Ethereum (ETH) oltre i 2.000 $ dopo la sentenza SEC vs Ripple

Sauro Arceri
| 2 min read

La comunità delle criptovalute negli Stati Uniti ha festeggiato uno dei suoi maggiori successi dopo che il sistema giudiziario ha confermato in larga misura XRP come un asset digitale legittimo.

Di conseguenza, la capitalizzazione di mercato delle criptovalute nel suo complesso ha guadagnato quasi il 6,3% nelle ultime 24 ore, raggiungendo circa 1.300 miliardi di dollari all’inizio delle contrattazioni asiatiche di venerdì. Questo recente rally del mercato crypto è stato scatenato dalla sentenza definitiva emessa dal giudice Analisa Torres, nella causa SEC contro Ripple.

Secondo la sentenza, il giudice ha stabilito che gli XRP acquistati direttamente da Ripple, per un valore di 728 milioni di dollari, sono considerati titoli. Inoltre, ha sostenuto che le vendite programmatiche di Ripple, per un valore di 757 milioni di dollari, non costituiscono una violazione dei titoli.

In seguito alla decisione del giudice, gli exchange Coinbase Global Inc e Bitstamp hanno annunciato l’intenzione di inserire nuovamente XRP nei loro listini, dopo un’esclusione durata per ben due anni.

Il prezzo di Ethereum riguadagna la soglia dei 2.000 dollari


Nel frattempo, il prezzo di Ethereum (ETH) si è ripreso, superando nuovamente la soglia dei 2.000 dollari. Dopo la vittoria di Ripple e XRP negli Stati Uniti, la seconda criptovaluta per capitalizzazione di mercato e la principale piattaforma di contratti intelligenti, Ethereum (ETH), ha registrato un aumento del 7% nelle ultime 24 ore, raggiungendo i 2.020 dollari durante le prime ore delle contrattazioni asiatiche di venerdì.

Secondo i dati di mercato forniti da CoinMarketCap, basati su Binance, il volume giornaliero di Ethereum (ETH) è aumentato del 100% circa, raggiungendo circa 12.315.877.237 dollari.

Sotto il profilo tecnico, il prezzo di Ethereum (ETH) si sta dirigendo verso il massimo di aprile, raggiunto in seguito all’entusiasmo generato dall’aggiornamento di Shanghai, che ha permesso il ritiro degli staked Ether. Dopo un breve incrocio ribassista tra le medie mobili settimanali a 50 e 200 all’inizio dell’anno, l’attuale incrocio rialzista offre prospettive positive, con la possibilità di tornare a livelli di massimo storico.

Tuttavia, è importante sottolineare che il mercato delle criptovalute rimane legato alle performance di Bitcoin, dimostrando che le altcoin non sono del tutto disaccoppiate dall’asset digitale primario.

Gli esperti ritengono che il mercato delle criptovalute sia destinato a subire un’altra correzione prima della fine dell’anno, infatti il prezzo di Ethereum è nuovamente sceso al di sotto dei 2.000 dollari nel momento in cui scriviamo. Secondo i dati CoinMarketCap, al momento ETH è scambiato a 1.989,73 dollari.

La prospettiva più ampia


Guardando al quadro generale, la comunità di Ethereum e XRP hanno avuto un rapporto complesso negli ultimi anni, culminato nella recente sentenza. Tuttavia, poiché XRP è stato riconosciuto come un asset digitale legittimo, la comunità di Ethereum prevede che una sentenza simile possa essere replicata per i suoi token ERC-20, che sono ampiamente utilizzati sulla blockchain di Ethereum.

In particolare, gli esperti sostengono che Ethereum potrebbe essere nato come titolo quando è stata lanciata l’ICO, ma che da allora a oggi si è trasformato in una merce. Inoltre, grazie al meccanismo di consenso Proof-of-Stake (PoS), la rete Ethereum può ora sopravvivere senza il coinvolgimento del co-fondatore Vitalik Buterin e gli investitori possono partecipare al programma di staking di Ethereum attraverso i servizi di validazione della rete.

Le criptovalute sono altamente volatili e non regolamentate. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbe essere applicata una tassa sugli utili.

 

Leggi anche:

Segui Cryptonews Italia sui canali social