10 febbraio 2021 · 4 min read

Elon Musk infuria contro Wallet, potrebbe finire nei guai

Twitter, Elon Musk e cripto - sembra che non passi quasi un minuto senza che una combinazione dei tre domini i titoli. E sembra che il supremo di Tesla sia stato di nuovo impegnato dietro la sua tastiera per una nuova ondata di tweet a tema cripto nel momento in cui i regolatori americani potrebbero inseguire Musk per la sua attività su Twitter.

Elon Musk. Fonte:  screenshot video, Youtube, Bloomberg.

Ora sta prendendo di mira il servizio di criptovaluta Freewallet e condividendo meme a tema Chuck Norris, mentre i regolatori, secondo quanto riferito, considerano di muoversi contro di lui a seguito delle recenti attività di Tesla legate a bitcoin (BTC).

Dopo che l'account Twitter di Freewallet ha twittato-quotato un post a tema dogecoin (DOGE), Musk ha risposto scrivendo "la tua app fa schifo" e aggiungendo la battuta tagliente,

"Qualsiasi portafoglio cripto che non ti darà le tue chiavi private dovrebbe essere evitato a tutti i costi."

Il team di PR del portafoglio è andato in tilt, scrivendo la seguente dichiarazione:

"Ciao Elon, l'app è online. Le integrazioni per l'acquisto, lo scambio e gli strumenti merchant funzionano, il supporto è disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7. È bello che tu abbia provato noi tra tutti i servizi di cripto. Per qualsiasi cosa possiamo aiutarti, faccelo sapere. "

 

Tuttavia, come recita l'adagio, gioca con il fuoco e ti brucerai. Musk ha debitamente risposto con una chiamata all'operatore del portafoglio "sbloccate perfavore il mio account", scatenando un torrente di risposte a tema, molte delle quali dirette al fornitore del portafoglio.

Lo sviluppatore schietto e autoproclamato "scettico sulla blockchain" Udi Wertheimer è entrato nella faccenda sempre più caotica, twittando: "Non posso".

 

L'uomo più ricco del mondo ha interrotto le sue frecciate a Freewallet per condividere un meme a tema cripto (sì, hai indovinato) sull'exchange cripto più famoso di tutti.

Questo è il vero potere haha https://t.co/Fc9uhQSd7O

— Elon Musk (@elonmusk) 

!function(d,s,id){var js,fjs=d.getElementsByTagName(s)[0];if(!d.getElementById(id)){js=d.createElement(s);js.id=id;js.src="//platform.twitter.com/widgets.js";fjs.parentNode.insertBefore(js,fjs);}}(document,"script","twitter-wjs");

Nel frattempo, The Daily Telegraph (tramite The Age) afferma che i regolatori americani potrebbero inseguire Musk per la sua attività su Twitter, che ha occupato i titoli dei media sia cripto che mainstream per tutto l'anno.

Il giornale ha citato esperti che hanno concluso che era "probabile che venisse interrogato" dall'American Securities and Exchange Commission (SEC) per comprendere  "se Tesla possedesse già bitcoin quando il suo intervento sui social media ha fatto salire i prezzi".

Il media ha citato Doug Davison, un ex capo filiale della SEC, come affermando:

"Non sarebbe sorprendente - data l'attenzione ai tweet dell'amministratore delegato, ai prezzi dei bitcoin e alle recenti e drammatiche mosse del mercato - che la SEC ponga domande sui fatti e sulle circostanze".

Vitor Constâncio della Banca centrale europea ha affermato che "non è stato divulgato quando Tesla aveva fatto questo investimento" - un suggerimento che alcuni significa che Musk possa aver cercato di aumentare i prezzi a vantaggio della sua azienda.

Nel frattempo, un falso insider di Tesla che ha "svelato" i piani dell'azienda di accettare bitcoin su Reddit giorni prima che la società guidata da Musk facesse la sua grande rivelazione su BTC si è fatto avanti, sostenendo che le droghe lo avevano spinto a trollare la comunità cripto.

Secondo il New York Post,  non era un dipendente Tesla dopotutto, ma uno studente di scienze politiche di 24 anni dalla Germania di nome Hendrik (cognome nascosto) che ha preso il narcotico allucinogeno LSD prima navigare in rete.

 

Hendrik ha dichiarato,

“Se vuoi sapere la verità: sono un giovane tedesco ed ero sotto acido mentre facevo questo post nell'ultimo mese. Avevo l'afflato che Elon avrebbe acquistato bitcoin, quindi ho creato questo trollpost. E ora tutti i giornali di tutto il mondo ne parlano, è piuttosto divertente e spaventoso a essere onesti. "

Hendrik ha aggiunto, tuttavia, che il suo post è stato ispirato da notizie reali - vale a dire uno scambio (su Twitter, dove altro?) Tra Musk e Michael Saylor, capo della società di software americana che acquista bitcoin MicroStrategy.

Dopo le riflessioni di Musk sui bitcoin, Saylor si è offerto di condividere il suo "playbook" per l'acquisto di BTC con il capo di Tesla.

E questo apparentemente ha ispirato la mente di Hendrik, sotto effetto di droga, a inventare uno scenario che lo ha portato a creare il post. Ha concluso,

"Io e la mia ragazza abbiamo preso l'acido e ho visto la conversazione tra Saylor e Musk su Twitter, e ho pensato, sì, perché non dovrebbe comprare bitcoin? È pazzo e ha molti soldi, quindi perché no? "

__
Maggiori informazioni: 
- Here’s What the Mainstream Media Makes of Tesla’s Bitcoin Move
- Bitcoiners Bristle as Musk-fuelled Dogecoin Rocket Re-enters Top 10
- GameStop and Dogecoin Show How Memes Can Move Markets