17 nov 2021 · 2 min read

Risoluzione "definitiva e vincolante" di Mt. Gox concordata

Caso Mt Gox
Fonte: AdobeStock / 24K-Production

La lunga lotta dei creditori in attesa di mettere le mani sui loro bitcoin (BTC) lasciati nel limbo dal crollo del crypto exchange Mt. Gox potrebbe finalmente arrivare alla fine - con una risoluzione "definitiva e vincolante" concordata ora legalmente "approvata" dai tribunali giapponesi.

L'annuncio è stato fatto in una lettera del'amministratore fiduciario giapponese Nobuaki Kobayashi (di cui una copia tradotta è stata resa disponibile online), anche se non è stata menzionata una tempistica esatta. Inoltre, il documento non ha specificato se i creditori saranno pagati in BTC o in valuta fiat. 

Kobayashi ha scritto:

"L'amministratore fiduciario chiederà a tutti i creditori coinvolti di registrare le loro informazioni di conto bancario e altre informazioni sul sistema di archiviazione online di Mt. Gox in modo che possano ricevere i rimborsi".

La mancata registrazione al "sistema", come indicato sopra, il fiduciario ha aggiunto, potrebbe portare i creditori a "incontrare difficoltà" con i loro rimborsi.

Cosa prevede la risoluzione concordata?

Le informazioni precedentemente rilasciate dal fiduciario hanno indicato che "i crediti saranno erogati in una combinazione" di yen fiat e "bitcoin o bitcoin cash (BCH)". Fondamentalmente, però, questo "dipenderà in ogni caso dalla richiesta".

Kobayashi ha aggiunto che "i dettagli dei tempi specifici, le procedure e l'importo di tali rimborsi" saranno resi chiari in un ulteriore annuncio - anche se non ha specificato quando questo sarà disponibile.

Come precedentemente riportato, il fiduciario ha il controllo sulle posizioni che comprendono non solo BTC 141.686 (USD 8,51 miliardi), ma anche token bitcoin cash e fiat. Gli analisti hanno avvertito che il rilascio di questi fondi, o anche una parte di essi, potrebbe causare volatilità nel mercato BTC - e potrebbe avere un effetto a catena anche sulle altcoin.

Ai creditori è stato detto che non riceveranno rimborsi completi, ma il fiduciario ha recentemente dichiarato che "circa il 99%" di coloro che aspettano i loro fondi hanno votato a favore di un accordo che li vedrà rimborsare circa il 90% dei loro fondi.

L'exchange, una volta il più grande del mondo, è stato fondato nel 2010 ma è crollato in modo drammatico all'inizio del 2014, privando i creditori delle loro monete. Ne è seguita una lunga battaglia legale, con Kobayashi alla fine nominato fiduciario legale. Tuttavia, nel tempo trascorso dal crollo, i prezzi di BTC sono aumentati a dismisura. Questo ha portato molti creditori a sperare di poter recuperare le monete, che hanno acquistato per una relativa miseria - e che ora valgono milioni di dollari.

Gli analisti hanno precedentemente affermato che se i creditori dovessero ricevere i pagamenti di BTC, le liquidazioni su larga scala potrebbero non essere immediate.

Julian Liniger, il co-fondatore e CEO del broker di bitcoin Relai ha precedentemente detto a Cryptonews.com:

"[Io] non mi aspetto che la maggior parte di queste monete venga poi venduta, poiché molti dei beneficiari erano interessati al bitcoin già da molto tempo - almeno dal 2014 - e quindi possono essere considerati credenti a lungo termine e HODLers."

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______

Per saperne di più:
- I pagamenti di Mt. Gox sono vicini - il mercato è pronto?
- Ex-CEO of Mt. Gox, Mark Karpeles, Moves to Shut Down the Lawsuit

- Ukrainian MP ‘Fails to Provide Evidence of Where She Got Her BTC, ETH, ETC Stash'
- Processo alla persona che dice di essere Satoshi Nakamoto