Home NewsBitcoin News

La stampante di valuta fiat è 'a palla', è tempo di vendere tutti i soldi per Bitcoin?

Di Sead Fadilpašić
La stampante di valuta fiat è 'a palla', è tempo di vendere tutti i soldi per Bitcoin? 101
Fonte: iStock/D-Keine

Il mondo cripto sta vedendo suggerimenti da alcuni protagonisti del settore di vendere il denaro per acquistare criptovaluta, sostenendo che il denaro stia per diventare inutile, mentre la "stampante fiat" è a massimo regime. Tuttavia, altri avvertono che, mentre utilizzare bitcoin (BTC) come diversificazione sia una buona idea, vendere tutto il denaro non lo è.

Il mercato cripto è crollato e si è schiantato duramente. Sta ancora lottando per recuperare, con BTC che si scambia a 5.233 USD (14:11 UTC). Alcune persone sono state prese dal panico e hanno iniziato a vendere le loro criptovalute. Altri si stanno facendo strada tra alti e bassi. Mentre la pandemia Covid-19 sta causando gravi danni all'economia globale, i singoli paesi stanno ricorrendo a diverse misure nel tentativo di attenuare l'impatto. Negli Stati Uniti, il Federal Reserve System (Fed) ha annunciato che avrebbe iniziato ad aumentare la liquidità iniettando l'enorme quantità di 1,5 miliardi di dollari nell'economia. E il numero è ulteriormente aumentato in seguito. Oltre a reintrodurre il controverso programma di Quantitative Easing (QE), la banca centrale statunitense ha ridotto i tassi di interesse alla fascia più bassa possibile tra lo 0% e lo 0,25%, mentre i requisiti di riserva per le banche commerciali sono ridotti allo 0%. Nel frattempo, la Banca Centrale Europea ha dichiarato che fornirà alle banche prestiti ad un tasso inferiore allo 0,75%, inferiore al tasso di deposito del -0,5% e quindi sostanzialmente uno sconto, e aumenterà gli acquisti di obbligazioni di 120 miliardi euro quest'anno. La Banca del Giappone ha dichiarato che acquisterà fondi negoziati in borsa ad un ritmo annuale di circa 12 trilioni di JPY (111 miliardi di USD), il doppio dell'importo che si era impegnata ad acquistare fino ad ora e metterà da parte 2 trilioni di JPY per acquisti aggiuntivi di carte commerciali e obbligazioni societarie.

La stampante di valuta fiat è 'a palla', è tempo di vendere tutti i soldi per Bitcoin? 102
Un meme popolare che viene condiviso su Twitter.

Nel frattempo, convinti che questa sarà la (scontata, dai più) goccia che farà traboccare il vaso, mostrando finalmente alle masse l'inutilità del denaro fiat, alcuni protagonisti dell'industria delle criptovalute stanno dicendo alle persone di vendere denaro e comprare criptovalute, o di iniziare a prelevare contanti dal proprio conto bancario.

Chiamate simili possono venire ascoltate anche all'esterno della comunità cripto. Il famoso fan dell'oro e scettico di Bitcoin Peter Schiff ha sostenuto che gli investitori che vendono i loro titoli adesso perderanno più potere d'acquisto di quanto non ne avrebbero se fossero rimasti con le azioni. "Se non converti il tuo denaro in oro, spendilo in cibo e altre forniture prima che sia inutile!" ha detto.

Abbiamo chiesto ad altri addetti ai lavori del settore di condividere anche le loro opinioni su questo argomento e non suggeriscono di andare all-in in criptovaluta.

Iperinflazione o ristagno

Lennix Lai, direttore dei mercati finanziari dell'importante exchange di criptovalute OKEx , ricorda che la popolazione in generale non considera i contanti privi di valore o che stiamo entrando nell'iperinflazione. "Tuttavia, penso che le persone stiano iniziando a dubitare dell'efficacia dell'allentamento quantitativo", ha dichiarato Lai a Cryptonews.com . In realtà, al momento, il rischio di ristagno economico è più elevato dell'iperinflazione, ha aggiunto.

Anche il famoso trader di criptovalute Scott Melker, a.k.a. The Wolf of All Streets, non pensa che quell'iperinflazione sia alle porte. Ha detto che il mercato delle criptovalute si è schiantato più duramente dei mercati finanziari globali la scorsa settimana, e ha aggiunto che "Onestamente non credo che il dollaro USA sia a rischio immediato di iperinflazione o che le persone dovrebbero aumentare drasticamente le loro partecipazioni in criptovalute in questo momento".

"Il dollaro attualmente sta aumentando enormemente in valore. La morte del denaro contante è attualmente solo un pio desiderio dei cripto-massimalisti che cercano di confermare la loro teoria ", ha detto Melker.

