30 giu 2022 · 4 min read

Ethereum è pronto per il business

 

Ethereum
Fonte: Adobe/sorapop

Gli autori di un nuovo rapporto affermano che Ethereum (ETH) è "pronto" per l'uso nel mondo degli affari, anche se con "alcuni avvertimenti".

Il rapporto è stato compilato da Ethereum Enterprise Alliance (EEA), un'affiliata della Fondazione Ethereum focalizzata sul business. I suoi autori hanno affermato che mentre i "pezzi sono a posto" per "l'uso sicuro e produttivo di Ethereum come piattaforma aziendale", i pezzi di cui sopra non "si incastrano ancora necessariamente insieme".

In un comunicato stampa, il direttore esecutivo dell'AEA, Dan Burnett, ha affermato che "l'analisi e gli esempi" dell'organismo hanno mostrato che "i pezzi sono ora a posto nell'ecosistema di Ethereum, per l'uso sicuro e produttivo di questa tecnologia come piattaforma aziendale. "

Gli autori del rapporto, che hanno fornito una serie di casi di studio a sostegno delle loro affermazioni, hanno scritto che Ethereum era una piattaforma aziendale "sicura e produttiva" che è "maturata notevolmente" ed è un "livello di regolamento testato  e "significativo a livello globale". 

Hanno spiegato che "la cosa importante da tenere a mente per le aziende in questo contesto è che Ethereum è un ecosistema completo", scrivendo:

"Rispetto ai suoi primi giorni, esiste un ricco assortimento di standard, strumenti, fornitori e piattaforme a cui le aziende possono rivolgersi".

Oltre alla mainnet, le sidechain e le soluzioni Layer 2 (L2) aiutano a fornire la "sostenibilità, prestazioni e privacy", che alcune aziende probabilmente desidereranno ardentemente.

Sebbene abbiano ammesso che "l'ambiente normativo per gli asset digitali e la tecnologia blockchain (al contrario delle criptovalute)" fosse ancora lontano dall'essere stabile "per molti aspetti", hanno affermato che questo "non deve essere visto come un blocco". Hanno aggiunto che "molte giurisdizioni" ora "vedono il potenziale della blockchain e la guardano favorevolmente".

Restano dei "limiti" per Ethereum

I critici hanno spesso affermato che Ethereum soffre di problemi di scalabilità.

Gli autori hanno ammesso che le soluzioni di scalabilità e altri strumenti sono "relativamente nuovi e comportano i rischi associati a qualsiasi nuova tecnologia o piattaforma".

Hanno anche menzionato la questione dell'interoperabilità, ammettendo che il mondo "non ha ancora visto l'ascesa alla ribalta di suite complete di sviluppo e distribuzione che spesso si trovano in tecnologie più mature e che possono essere utilizzate per unire senza soluzione di continuità tutti i pezzi insieme in un'intera."

Ma, hanno affermato, gli sviluppatori erano a conoscenza di questo problema. Gli autori hanno affermato che la situazione su questo fronte sarebbe "migliorata nel tempo".

Ciò che Ethereum può offrire ai suoi utenti, hanno proseguito gli autori, è la flessibilità, sotto forma di molteplici "opzioni per configurazioni basate sul tipo di attività e sulle esigenze".

Ad esempio, hanno spiegato che mentre la mainnet di Ethereum "ottiene un punteggio elevato in termini di usabilità e interoperabilità per la tokenizzazione", i progetti che richiedono alti livelli di prestazioni e conformità normativa potrebbero preferire lavorare con soluzioni di layer 2 o sidechain, o persino costruire una rete privata basata su Ethereum.

Anche nella sfera dei pagamenti, gli autori hanno affermato che allontanarsi dalla mainnet potrebbe fornire soluzioni per "casi d'uso ad alto volume", inclusa la vendita al dettaglio, o settori "in cui la privacy e la conformità normativa sono priorità elevate" come il settore dei servizi finanziari. Ancora una volta, ciò consentirebbe alle aziende che "si affidano a L2 o sidechain di ridurre i costi di rete e ottenere scalabilità".

Scrissero:

“All'inizio, Ethereum ha promesso di supportare il business e la collaborazione decentralizzati attraverso, tra le altre cose, tokenizzazione e smart contract. Oggi questa promessa sta diventando realtà”.

Inoltre, hanno affermato che non c'era carenza di incentivi per le aziende per "esplorare" modelli di business decentralizzati basati su Ethereum e "processi del tipo che Ethereum rende possibili".

Hanno affermato che la tokenizzazione e gli smart contract consentono agli asset digitali di essere "rappresentate in modo univoco e verificabile". Inoltre hanno affermato che gli smart contract indicano che "gli accordi su questi asset digitali possono essere programmati, convalidati ed eseguiti dalle macchine in modo più rapido, accurato ed economico rispetto ai soli esseri umani".

Ciò, hanno affermato, consentirebbe alle aziende di ridurre drasticamente le spese generali, nonché di sviluppare nuovi prodotti e servizi "economici".
____

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

___
 

Per saperne di più:
- Vitalik Buterin è preoccupato per Ethereum dopo The Merge
- Top Blockchain Non-Financial Applications According to Vitalik Buterin
- Vantaggi e compromessi del passaggio di ETH a Proof-of-Stake
- Aziende crypto avvertono del rischio estremo nei sistemi PoS