Home NewsBitcoin News

Anche i pro della finanza credono che Bitcoin farà meglio del S&P 500

Di Sead Fadilpašić
Anche i pro della finanza credono che Bitcoin farà meglio del S&P 500 101
Fonte: iStock/Marta Ortiz

Quasi il 50% dei professionisti finanziari intervistati ritiene che, nel corso del prossimo anno, Bitcoin (BTC) sovraperformerà il popolare indice di borsa S&P 500. E mentre molti di loro evitano ancora le criptovalute, la maggioranza crede che ci sarà una valuta digitale globale nel prossimo decennio.

La volatilità delle criptovalute non sta uccidendo l'industria cripto agli occhi di molti professionisti finanziari in quanto, secondo l'ultimo sondaggio della società di analisi blockchain Chainalysis, il 48% di questi professionisti crede che nei prossimi 12 mesi, BTC sarà la classe di investimento con il tasso di crescita più elevato, superando anche l'S&P 500, che monitora la performance del titolo di 500 grandi società quotate in borsa negli Stati Uniti

Quale dei seguenti avrà il più grande tasso di crescita nei prossimi 12 mesi: Bitcoin, S&P 500, Bloomberg Barclays Bond Index o House Pricing Index?

Anche i pro della finanza credono che Bitcoin farà meglio del S&P 500 102
Fonte: Chainalysis Survey

Chainalysis ha intervistato a settembre 2019 i professionisti della finanza che lavorano in banche, sindacati, fornitori di servizi finanziari e agenzie di regolamentazione, raccogliendo un totale di 350 risposte. Oltre alle suddette conclusioni, hanno scoperto che il semplice riconoscimento del valore della criptovaluta non è sufficiente, poiché più del 78% degli intervistati ha dichiarato che meno della metà dei propri clienti al dettaglio effettuano transazioni con le criptovalute. Nel frattempo, il 28% per cento ha dichiarato che tra l'1% e il 10% dei propri clienti effettuano transazioni con criptovaluta e per un terzo tale percentuale è pari a zero. Inoltre, il 13,5% degli intervistati ha affermato di non sapere se nessuno dei suoi clienti avesse acquistato criptovaluta.

Tuttavia, il 70% di tutti gli intervistati ritiene che nei prossimi 5 o 10 anni ci sarà una valuta digitale globale, controllata dagli Stati Uniti (37,2%) o dalla Cina (21,2%) - cosa che gli analisti ritengono logica poichè i primi controllano la valuta fiat della riserva mondiale, e quest'ultima è la più coinvolta con la blockchain. Tuttavia, il 29,9% degli intervistati ritiene che la valuta digitale globale sarà decentralizzata.

Se avessimo una valuta digitale globale nei prossimi 5-10 anni, chi pensi sia più probabile che la controlli?

Anche i pro della finanza credono che Bitcoin farà meglio del S&P 500 103
Fonte: Chainalysis Survey

Michael Gronager, co-fondatore e CEO di Chainalysis, ha affermato che, mentre la blockchain può effettivamente aiutare i professionisti del settore finanziario a monitorare le transazioni, rilevare attività criminali, mitigare i rischi, promuovere la trasparenza e offrire nuove opzioni ai loro clienti, sono riluttanti nell'usarla. "Molti professionisti della finanza comprendono che la criptovaluta rappresenta un'enorme opportunità", ha affermato, "eppure le istituzioni sono titubanti nell'entrare nel mercato a causa del rischio percepito e alcuni non si rendono nemmeno conto dell'esposizione che hanno già verso la criptovaluta".

Per quanto riguarda il motivo numero uno dietro questa riluttanza a lavorare di più con le criptovalute:

  • Il 39% degli intervistati ha dichiarato "l'impossibilità di controllare l'attività illecita facilitata dalla criptovaluta"
  • Il 25,1% ha dichiarato che l'opportunità di mercato non è abbastanza grande
  • Il 17,9% ha dichiarato la mancanza di supporto esecutivo
  • Il 17,9% ha dichiarato l'impossibilità di conformarsi alle normative.

Questo, secondo gli analisti, è "più un problema di formazione che di capacità" del settore finanziario.

Detto questo, per quanto riguarda i fattori motivanti per essere coinvolti con le criptovalute, i professionisti hanno risposto:

Anche i pro della finanza credono che Bitcoin farà meglio del S&P 500 104
Fonte: Chainalysis Survey

Chainalysis afferma che è persino possibile che le istituzioni abbiano la domanda, ma non se ne rendono conto, dato che con un precedente sondaggio YouGov, Gruppo internazionale di analisi e dati di ricerca con sede a Londra, ha scoperto che l'81% degli americani intervistati conosce almeno una criptovaluta, che il 18% degli americani ha acquistato almeno un tipo di criptovaluta e che per i millennial questo numero sale fino al 35% .

"Le istituzioni finanziarie sono una componente fondamentale per l'ecosistema delle criptovalute", ha dichiarato Jonathan Levin, co-fondatore e Chief Strategy Officer di Chainalysis, aggiungendo che "la convinzione della società stessa nel potenziale delle criptovalute è stata ripresa dal numero di professionisti della finanza che visualizzano Bitcoin come asset class in forte crescita e prevedono una valuta digitale globale nel prossimo futuro".

Al momento in cui scrivo (9:45 UTC), BTC viene scambiato a 8.754 USD. È diminuito dell'1,2% nelle ultime 24 ore e del 5,12% nell'ultima settimana.

Più Articoli