Tuttavia, secondo Jeff Dorman, Chief Investment Officer presso Arca , un gestore di criptoasset con sede a Los Angeles, l'iperinflazione è sempre possibile ed è quasi sempre sottovalutata.

Dorman ha affermato che la politica monetaria e fiscale viene ora utilizzata per combattere un ambiente deflazionistico, il che significa che non sentiremo l'inflazione così subito.

"Ma come abbiamo visto storicamente, la Fed e le altre aree del governo sono molto lente a sciogliere queste politiche, ed è allora che possiamo vedere l'iperinflazione", ha spiegato, aggiungendo: "Non c'è niente di più permanente dell'intervento temporaneo del governo."

Diversificazione

Possedere dei Bitcoin è una buona cosa, i commentatori concordano, ma non è il momento di vendere tutto il proprio denaro.

Dorman ha affermato che consigli generici come dire a tutti di vendere denaro per un altro bene sono "sempre pericolosi" data la situazione unica di ciascun individuo. Ha avvertito che abbiamo ancora bisogno di contanti, che si tratti di bollette quotidiane o per coprire le interruzioni a breve termine delle entrate. Ha dato un consiglio a ciascuna persona per dare un'occhiata realistica a quanti soldi avrebbero personalmente bisogno se fosse necessario sopravvivere in tempi difficili, che ha definito come il non avere redditi per 6-12 mesi, spese mediche più alte, cure familiari, problemi esterni, ecc.

Detto questo, "per qualsiasi liquidità che non sia necessaria nel breve termine e che possa essere utilizzata come investimento, penso che l'oro e i bitcoin abbiano un senso, soprattutto rispetto alle azioni e alle obbligazioni", ha dichiarato Dorman a Cryptonews.com , aggiungendo che il bitcoin "trarrà assolutamente vantaggio da misure inflazionistiche (stimolo monetario e fiscale), un volo dal fisico al digitale e un'intera generazione di persone che non hanno fiducia nei governi e nelle corporations".

Nel frattempo, Melker crede che tutti dovrebbero possedere alcune delle criptovalute numero 1 al mondo come copertura, "ma non vedo un caso immediato per vendere denaro". Inoltre, Lai di OKEx ha convenuto che proteggere i propri fondi in diversi modi sia una buona idea.

"La cosa buona è che ho osservato più discussioni sulla riserva di valore e credo che questo sia un buon segno - le persone dovrebbero avere diversi modi - che si tratti di oro, denaro o bitcoin - per proteggere la propria ricchezza ", ha concluso Lai.

Nel frattempo, Dorman ha sottolineato che esiste "un'enorme quantità di potere d'acquisto diretto verso bitcoin e oro". (La capitalizzazione di mercato di Bitcoin è inferiore a 100 miliardi di dollari (attualmente, 93,7 miliardi di dollari), mentre la capitalizzazione di mercato dell'oro è inferiore a 7 trilioni di dollari.) E mentre è difficile stimare i contanti, Dorman ha detto, M2 l'offerta di moneta - da un calcolo dell'offerta di moneta che include contanti, depositi di controllo, depositi di risparmio, titoli del mercato monetario, fondi comuni di investimento e altri depositi a tempo - è di 15 trilioni di dollari e cresce di minuto in minuto.

"Se consulenti ed esperti iniziano a parlare di un portafoglio del 30/10/20/20/20 (azioni, obbligazioni, liquidità, bitcoin, oro), puoi immaginare cosa significherà in termini di pressione di acquisto e attività", ha detto .

"Bitcoin e oro sono ancora solamente degli investimenti, non diversi da qualsiasi altro investimento, in quanto possono andare su e giù rispetto al tuo potere d'acquisto del tuo dollaro (o di altre fiat) ", ha detto Dorman." Quando smettiamo di confrontare oro e/o bitcoin al denaro fiat, in quel momento la loro utilità e il potere di spesa diventano più di un semplice investimento. Mentre il passaggio dal fisico al digitale continua, il tuo oro e bitcoin diventeranno più utili come potere di spesa, ed è allora che non saranno più considerati solo investimenti speculativi."

Dorman ha recentemente discusso delle società e progetti di criptovaluta al tempo del COVID-19 e del crollo del prezzo del petrolio affermando che, a differenza delle società tradizionali che hanno bisogno di salvataggi governativi in quanto non proteggono i loro bilanci, quelle digitali: non hanno negozi fisici/clienti/catene di approvvigionamento ; non sono soggetti allo shock della domanda, come i clienti in quarantena, o forniscono shock come la perdita di produzione; molti sono prefinanziati; pertanto, "sta avvenendo il passaggio dal fisico al digitale e il COVID19 lo ha accelerato", ha concluso.

___

Reazioni:

____

Per saperne di più: 10 Crypto Minds Weigh in On Post-Crash Bitcoin and Its Future

Più Articoli