05 luglio 2021 · 2 min read

Ex dipendente di Cryptopia ammette di aver rubato 176K USD in Criptovalute

In un'altra serie di polemiche che circondano l'exchange di criptovalute della Nuova Zelanda Cryptopia, un ex membro dello staff ha ammesso di aver rubato i dati dei clienti e circa 176.000 USD in criptovalute dalla piattaforma in cui era impiegato.

Fonte: iStock/Dimitris66

L'uomo non identificato è apparso oggi nel tribunale distrettuale di Christchurch davanti al giudice Gerard Lynch, ammettendo le accuse di furto di oltre 1.000 NZD tramite il suo avvocato, come riportato dal sito di notizie locale Stuff.co.nz.

Una sintesi dell'udienza di lunedì suggerisce che l'ex membro dello staff avrebbe contattato la direzione dell'azienda per discutere le sue preoccupazioni relative alla sicurezza delle chiavi private per una serie di criptovalute. Ha fatto copie non autorizzate delle chiavi private dai portafogli di Cryptopia e le ha salvate su un dispositivo di archiviazione USB. L'ex dipendente ha quindi portato a casa il dispositivo e ha caricato le informazioni sul suo personal computer.

Secondo quanto riferito, Cryptopia è stata nuovamente hackerata lo scorso febbraio, consentendo ai criminali di rubare ulteriori 62.000 NZD (44.000 USD) di criptovalute. Anche a gennaio 2019 c'è stato un attacco che ha consentito di rubare circa 30 milioni di USD in criptovalute. L'attacco dell'1 febbraio ha dato agli hacker l'accesso ad un portafoglio che era inattivo dall'hackeraggio di gennaio 2019 e appartiene al business blockchain statunitense Stakenet. In totale, si stima che il portafoglio comprenda circa 2,7 milioni di NZD di stakenet (XSN), il token nativo di Stakenet.

Le accuse dell'ex membro dello staff non sono correlate a nessuno dei due hack.

La società proprietaria di Cryptopia è stata messa in liquidazione nel maggio 2019. Da allora, il processo è stato gestito dalla società di contabilità Grant Thornton. A seguito della liquidazione, Cryptopia ha annullato i contratti dei suoi dipendenti, ma l'ex dipendente ha conservato le sue copie delle chiavi private.

Lo scorso settembre, un ex cliente di Cryptopia ha inviato un'e-mail a un rappresentante di Grant Thornton, affermando di aver accidentalmente depositato bitcoin (BTC) nel suo vecchio portafoglio e ha chiesto la restituzione della criptovaluta. Una successiva revisione dei portafogli della piattaforma ha rivelato che 13 BTC (447.000 USD) erano stati prelevati da vari portafogli senza l'autorizzazione di Grant Thornton.

Il 10 settembre, l'ex membro dello staff ha ammesso di aver rubato bitcoin e altre criptovalute per un valore di circa 100.000 NZD. Ha affermato di aver restituito parte della criptovaluta ottenuta e si è offerto di rimborsare il resto. A seguito di ciò, l'ex dipendente ha restituito 6 BTC e ha chiesto la garanzia che, se avesse restituito le restanti cripto in suo possesso, non sarebbe stato accusato di furto.

Lo stesso mese, l'uomo ha ammesso alla polizia della Nuova Zelanda di aver copiato illegalmente le chiavi dalle risorse di Cryptopia e di avere rubato le cripto.

Secondo il riassunto dei fatti, "l'imputato ha ammesso di essere frustrato nei confronti di Cryptopia ma anche motivato dalla convinzione di poter farla franca con il furto poiché pensava che nessuno avrebbe mai controllato i vecchi portafogli di deposito".

 

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN   


___
Per saperne di più:
- Further Chaos Brews for Cryptopia Users Still Waiting for their Crypto
- Cryptopia's Crypto is 'Property' and Owned by Account Holders - Judge

- Cryptopia: What Was Left By Hackers, Could Be Taken by Liquidators
- Chaotic QuadrigaCX’s Finances Might Leave Traders Almost Out Of Pocket