze, ci vedono una forte impronta della cultura moderna in un universo in continua evoluzione, altri le descrivono come simboli del lato negativo delle criptovalute, sottolineando in particolare la loro volatilità.

Ma è innegabile che nel 2023 si siano ancor più affermate nel panorama delle criptovalute emergenti.

Il 2024 sarà l’anno delle meme coin? Tanto per cominciare, i primi due giorni di gennaio hanno comunque visto aumentare i prezzi delle principali.

Un inizio promettente


I primi due giorni del 2024 hanno davvero sorriso ai detentori di DOGE, BONK e PEPE. L’andamento di Dogecoin (DOGE) ha registrato una spettacolare crescita, passando da 0,08061 euro il 1 gennaio a 0,085258 il giorno successivo, con un incremento di quasi il 6%.

Anche PEPE, la meme coin più radicata nella cultura web, ha registrato un significativo aumento. Il suo prezzo è infatti salito da 0,000001159 € a un picco di 0,000001291 il giorno successivo. Il token è attualmente valutato a 0,000001247 e ha registrato un solido aumento del 5% nell’arco degli ultimi 7 giorni.

BONK è a sua volta in aumento, sebbene in modo meno significativo rispetto alle due precedenti. Il suo prezzo è salito da 0,00001169 € a 0,00001383 la mattina successiva, ma una correzione è intervenuta. In ogni caso, al momento in cui stiamo scrivendo, il token si sta ancora negoziando a 0,00001279 euro.

Al di là dei token già consolidati, nel mondo delle meme coin, gli investitori sono sempre alla ricerca di qualche nuova “pepita”, in grado di generare rendimenti sempre più elevati.

In questo inizio del 2024, stanno destando particolare interesse tre criptovalute: Analos, Meme Kombat e Shiba Inu.

Analos, un’opportunità da cogliere?


Creato per unire l’universo e la cultura delle meme coin con la blockchain Solana (il suo nome è quello della blockchain… al contrario), il token analoS sembra a prima vista rappresentare un buon affare.

Dopo aver raggiunto un massimo storico di 0,001941 euro il 25 dicembre, probabilmente grazie all’annuncio della sua quotazione su Kucoin, la meme coin ha cominciato a perdere un po’ del suo splendore. Il prezzo è infatti sceso a 0,0002036 euro solo 2 giorni dopo.

Molti probabilmente hanno già deciso di “abbandonarlo” ma poi l’andamento si è stabilizzato da allora. Attualmente, il token è valutato a 0,0002394 euro. C’è in previsione una risalita? Un ritorno della pressione degli acquirenti potrebbe decisamente contribuire in questo senso.

L’evoluzione del prezzo di Analos da dicembre 2023

Gli analisti e Google Bard sono fiduciosi su Shiba Inu


Anche se condividono lo stesso simbolo, la differenza più grande tra Dogecoin e Shiba Inu è che il primo è costruito sulla propria blockchain, mentre Shiba Inu funziona su Ethereum. Quest’ultimo, nonostante abbia appena subito una correzione al ribasso, passando da 0,00001088 euro il 18 dicembre a 0,000009553 oggi, ha avuto un dicembre interessante.

Gli analisti non vedono resistenze significative che impediscano di raggiungere gli 0,00001361 euro di febbraio 2023. Attenzione, dunque, perché anche in questo caso, potrebbe esserci un’interessante opportunità da cogliere.

Quando abbiamo chiesto a Bard, la nuova intelligenza artificiale sviluppata da Google, le sue previsioni riguardo al token, si è mostrata molto ottimista, ritenendo che il token beneficerà dell’imminente halving di Bitcoin e della crescita di Shibarium, la sua nuova blockchain Ethereum di livello 2 lanciata lo scorso agosto.

L’evoluzione del prezzo di Shiba Inu da dicembre 2023

Meme Kombat, la prossima pepita?


Mentre il token $MK può ancora essere acquistato al prezzo di $0,268 per ancora un po’ meno di 2 giorni (prima di salire a $0,269), la prevendita di Meme Kombat continua a catturare l’attenzione degli investitori.

Il progetto ha già raccolto nientemeno che $5,770 milioni, in virtù di un ecosistema molto audace, che consente alla comunità di scommettere sulle battaglie tra i personaggi delle meme coin, all’interno di un’arena di combattimento, il tutto gestito dall’Intelligenza Artificiale.

In altre parole Meme Kombat è una fusione tra l’universo dei meme e quello delle scommesse, due settori tra i più promettenti nel mondo delle criptovalute.

La quantità totale di token per Meme Kombat è fissata a 120 milioni. Di questi, il 50% sono venduti durante le varie fasi della prevendita, il 30% è riservato per lo staking e i premi per le scommesse, il 10% è destinato alle ricompense della comunità e un altro 10% ai pool di liquidità per gli exchange decentralizzati.

Meme Kombat sembra avere molte frecce al suo arco e rappresenta un’opportunità da non perdere, perché potrebbe essere una delle sorprese del 2024.

 

Le criptovalute sono altamente volatili e non regolamentate. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbe essere applicata una tassa sugli utili.