Ecco perché Ripple (XRP) presto potrebbe esplodere

Laura Di Maria
| 3 min read

XRP è un progetto nato nel 2013 che in un primo tempo si limitava a offrire un nuovo sistema operativo per transazioni e registri su blockchain. Dal momento che le transazioni avevano commissioni minime ed erano confermate in meno di 5 secondi, XRP presto si è affermato come uno dei principali player del mondo crypto.

Gli ultimi anni sono stati alquanto limitanti. La risoluzione delle cause che vedevano Ripple contrapposta alla SEC con l’accusa di aver venduto titoli non registrati ha dato un po’ di slancio al prezzo nel corso dell’anno.

Adesso molti analisti prevedono nuovi rally nel breve periodo.

Un anno complesso per Ripple


In questo momento Ripple (XRP) è scambiato a 0,6215$. Ben distante dal picco massimo raggiunto nel 2018, di oltre 3,84$.

Tanti fanno notare che la causa contro la SEC abbia privato il token dell’occasione del rally e la conseguente esplosione dei prezzi che molti token hanno registrato nel 2021. Del resto, dopo l’inverno crypto che ha caratterizzato il 2022, il prezzo di XRP sembrava recuperare valore verso aprile e maggio scorsi.

Quindi è seguito un periodo di stagnazione proseguito fino a oggi che si quota poco sopra il livello raggiunto a fine aprile. Nel frattempo, però, ci sono stati due slanci interessanti. Uno a metà luglio, cioè in concomitanza con la sentenza che scagionava Ripple dall’accusa di aver venduto token come un titolo senza contratto di investimento.

In quell’occasione, il prezzo ha registrato un incremento nell’ordine del 25%.

Il secondo rally è avvenuto all’inizio di novembre alla notizia della partnership tra Ripple e KFH, una delle maggiori banche del Kuwait, per facilitare servizi di pagamento transfrontalieri.

Quindi, le ultime due settimane hanno visto un calo progressivo del prezzo di XRP. Ora il prezzo sembra avvicinarsi a un livello di supporto molto delicato. Gli analisti sono cauti perché la direzione che potrebbe prendere il prezzo è ambigua.

Fonte Tradingview

Nonostante i dubbi, emerge una tendenza al rialzo


I professionisti utilizzano l’indice di forza relativa (RSI) per prevedere le fluttuazioni del mercato. Si tratta di un indicatore che aiuta a determinare se un asset è ipercomprato o ipervenduto.

L’equazione è semplice: se l’RSI è superiore a 50 e il trend è al rialzo, allora dovremmo aspettarci che il prezzo salga. D’altra parte, se è sotto 50, i trader prevedono un calo. L’analisi di XRP fornisce risultati alquanto contraddittori, perché l’indicatore è in calo seppure sopra il valore di 50.

Fonte Tradingview

Resta da osservare il comportamento del prezzo di XRP sopra la zona di supporto a 0,55$ per comprendere come evolverà in futuro.

Questa zona coincide anche con la linea di supporto del trend ascendente a lungo termine, quindi una caduta al di sotto di questa sarà il segnale della fine del trend rialzista.

Se si dovesse verificare questa ipotesi ci si aspetta un calo di XRP del 30% fino al prossimo supporto intorno a 0,42$. Al contrario, un significativo rimbalzo sopra la zona di 0,55$ potrebbe consentire a XRP di rivisitare la resistenza di 0,618$ di Fibonacci.

Il che rappresenterebbe comunque un aumento del 22% rispetto al prezzo attuale.

Alternative con prospettive di guadagno maggiori: yPredict


Gli esperti crypto stanno valutando anche il potenziale di un altro token emergente, ora in prevendita: yPredict.

Il progetto combina crypto e intelligenza artificiale per offrire una soluzione innovativa per valutare l’andamento del mercato crypto. L’interesse per il progetto yPredict è palpabile e ha ottenuto finora finanziamenti per oltre 5 milioni di dollari.

Ora si trova nell’ottava e ultima fase ed è venduto a 0,11$. Si avvicina sempre più veloce l’obiettivo finale della raccolta, fissato a 6,5 milioni di dollari.

L’obiettivo della piattaforma yPredict è offrire uno strumento che sfrutta l’IA per le analisi del trading crypto.

Il successo di soluzioni di OpenAI come gli strumenti ChatGPT e DALL-E dimostrano la crescente versatilità dell’IA, dalla creazione di contenuti, testi e immagini, agli scopi commerciali.

Per adattarsi a questa ricca proliferazione di servizi di intelligenza artificiale, yPredict ha lanciato anche WriteMingle, l’assistente di scrittura IA della piattaforma.

Si tratta di un’integrazione che arricchisce l’offerta di yPredict necessaria per diventare una piattaforma poliedrica e versatile adatta alle esigenze dei trader crypto.

La notevole trazione della prevendita conferma la posizione di leader di yPredict nello sfruttare il potenziale dell’IA nel trading di criptovalute.

Nonostante sia ancora agli inizi, la linea di prodotti diversificati di yPredict costituisce una solida offerta. Ora che il settore dell’intelligenza artificiale registra sempre maggiore attenzione, il settore delle criptovalute sta subendo importanti cambiamenti.

Il successo della prevendita di yPredict ne ha favorito l’ulteriore espansione, così da affermarsi come soluzione all’avanguardia per integrare i due mondi ad alta innovazione tecnologica: intelligenza artificiale e criptovalute.

Questo rende l’azienda una realtà da tenere d’occhio, visto che continua a sviluppare questa tecnologia altamente versatile e futurista.

Le criptovalute sono altamente volatili e non regolamentate. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbe essere applicata una tassa sugli utili.