Home News

Emergenza presso l'exchance IDAX: il CEO è dato per disperso (AGGIORNATO)

Di Linas KmieliauskasSead Fadilpašić
Emergenza presso l'exchance IDAX: il CEO è dato per disperso (AGGIORNATO) 101
Fonte: iStock/Mariakray

Il CEO di IDAX Global, "è scomparso per cause sconosciute ed il personale IDAX Global non è riuscito a contattarlo" dal 24 novembre, la società ha annunciato oggi. (Aggiornato alle 10:05 UTC: aggiornamenti nel testo.)

"Per questo motivo, l'accesso al Cold Wallet, che è archiviato in quasi tutti i saldi di criptovaluta su IDAX, è stato limitato, quindi in effetti il ​​servizio di deposito/prelievo non può essere erogato", ha detto l'exchange, aggiungendo che "sta redigendo un piano di emergenza" e hanno raccomandato ai loro utenti di non usare questa piattaforma per il momento.

Come riportato, IDAX ha dichiarato domenica che non servirà più gli utenti in Cina, ma si concentrerà sugli utenti all'estero, citando ragioni politiche.

IDAX con sede in Mongolia è stata fondata nel 2017 e ora ha un traffico mensile di 601.000 utenti ed è classificata al 12° posto per volume di scambi (757 milioni di USD nelle ultime 24 ore), secondo Coinpaprika.

Il personale di IDAX Global non è stato in grado di mettersi in contatto con il CEO IDAX Global dal giorno in cui è stato effettuato l'annuncio dell'exchance sulla congestione dei prelievi, affermando che la domanda di prelievi IDAX è aumentata "in modo drammatico" e che stanno "rivedendo i requisiti di prelievo dell'utente". Questo avviene lo stesso giorno della sospensione del solo servizio di deposito, e il giorno dell'annuncio che l'exchange ha dovuto interrompere la fornitura di servizi verso la Cina (due giorni dopo l'ultimo giro di vite della Cina sul trading di criptovalute).

IDAX ha avuto una presenza attiva online e ha avuto ulteriori sviluppiprevisti per il prossimo futuro. Ma al momento non ci sono notifiche al riguardo tramite account SNS o Medium di IDAX, che ha celebrato il suo secondo anniversario l'11 novembre. Tuttavia, le voci sulla scomparsa del CEO e sull'exchange coinvolto in una exit scam sono iniziate nello stesso momento in cui la gente si è accorta ed hanno iniziato a lamentarsi con l'exchange in merito ai problemi con il ritiro, anche se la congestione potrebbe essere stata causata da un certo numero di utenti della Cina che si sono spostati dall'exchange.

Come riportato, i detentori di criptovaluta cinesi hanno iniziato a trasferire i loro soldi dagli exchange in luoghi più sicuri, in seguito alla repressione.

CoinMarketCap ha avvertito gli utenti sui prelievi bloccati e RealTract Network , ad esempio, ha postato tre giorni fa avvertendo ed vvisando i propri utenti del problema del prelievo, dicendo: "Il team RealTract ha provato a contattare e a lavorare con l'amministratore IDAX e non ha ancora ricevuto alcuna risposta da IDAX".

Una delle prime persone ad aver avvisato Crypto Twitter di un problema sembra essere l'utente "Kingg Koinzz".

Tre giorni fa, c'erano voci di una exit scam riportate su Weibo, un servizio cinese simile a Twitter, da Blocklike. Tra le varie cose, dice (tradotto approssimativamente) che già il 22 novembre "il fondatore della piattaforma IDAX Lei Guorong ha perso tutti gli asset degli utenti". Dicono che "gli assets potrebbero essere andati persi e il CEO nascosto", e che nessuno dei dipendenti sa dove si trova "tranne il confidente del capo che gli comunica attraverso canali esterni". Il rapporto cita una persona vicina all'exchange, che afferma che IDAX è "attualmente in deficit, che l'amministratore delegato della società è "scappato"e afferma che i fondi potrebbero essere stati "impropriamente sottratti". I dipendenti non sembrano ancora sapere molto, ma alcuni hanno già perso posti di lavoro.

Fino ad ora, il nome del CEO e la posizione esatta dell'exchange non sono stati confermati. L'account Twitter dell'exchange afferma che la loro base è in Mongolia, anche se ci sono voci online che operano da Shanghai. Il rapporto Blocklike afferma, citando le informazioni pubbliche, che l'exchange è stato creato dal Global Blockchain Research Center (GBC), che è una filiale della Nianxiang Holdings Overseas Division , che a sua volta appartiene a Nianxiang Holdings Group Co., Ltd , mentre IDAX detiene la licenza finanziaria del Mongolian Digital Currency Exchange.

Nel frattempo, anche i media locali avrebbero iniziato a riportare l'incidente.

Indignazione e frustrazione

Come accennato, le persone si sono lamentate dei problemi di prelievo per giorni e molti di loro stanno orachiedendo aCrypto Twitter perché questo problema non è stato segnalato e discusso in precedenza. Ora gli utenti sembrano frustrati e arrabbiati, ma sono anche preoccupati per i propri fondi. Molti si stanno chiedendo come sia possibile che un CEO di un tale profilo scompaia per diversi giorni e stanno ipotizzando se ormai potrebbe essere stato arrestato.

Tuttavia, sembra che gli utenti si siano lamentati del servizio IDAX ormai da un po' di tempo. Dieci mesi fa, un Redditer ha sfogato la sua frustrazione di dover aspettare molto tempo per l'approvazione manuale di una richiesta di prelievo,saying: "Durante le ore di pausa gli amministratori sono assenti e i truffatori sono in agguato per truffare le persone fingendo di aiutarle a prelevare. Nessuna disciplina, niente. Tali exchange sono destinati a fallire."

Le persone hanno espresso la loro rabbia online. L'utente di Twitter "I am Nomad", un noto osservatore del mercato delle criptovalute, ad esempio, ha twittato: "Che spettacolo di merda. Il CEO di Idax è scomparso senza lasciare traccia, quindi hanno "bloccato" i loro cold storage." Molti sembravano cercare un capro espiatorio ora che non riescono ancora a dare un nome e una faccia al CEO fuggito. Alcuni stanno contattando i partner IDAX per possibili risposte.

Cryptonews.com ha contattato IDAX per un commento su questa storia.

E, sì, è l'universo Crypto. Come sempre, con l'indignazione, le preoccupazioni e le frustrazioni, arrivano anche le battute.

L'ultimo si riferisce allo scambio canadese fallito, Quadriga CX.

Come molti esperti hanno sottolineato in precedenza, gli utenti di criptovalute dovrebbero tenere offline le loro chiavi private per le loro monete, ad es. nei portafogli hardware come Ledger, Trezor , KeepKey e altri.

Più Articoli