UE: improbabile la rimozione della Russia da SWIFT

| 3 min read
Russia
Fonte: AdobeStock / GAlexS 

 

Nonostante la Russia abbia avviato un’invasione su vasta scala dell’Ucraina, lo scoppio della guerra non ha ancora convinto l’Unione Europea a insistere per l’espulsione dell’aggressore dalla rete di pagamenti globali della Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunication (SWIFT), una mossa che minerebbe drasticamente il commercio russo con i partner stranieri.

SWIFT si descrive come una cooperativa globale di proprietà dei membri e il principale fornitore mondiale di servizi di messaggistica finanziaria sicuri. Nel 2021 il sistema ha registrato una media di 42 milioni di messaggi al giorno, in crescita dell’11,4% rispetto all’anno precedente. I messaggi possono segnalare i pagamenti dei clienti, i trasferimenti di istituti finanziari, le lettere di incasso e in contanti, i trasferimenti di titoli e di tesoreria e altri tipi di attività finanziarie che le banche di tutto il mondo elaborano quotidianamente.

Diverse fonti vicine ai decisori dell’UE hanno detto a Reuters che, mentre il blocco sta lavorando a una nuova serie di sanzioni per punire la Russia per il suo intervento militare contro l’Ucraina, le misure per spingere Mosca fuori dal sistema di pagamenti interbancari non sono attualmente parte delle discussioni.

“L’urgenza e il consenso sono la massima priorità al momento”, avrebbe affermato un diplomatico anonimo dell’UE.

Tuttavia, la fonte afferma che in questa fase un consenso richiederebbe di lasciare stare la questione di SWIFT, poiché la rimozione della Russia dal sistema avrebbe conseguenze di ampia portata anche per gli Stati membri del blocco.

Il vertice di emergenza del Consiglio europeo di oggi dovrebbe aprire la strada a una nuova serie di sanzioni dell’UE contro Mosca.

Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, ha dichiarato in un tweet che,

“Le sanzioni riguarderanno settori strategici dell’economia russa. Congeleremo le attività russe nell’UE e fermeremo l’accesso delle banche russe al nostro mercato finanziario. Questo è progettato per mettere a dura prova la capacità del Cremlino di finanziare la guerra”.

I dati diffusi dalla Bank of International Settlements (BRI) indicano che gli istituti di credito europei detengono la quota maggiore dei 30 miliardi di dollari di esposizione delle banche estere al mercato russo.

Nel frattempo, alcuni osservatori sostengono che un blocco di SWIFT potrebbe essere la linea d’azione più logica per gli alleati occidentali, costringendo potenzialmente il Cremlino ad abbracciare le criptovalute.

Il 22 febbraio, nell’annuncio della prima tranche di sanzioni contro la Russia, il governo degli Stati Uniti ha affermato che stava imponendo sanzioni di blocco a due importanti istituzioni finanziarie russe di proprietà statale, Vnesheconombank e Promsvyazbank.

Inoltre Washington ha dichiarato che,

“[Qualsiasi] istituzione nel settore dei servizi finanziari dell’economia della Federazione Russa è oggetto di ulteriori sanzioni. Oltre l’80% delle transazioni giornaliere in valuta della Russia a livello globale sono in dollari statunitensi e circa la metà del commercio internazionale russo è condotto in dollari. Con questa azione, nessun istituto finanziario russo è al sicuro dalle nostre misure, comprese le banche più grandi”.

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

– Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

– Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

– Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______

Per saperne di più:
Calo dei mercati: più quesiti sulle politiche delle banche
Invasione della Russia in Ucraina: Bitcoin avrà un ruolo
Ucraina supera Russia nell’adozione crypto a inizio guerra
Interesse per Bitcoin cresce quando la Russia invade Ucraina
As Inflation Is Here to Stay, Bitcoin, Ethereum, and Gold Investors Will Win, But Brace for Volatility – BitMEX
Europa: il calo dell’offerta mina l’inflazione e la ripresa