Home NewsEthereum News

I cripto-giochi basati su Ethereum rientrano nella categoria "Gioco d'azzardo" - Studio

Di Sead Fadilpašić
I cripto-giochi basati su Ethereum rientrano nella categoria "Gioco d'azzardo" - Studio 101
Source: iStock/fergregory

Una recente ricerca della University of York ha scoperto che i giochi cripto basati su Ethereum soddisfano le definizioni di gioco d'azzardo.

Questa settimana, l'università ha pubblicato un articolo che afferma che un nuovo studio ha esaminato i nove giochi Ethereum dapp (aplicazioni decentralizzate) più quotati listati su State of the DApps, una directory di dapps curata senza fini di lucro, e ha scoperto che soddisfano le definizioni di gioco d'azzardo. La ricerca paper, che sarà presentato alla conferenza CHI Play a Barcellona il 24 ottobre, spiega che i cripto-giochi sono videogiochi con un'architettura di registro completamente o parzialmente distribuita che gira su una rete di criptovaluta, dando ai giocatori la dimostrazione della proprietà sui beni virtuali. I giochi studiati comprendono circa 16.000 account di giocatori, dice l'articolo, aggiungendo che questo è ancora un fenomeno di nicchia rispetto al settore dei giochi in generale. I ricercatori hanno scelto Ethereum in quanto è "la più vecchia criptovaluta che supporta dapp e la più consolidata in base alla capitalizzazione di mercato".

I cripto-giochi basati su Ethereum rientrano nella categoria "Gioco d'azzardo" - Studio 102
Tabella 2. Esempio di popolari cripto-giochi Ethereum trattati in questo documento. Per ciascuno, riportiamo (a) il numero di account utenti attivi, il volume degli scambi in Ethereum (ETH) e Great British Pounds (GBP) e la spesa media per account in GBP negli ultimi 30 giorni alla data di campionamento del 6 marzo 2019 . Segnaliamo anche (b) quali criteri di gioco corrispondono a ciascun gioco. Fonte: Ethereum Crypto-Games: Meccanica, Prevalenza e Somiglianze di gioco

Quello che i ricercatori hanno fatto è investigare le meccaniche di gioco, ma anche esaminare i dati per vedere il modo in cui questi giocatori hanno speso criptovalute all'interno del gioco stesso. A ciascuno dei giochi hanno applicato la combinazione di definizioni legali e psicologiche del gioco d'azzardo, che sono state utilizzate in altre aree del gioco. La definizione psicologica si concentra sul comportamento abilitato dall'attività, mentre la definizione legale si concentra sulle componenti finanziarie dei risultati. Hanno scoperto che "tutti i giochi del campione soddisfano la nostra definizione combinata".

Come visto nella tabella sopra, tutte e nove i giochi soddisfano i cinque criteri combinati:

  1. Lo scambio è determinato dall'esito di un evento futuro, sconosciuto al momento delle scommesse
  2. Il risultato dell'evento futuro è almeno in parte dovuto al caso
  3. Si verifica uno scambio di denaro/oggetti di valore finanziario, in genere senza lavoro produttivo da entrambe le parti
  4. Le perdite possono essere evitate non prendendo parte all'attività
  5. Il denaro del mondo reale può essere ottenuto "incassando" le vincite.

Questi giochi, hanno scoperto i ricercatori, consentono ai giocatori di scambiare beni virtuali con criptovaluta, che possono poi essere scambiati con denaro fiat, quindi sono "un'istanza di gioco con soldi veri", paragonabile a montepremi e giochi di gacha che preoccupano le autorità di regolamentazione. "Come in molti giochi online, i cripto-giochi consentono ai giocatori di scambiare o mettere all'asta tali oggetti di gioco in cambio di valuta di gioco. A differenza della maggior parte dei giochi free-to-play, nei cripto-giochi, la valuta in-game è spesso scambiabile e può essere utilizzata per pagare altri beni e servizi al di fuori del gameplay e può essere quindi sostituita con valuta reale", afferma lo studio.

Concentrandosi solo sui giochi campionati e non sui cripto-giochi in generale, i ricercatori hanno scoperto che questi giochi "legano investimenti in criptovaluta per oggetti di gioco e azioni a meccaniche basate sul caso". La differenza rispetto a molti altri giochi è che questi nove richiedono ai giocatori di pagare oggetti e compiere azioni prima di eventi basati sul caso, il che li rende "simili alle meccaniche di gioco delle scommesse".

Oliver Scholten, dottorando in Informatica, ha dichiarato: "A differenza dei giochi con montepremi, tutti i cripto-giochi nello studio hanno permesso lo scambio diretto o indiretto di oggetti in-game con denaro reale, rendendoli più facilmente adatti ai criteri del gioco d'azzardo". Tutto ciò non significa che la tecnologia non debba essere utilizzata per sviluppare giochi, afferma Scholten, ma che "i progettisti devono riflettere attentamente su come le loro decisioni possono influire sulla spesa dei giocatori".

"Mentre le tecnologie sottostanti sono nuove, il campo della criptovaluta sta subendo una rapida evoluzione ed è possibile che i tipi di problemi sollevati dalla ricerca possano diventare più diffusi nei prossimi anni", dice l'articolo. Lo studio aggiunge che i cripto-giochi stanno crescendo in popolarità e hanno attratto ingenti investimenti finanziari da parte dei giocatori. Lo sviluppo di una serie di criteri specifici per il design, basati sui criteri a cinque punti presentati nel documento, affermano i ricercatori, potrebbe aiutare gli sviluppatori di cripto-giochi a non creare involontariamente piattaforme di gioco d'azzardo quando vogliono realizzare giochi non di azzardo.

Nel frattempo, per coincidenza, avevamo riportato lo scorso agosto che un'importante società di consulenza Shariah specializzata in soluzioni finanziarie islamiche, Amanie Advisors, in collaborazione con la Ethereum Foundation, ha esaminato la piattaforma Ethereum e la sua valuta nativa Ether, per vedere se violasse qualsiasi divieto e se potessero essere ammessi nella comunità islamica. Hanno scoperto che Ether è conforme alla Shariah, ma solo fino a quando non viene utilizzato a scopo di lucro e qualsiasi tipo di gioco d'azzardo è certamente vietato.

Più Articoli