28 ott 2021 · 4 min read

Si scalda la concorrenza col primo ETF su bitcoin

Bitcoin
Fonte: iStock/fotografo, regista, designer

Nonostante le preoccupazioni iniziali che il primo ETF basato su bitcoin (BTC) sarebbe diventato troppo popolare per il suo valore, i dati dell'emittente dell'ETF, ProShares, mostrano che è ancora scambiato ad un corrispettivo modesto.

A partire da giovedì, secondo i dati di ProShares, l'ETF ProShares Bitcoin Strategy, con il ticker BITO, è stato scambiato con un premio rispetto al suo valore patrimoniale netto (NAV) di appena lo 0,04%, dopo aver visto premi fino allo 0,15% il 21 ottobre.

ETF
Premio/sconto di BITO rispetto a NAV. Fonte: ProShares

Primo ETF su Bitcoin posticipa la scadenza dei contratti futures 

I dati sono interessanti visti i precedenti rapporti secondo cui ProShares rischia di raggiungere il limite fissato dal Chicago Mercantile Exchange (CME), su quanti contratti futures del primo mese può detenere una singola entità. Il limite attuale è ancora che un singolo ETF può detenere un massimo di 2.000 contratti futures nel primo mese, con BITO che ha accumulato quasi 1.900 contratti dopo soli due giorni di trading.

Sebbene il CME abbia affermato che aumenterà il limite del primo mese a 4.000 contratti, a partire da novembre, BITO ha già ampliato l'acquisto di contratti a lunga scadenza per aggirare il problema.

Secondo i dati aggiornati a mercoledì, l'ETF di ProShares detiene ora 3.233 contratti futures su bitcoin con scadenza a novembre e solo 572 contratti a ottobre, con ogni contratto che rappresenta il valore di 5 BTC.

Come è ben noto tra i trader di futures, tuttavia, il prezzo di un contratto futures in genere aumenta quanto più si allontana la sua data di scadenza, una situazione nota come contango. Pertanto, dover acquistare contratti con una scadenza più lunga normalmente causerà errori di tracciamento nel prezzo dell'ETF rispetto al prezzo spot di bitcoin.

ETF su Bitcoin concorrente

Nel frattempo, l'ETF su bitcoin concorrente lanciato da Valkyrie, con ticker BTF, rimane più piccolo di BITO, il che significa anche che è in grado di mantenere una quota maggiore delle sue partecipazioni totali come contratti di primo mese.

Questo fatto è stato sottolineato anche dal Chief Investment Officer (CIO) di Valkyrie Steven McClurg su CNBC lunedì, dove ha affermato che le dimensioni del loro ETF significano che possono "rimanere nei primi mesi e dimostriamo che stiamo davvero seguendo i futures da vicino.”

McClurg ha affermato che "è una preoccupazione per ProShares ed è per questo che hanno richiesto questa estensione per poter accedere a più contratti futures". Inoltre ha continuato che "se ciò non accade, abbiamo visto alcuni segnali dai parte di ProShares che guarderanno ad altri derivati ​​come swap o note strutturate in grado di soddisfare la domanda".

E secondo i dati di Valkyrie, sembra che il CIO dell'azienda abbia ragione sul fatto che il loro ETF stia monitorando molto da vicino almeno il mercato dei futures.

A partire da mercoledì, l'ETF deteneva un importo uguale di 85 contratti futures con scadenza a ottobre e 85 contratti di novembre, oltre a 9 contratti "Micro Bitcoin" con scadenza a ottobre. Secondo gli stessi dati, BTF è stato scambiato a un prezzo pari al suo NAV a partire da mercoledì di questa settimana.

Sebbene BITO stia ancora godendo del suo enorme vantaggio di first mover, sempre più ETF si uniscono al gruppo di ETF basati su bitcoin.

Debutto dell' ETF di Volt Equity

Proprio oggi, il mercato ha già visto il lancio di un ETF su bitcoin, con il "Crypto Industry Revolution and Tech ETF" di Volt Equity che è debuttato sul New York Stock Exchange (NYSE), sotto il ticker BTCR.

A differenza degli altri ETF quotati di recente, tuttavia, l'ETF di Volt Equity non traccia direttamente bitcoin, ma detiene invece azioni di società che in vari modi sono coinvolte nell'economia Bitcoin, inclusi miner, produttori di hardware e importanti società di BTC come MicroStrategy.

Il nuovo ETF ha guadagnato oltre l'1,6% nei suoi primi 20 minuti di trading.

Nel frattempo, un nuovo ETF del noto emittente VanEck sta intensificando ulteriormente il gioco con i suoi piani per ridurre sia Valkyrie che ProShares sulle commissioni.

Secondo un deposito presso la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti, l'ETF di VanEck, con il ticker XBTF, addebiterà una commissione di appena lo 0,65%, riducendo notevolmente gli operatori esistenti.

La mossa di VanEck ha portato il Financial Times a stimare che potremmo assistere a "una guerra dei prezzi potenzialmente 'brutale' per gli exchange traded funds su bitcoin quotati negli Stati Uniti e potrebbe iniziare già lunedì", uno sviluppo che con ogni probabilità sarebbe molto gradito tra investitori al dettaglio.

____

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT

____

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______


Per saperne di più:
- In Australia vengono preparate offerte di ETF Bitcoin
- Ecco cosa devi sapere sull'ETF Bitcoin Futures
-Dopo il primo ETF Bitcoin, Ethereum sarà il prossimo?