16 mar 2022 · 4 min read

La Fed aumenta il tasso di interesse di 25 punti base

Il presidente della Fed Jerome Powell. Fonte: uno screenshot video, Youtube/Federal Reserve

 

Oggi la Federal Reserve (Fed) statunitense ha alzato i tassi di interesse di 25 punti base, segnando il primo aumento dei tassi negli Stati Uniti da prima della pandemia di COVID-19. L'aumento è stato in linea con quanto la banca centrale ha comunicato da tempo al mercato che avrebbe fatto.

Nell' annuncio della Fed si legge: “[…] il Comitato ha deciso di aumentare l'intervallo obiettivo per il tasso sui fondi federali da 1/4 a 1/2 percento e prevede che i continui aumenti dell'intervallo obiettivo saranno appropriati. Inoltre, il Comitato prevede di iniziare a ridurre le sue partecipazioni in titoli del Tesoro e titoli di debito di agenzie e titoli garantiti da ipoteche di agenzie in una prossima riunione".

Bitcoin scende dopo l'annuncio della Fed

Il prezzo di bitcoin (BTC) è sceso subito dopo l'annuncio, scambiando in ribasso dell'1,3% a 39.900 USD nei primi cinque minuti dopo il rilascio del comunicato della Fed. Allo stesso tempo, l'indice azionario statunitense S&P 500 è sceso dello 0,5%.

L'annuncio della Fed ha anche affermato che le implicazioni dell'invasione russa dell'Ucraina sono "altamente incerte" per l'economia statunitense, ma ha osservato che è "probabile che crei ulteriori pressioni al rialzo sull'inflazione".

La Fed ha inoltre segnalato che prevede di aumentare i tassi altre sei volte quest'anno e altri tre aumenti dei tassi nel 2023.

L'aumento del tasso di interesse era ampiamente previsto anche dagli analisti, che da tempo sostengono che la Fed deve aumentare i tassi per tenere sotto controllo l'inflazione recentemente elevata negli Stati Uniti.

Il mese scorso, l'inflazione negli Stati Uniti ha raggiunto il 7,9%, il livello più alto da gennaio 1982. Il livello è ben al di sopra dell'obiettivo dichiarato dalla Fed di mantenere l'inflazione al 2% all'anno "nel lungo periodo".

La decisione odierna arriva dopo che il presidente della Fed Jerome Powell ha detto al Congresso all'inizio di marzo che la banca centrale avrebbe "proceduto con cautela" con il suo piano di aumentare i tassi di interesse quest'anno nonostante la guerra in Ucraina.

Grafico a 25 anni del tasso sui fondi federali degli Stati Uniti:

Fed
Fonte: Tradingeconomics.com

Gli analisti affermano che prima dello scoppio della guerra, alcuni economisti hanno espresso incertezza sul fatto che la Fed avrebbe alzato i tassi di 50 punti base nella riunione di oggi anziché di 25, dato l'alto livello di inflazione. Con l'inizio della guerra, tuttavia, un aumento di 50 punti base ora sembra improbabile.

Nathan Sheets, capo economista globale di Citi, ha detto al Wall Street Journal che "se non fosse per gli eventi geopolitici, 50 punti base sarebbero sicuramente sul tavolo in questo incontro". Inoltre ha aggiunto che "l'unica cosa che Powell può fare è resistere alla prospettiva di 50 anni lungo la strada".

Nel frattempo, nonostante la decisione della Fed sia ampiamente attesa dal mercato, Marcus Sotiriou, analista del broker di asset digitali GlobalBlock, ha affermato che ci si dovrebbe ancora aspettare la volatilità.

Ha aggiunto che l'annuncio fornirà maggiore chiarezza sul fatto che la Fed "preveda ancora di effettuare un aumento lento e costante dei tassi", che, ha affermato, "non scioccherà il mercato".

Allo stesso modo, anche Pankaj Balani, CEO dell'exchange di criptovalute Delta Exchange, ha avvertito dell'aumento della volatilità.

"Abbiamo riscontrato l'interesse a possedere la volatilità a breve e medio termine su BTC ai livelli attuali e ci aspettiamo che venga scambiata violentemente intorno alla riunione della Fed più tardi oggi", ha detto Balani in un commento via email.

Inoltre, il CEO della società di consulenza crypto Eight e il famoso trader Michaël van de Poppe hanno affermato su Twitter che la prima mossa sarà probabilmente "una mossa falsa".

Van de Poppe ha previsto che la finta sarà seguita da "la vera mossa, e poi finirà in una mossa di panico generale".

Commentando le prospettive di bitcoin quando la Fed inizia il suo ciclo di inasprimento, l'investitore di criptovalute Mike Novogratz, fondatore e CEO di Galaxy Digital, ha detto a Bloomberg TV che il rally di bitcoin dell'anno scorso è finito in gran parte perché la Fed è diventata più "aggressiva".

Novogratz ha detto che "non credo che Bitcoin possa aumentare in modo aggressivo fino a quando non ci prendiamo una pausa", riferendosi agli aumenti dei tassi della Fed e sottolineando che " bitcoin è una storia narrativa".

Tuttavia, ha anche sottolineato di essere ancora un toro bitcoin a lungo termine.

Novogratz ha detto che "tra cinque anni, se bitcoin non è a 500.000 [USD], vuol dire che mi sono sbagliato sul ciclo di adozione".

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______
 
Per saperne di più: 
- Sanzioni: i paesi potrebbero passare alle riserve di Bitcoin
- La guerra in Ucraina solleva interrogativi sul ruolo di BTC

- Could the Ukraine Invasion Spark a Global Financial Crisis?
- Bitcoin e la crisi ucraina