21 luglio 2021 · 3 min read

La Commissione Europea chiarisce cosa significa "portafogli di criptovalute anonimi"

La Commissione europea (CE) ha confermato che la nuova serie di proposte legislative pianificate riguarda gli account di criptovalute dei Fornitori di Servizi di Asset Virtuali (VASP), come gli exchange. Non riguarda invece i portafogli per la privacy non detentivi, come Wasabi o Samourai.

commissione europea

Fonte: Adobe/VanderWolf Images

"In effetti, i portafogli open source non detentivi non saranno coperti dal divieto", ha detto a Cryptonews.com un portavoce della CE.

"Questo perché l'ambito dell'Antireciclaggio di Denaro (AML) riguarda attori "che sono i guardiani del nostro sistema finanziario e devono applicare regole AML per proteggerlo da fondi illegali" - e nel caso dei criptoasset, riguarda i VASP, compresi quelli di entità finanziaria che forniscono servizi di risorse virtuali (VA)."

"Ma questo requisito non si applica ai portafogli indipendenti che vengono mantenuti dagli utenti stessi", ha aggiunto il portavoce.

La proposta della Commissione europea

Come riportato ieri, la CE ha annunciato "un ambizioso pacchetto" di proposte legislative. La riforma proposta estenderebbe le regole dell'UE in materia di AML/finanziamento del terrorismo (CFT) all'intero settore delle criptovalute. Questo richiederebbe a tutti i fornitori di servizi di procedere con la dovuta diligenza sui propri clienti, consentirebbe la piena tracciabilità dei trasferimenti di criptovalute e vieterebbe i "portafogli di criptovaluta anonimi".

Questa proposta del 20 luglio è collegata al Gruppo di azione finanziaria (FATF), "proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio sulle informazioni che accompagnano i trasferimenti di fondi e alcuni criptoasset" del 20 luglio.

"la presente proposta è coerente con le ultime modifiche alle raccomandazioni del [GAFI], e in particolare in relazione all'ampliamento del campo di applicazione delle entità soggette ai requisiti AML/CFT per includere i fornitori di servizi di asset virtuali e la mitigazione dei rischi derivanti da le loro attività».

Cosa sostengono i Fornitori di Servizi di Pagamento

Pertanto, sostengono, i Fornitori di Servizi di Pagamento (PSP) che sono coinvolti nel trasferimento di fondi hanno già da diversi anni il dovere di includere informazioni sul mittente e sul beneficiario di ogni trasferimento con ogni trasferimento di fondi, nonché " mantenere tali informazioni a disposizione delle autorità competenti".

Questi doveri sulla condivisione delle informazioni nel contesto dei bonifici sono spesso chiamati la regola di viaggio. Negli ultimi anni, a causa delle crescenti preoccupazioni sui rischi di riciclaggio di denaro e finanziamento del terrorismo in relazione agli asset virtuali, gli standard setter internazionali e in particolare il GAFI, hanno deciso di "allineare il regime di trasparenza" già sviluppato per i fornitori di servizi di pagamento per il trasferimento di fondi ai VASP che elaborano i trasferimenti di risorse virtuali.

Quindi, si legge,

"La presente proposta mira a introdurre nel diritto dell'UE questi nuovi requisiti dei VASP, prevedendo l'obbligo per questi attori di raccogliere e rendere accessibili i dati relativi agli originatori e ai beneficiari dei trasferimenti di asset virtuali o cripto che gestiscono".

Nel frattempo, gli Stati Uniti hanno avuto la loro parte in un dibattito sui cosiddetti "portafogli indipendenti".

Com'è iniziato il tutto

Tutto è iniziato nel dicembre 2020, quando sono sorte preoccupazioni sul fatto che l'allora segretario al Tesoro Steven Mnuchin avrebbe guidato una serie di regolamenti relativi al portafoglio self-hosted nelle ultime settimane dell'amministrazione Donald Trump, potenzialmente bloccandolo "senza revisione del Congresso e senza un significativo coinvolgimento del settore".

Numerosi esperti del settore, fan delle criptovalute e politici hanno alzato la voce contro ciò. Anche gli exchange di criptovalute americani hanno avviato una reazione contro le proposte che cercherebbero di costringere le piattaforme di trading statunitensi a segnalare determinate transazioni ad un supervisore nominato dallo stato, e ad applicare lo stesso tipo di regolamento del Financial Crimes Enforcement Network (FinCEN) richiesto alle istituzioni finanziarie convenzionali, ovvero segnalare tutte le operazioni al di sopra di un certo valore monetario.

Quindi le proposte controverse sono poi state apparentemente passate all'amministrazione di Joe Biden. Per FinCEN, i "portafogli indipendenti" sono solo normali portafogli cripto controllati dagli utenti, mentre l'educatore e imprenditore di Bitcoin (BTC) Andreas M. Antonopoulos ha descritto queste condizioni come "propaganda con intenti sinistri".

Alla fine di gennaio, Biden ha annunciato che avrebbe congelato tutte le proposte attive, inclusa quella dei portafogli indipendenti.

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN   
____
Per saperne di più:
- Taproot, CoinSwap, Mercury Wallet, and the State of Bitcoin Privacy in 2021
- EU Regulation May Harm Small Crypto Players, Stablecoin Users, And Elon Musk

- ECB Starts Digital Euro Project With Two-Year Investigation & Bitcoin Bashing
- 'Big News In Global Crypto Policy' As FATF Kicks The Can Towards October