Home NewsBitcoin News

Il gigante e-commerce Rakuten consente ai suoi clienti di scambiare punti per criptovalute

Di Tim Alper
Il gigante e-commerce Rakuten consente ai suoi clienti di scambiare punti per criptovalute 101
Il CEO di Rakuten Hiroshi Mikitani. Fonte: Rakuten

Il gigante giapponese dell'e-commerce Rakuten ha annunciato che consentirà ai clienti di scambiare i propri punti fedeltà con tre principali criptovalute.

Secondo una dichiarazione ufficiale, i cui dettagli sono stati condivisi dal media giapponese Crypto Watch, il gruppo aziendale consentirà agli utenti di riscattare i Rakuten Super Points con Bitcoin, Ethereum e Bitcoin Cash, anche se per farlo dovranno disporre di account Rakuten Wallet .

I clienti dovranno inoltre avere un minimo di 100 punti nei loro account per utilizzare il servizio.

La società ha inoltre posto un limite di transazione di 100.000 punti sugli scambi mensili e un limite di transazione individuale di 30.000.

Rakuten, una delle più grandi società giapponesi, soprannominata la "Amazon del Giappone", afferma che spera che la mossa aumenti il numero di persone che usano le criptovalute e allarghi la portata dei suoi servizi di punti.

I servizi online di Rakuten includono anche media e streaming, servizi mobili, l'app di chat Viber , servizi finanziari e attività sportive. Prevede inoltre di lanciare una moneta Rakuten. Anche i clienti in paesi diversi dal Giappone possono guadagnare punti super, ma l'annuncio non sembra fare menzione di clienti esteri.

Il gruppo Rakuten afferma che i loro servizi hanno quasi 1,3 miliardi di membri.

Il gigante e-commerce Rakuten consente ai suoi clienti di scambiare punti per criptovalute 102
Fonte: Rakuten

La società ha iniziato ad accettare pagamenti in Bitcoin nel 2015.

E anche Rakuten ha iniziato a offrire spot trading tramite il Rakuten Wallet nell'agosto di quest'anno, con accoppiamenti di yen per BTC, BCH ed ETH. La compagnia ha comprato l'exchange cripto Everybody’s Bitcoin, dotato di licenza della Financial Services Agency, nel 2018 per circa 2.4 milioni di dollari.

Come riportato a luglio, la società si stava preparando per una raffica di attività legate alle criptovalute già all'epoca - espandendosi nell'ambito di un prossimo lancio di token e facendo pressioni su Tokyo per una riforma legislativa.

Più Articoli