Ethereum Name Service passa la governance alla sua comunità

ENS
Fonte: Adobe/Jurie

Ethereum Name Service (ENS), un sistema di denominazione distribuito e open source, basato sulla blockchain di Ethereum (ETH), con .ETH come suffisso del nome nativo, mira a trasferire la governance alla sua comunità, attraverso il lancio del token di governance ENS e la creazione di un'organizzazione autonoma decentralizzata (DAO).

Il team dietro il protocollo ha insistito sul fatto che l'ENS è sempre stato un "servizio pubblico aperto che appartiene alla comunità", osservando che il progetto è maturato abbastanza da passare la responsabilità della governance alla comunità.

Nel progetto il team riferisce che "in particolare, desideriamo che il multisig root di ENS passi il controllo della tesoreria ENS esistente, dei suoi fondi futuri e del controllo del contratto di registrazione .ETH che è responsabile del prezzo e del meccanismo di registrazione per i nomi .ETH", suggerendo che la comunità avrebbe governato i componenti chiave del protocollo.

Token di governance ENS e DAO

Il progetto ha anche svelato la struttura proposta per la DAO, nonché la distribuzione dei token e il layout di allocazione.

Il protocollo consentirà agli utenti di votare sulla Costituzione ENS, che è una serie di linee guida per la comunità, per una settimana a partire dall'8 novembre. Successivamente, una volta terminato il processo di distribuzione del token ENS, i titolari di token voteranno sui parametri del protocollo, come i prezzi e altri componenti chiave.

Simon Taylor, co-fondatore di 11:FS, una società di servizi finanziari digitali, ha affermato che "ENS è probabilmente il caso di studio più pulito di quello che dovrebbe essere un DAO".

Il progetto ha destinato ad airdrop il 25% della fornitura totale e sarà distribuito tra i possessori di .ETH (oltre 137.000 account). Un altro 25% è assegnato ai contributori (100 individui e gruppi, più centinaia di utenti Discord), mentre il restante 50% sarà distribuito alla tesoreria della comunità DAO.

ENS ha riferito tramite tweet che "i reclami si apriranno l'8 novembre. Gli utenti avranno tempo fino al 4 maggio 2022 per richiedere i propri token, dopodiché tutti i token rimanenti verranno inviati alla tesoreria DAO".

Inoltre, secondo loro, l'airdrop retroattivo è per account, non per nome. Il team ha spiegato: "ciò significa che ogni indirizzo viene conteggiato per un determinato giorno in base al fatto che possieda almeno un nome .ETH in quel giorno".

____

Seguici sui nostri canali social:

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN
 
Per saperne di più:
- Ethereum Name Service - What’s Human Readable Domain Name Good For?
- DeFi Experiment: A Loan Issued With Ethereum Domain Name as Collateral
- Handshake Introduces a New Way to Send Your Crypto