Home News

Anche la Fed non è soddisfatta dell'attuale sistema di pagamenti

Di Fredrik Vold
Anche la  Fed non è soddisfatta dell'attuale sistema di pagamenti 101
Fed Chairman Jerome Powell. Source: a video screenshot, Youtube, NBC News

Mentre il Bitcoin ed altri progetti di criptovaluta stanno già costringendo gli operatori bancari a lavorare in modo più efficiente, secondo quanto riferito, la Federal Reserve, la banca centrale negli Stati Uniti, "sta seriamente prendendo in considerazione" di sviluppare un nuovo e più rapido sistema di pagamenti per uso domestico negli Stati Uniti, ha rivelato una recente lettera del presidente della Fed Jerome Powell ai senatori.

Nella lettera, ottenuta da Politico, Powell ha sostenuto che la Fed è "in una posizione unica" per sviluppare un nuovo sistema nazionale, date le relazioni esistenti della banca centrale con più di 10.000 banche commerciali.

Tuttavia, una grande sfida per i piani della Fed è che alcune delle maggiori banche nazionali hanno già investito oltre 1 miliardo di dollari nello sviluppo del proprio sistema di pagamenti migliorato, per ora noto solo come Clearing House Payments Co. Se la Fed avanza nei suoi piani, significherebbe che gli sforzi già intrapresi dalle banche private sarebbero sprecati.

Già diverse banche stanno combattendo contro la Fed, insieme ad alcuni legislatori, tra cui i senatori democratici Elizabeth Warren e Chris Van Hollen, secondo quanto riferito da Politico.

Secondo Powell, tuttavia, il feedback del pubblico è stato "straordinariamente favorevole" ai piani di un nuovo sistema di pagamenti nazionale guidato dalla banca centrale.

"Non abbiamo preso una decisione al riguardo, ma è qualcosa che stiamo esaminando attentamente ed è qualcosa su cui mi aspetto che prenderemo una decisione presto", ha detto in una conferenza stampa sull' Ultimo taglio dei tassi di interesse della Fed.

A luglio, Powell ha affermato che "quasi nessuno usa bitcoin per i pagamenti" in quanto si tratta di "una riserva di valore, una riserva di valore speculativa, come l'oro".

La Cina intensifica gli sforzi sulla propria valuta digitale

Nel frattempo, la People's Bank of China (PBoC) - la banca centrale cinese - ha annunciato l'intenzione di intensificare gli sforzi per sviluppare una "valuta digitale legale", ha rivelato una dichiarazione rilasciata dall'agenzia governativa il 2 agosto.

Secondo la dichiarazione, pubblicata in cinese sul sito web della PBoC, il piano per "accelerare il ritmo della ricerca e dello sviluppo della valuta digitale legale della Cina" è una delle sette priorità per la banca per la seconda metà del 2019. Altre priorità elencate includono compiti più tradizionali delle banche centrali come il mantenimento di una "politica monetaria prudente" e la prevenzione di importanti rischi finanziari.

La mossa della banca centrale probabilmente arriva in risposta allo stablecoin proposto da Facebook Libra, che il governo cinese teme potrebbe rappresentare una sfida al loro rigoroso controllo sui pagamenti transfrontalieri, sulla politica monetaria e sulla sovranità finanziaria. Inoltre, si ritiene ampiamente che una stablecoin mainstream come Libra possa aiutare a consolidare la posizione del dollaro USA come valuta leader del mondo per il prossimo futuro.

Come precedentemente riportato, l'ex governatore della banca centrale cinese, Zhou Xiaochuan, ha dichiarato in un discorso pronunciato all'inizio di luglio che la Cina potrebbe imparare da Libra nello sviluppo della propria valuta digitale.

Nel frattempo, molti stanno attribuendo il rally di oggi del bitoin al fatto che la Cina lunedì ha lasciato svalutare lo yuan oltre il livello chiave di 7 per dollaro per la prima volta in oltre un decennio.

Più Articoli