26 gen 2022 · 7 min read

5 previsioni sul crypto market per il 2022

crypto market

La capitalizzazione di mercato totale di tutte le criptovalute in circolazione ha raggiunto per la prima volta 3 trilioni di dollari nel 2021. All'inizio dell'anno, l'intero crypto market aveva una capitalizzazione di mercato inferiore a 800 miliardi di dollari, a dimostrazione di quanto sia stato un anno straordinario il settore in generale. Le app DeFi hanno raggiunto un valore totale combinato di oltre 100 miliardi di dollari solo in Ethereum, mentre gli NFT hanno rubato la scena con alcune vendite davvero di successo e GameFi è emerso quasi dal nulla per diventare una valida fonte di reddito per migliaia di giocatori.

Pochi possono affermare di aver previsto questi sviluppi, poiché è notoriamente difficile prevedere qualsiasi cosa accada nel crypto market. Anche così, osiamo azzardare un'ipotesi su una serie di sviluppi che potrebbero aver luogo nel 2022. Vediamo se le cose andranno come ci aspettiamo.

5 previsioni sul crypto market per il 2022

 

NFT per abilitare nuovi modi di investire

L'emergere della tecnologia Bitcoin e blockchain ha permesso agli sviluppatori di fare enormi passi avanti nell'area della finanza decentralizzata. La cosiddetta DeFi si è rivelata rivoluzionaria, creando molteplici opportunità di creazione di ricchezza per milioni di persone il cui accesso ai mercati finanziari tradizionali è stato limitato.

Sebbene le opportunità relative a ICO, IDO, staking e yield farming continueranno a essere popolari, riteniamo che saranno gli NFT a fornire alcune delle migliori strade per la creazione di ricchezza nel 2022. Gli NFT hanno molteplici usi, consentendo nuovi metodi di raccolta fondi, come l'offerta iniziale di NFT lanciata da GamesPad nel 2021, che offre agli investitori la possibilità di acquistare NFT con utilità di gioco e aiutare il progetto a raccogliere capitali. L'industria del gioco Play-to-earn ha anche dato origine al concetto di staking NFT, con una delle piattaforme più popolari MOBOX. Con MOBOX, è possibile vincere MOMO NFT e scommetterli per guadagnare premi sotto forma del token di governance della piattaforma MBOX.

I titolari di NFT possono anche guadagnare reddito passivo con la piattaforma Drops. Con Drops, è possibile utilizzare NFT per accumulare reddito passivo depositando quei token come garanzia. I proprietari di NFT possono recuperare rendimenti sostanziali con un rischio trascurabile, perché qualsiasi prestito contratto nei suoi confronti è garantito da un NFT il cui valore è almeno equivalente, se non superiore, al valore dell'importo preso in prestito.

Inoltre, Drops consente anche di generare reddito fornendo asset crypto come token di governance o stablecoin a pool di prestito che generano un APY competitivo. Infine, gli utenti possono anche creare il proprio pool di prestiti NFT specificando quali token sono disposti ad accettare come garanzia e l'importo del prestito che può essere preso in prestito a fronte di tali asset. In questo modo, gli utenti possono generare un rendimento considerevole, sostenendo solo gli asset che ritengono abbiano valore.

L'ecosistema DeFi di Cardano finalmente emerge

Nonostante sia negli ultimi anni una delle criptovalute di maggior valore al mondo, Cardano ha sentito la pressione a causa del suo numero limitato di app DeFi. Tuttavia, ciò cambierà nel 2022 quando Cardano ha finalmente abilitato la funzionalità di smart contract sulla sua blockchain l'anno scorso.

Charles Hoskinson, CEO di Input Output, la società dietro Cardano, ha recentemente affrontato le preoccupazioni per la mancanza di DeFi su Cardano in un live streaming di fine anno, dicendo che ha un enorme ecosistema di dApp in procinto di emergere. In effetti, le prime piattaforme hanno già iniziato a presentarsi, con MuesliSwap che ha lanciato la sua rete principale il 29 novembre dello scorso anno e ha accumulato oltre 845.000 USD di valore totale bloccato entro il 2 gennaio.

Un altro progetto entusiasmante da tenere d'occhio è Ardana, che mira a diventare una stazione DeFi all-in-one in esecuzione su Cardano con prodotti costruiti attorno alla sua stablecoin dUSD. Al momento, Ardana ha creato il suo Danaswap Automated Market Maker DEX e il suo servizio di prestito dUSD. Il suo obiettivo strategico è creare un intero ecosistema DeFi su Cardano per consentire l'efficienza del capitale.

Sono in cantiere anche numerosi altri progetti DeFi basati su Cardano, con SundaeSwap che lancerà la sua testnet a dicembre e AdaSwap che lancerà il suo DEX quest'anno. Cardano sembra pronto a recuperare rapidamente.

Exchange crypto decentralizzati attirano più utenti

L'ascesa degli exchange decentralizzati non ha conosciuto limiti nel 2021 e sono destinati a continuare ad attirare più utenti e volume di exchange mentre ci dirigiamo verso il nuovo anno. Secondo i dati di The Block Research, i DEX hanno riportato oltre 1 trilione di dollari di volumi di trading lo scorso anno. Ciò ha rappresentato un enorme aumento dell'858% rispetto ai volumi di trading DEX del 2020, che ammontavano a soli 115 miliardi di dollari.

Il più grande DEX di gran lunga in termini di volume di trading è stato Uniswap, che ha goduto di una quota del mercato del 75% a dicembre. Detto questo, man mano che più DEX emergeranno nel settore in cui si trova, Uniswap avrà un duro lavoro da fare per mantenere la sua posizione dominante.

Uno dei DEX più ambiziosi da tenere d'occhio è gTrade, creato da Gains Network. gTrade è basato sulla blockchain Polygon in grado di connettersi a reti basate su Ethereum e questo offre alcuni seri vantaggi rispetto a Uniswap, con velocità di transazione più elevate, leva migliore, impatto sui prezzi zero per cento e commissioni di finanziamento zero grazie alla sua architettura di trading sintetica indipendente dagli asset . Il fatto che gTrade abbia già raggiunto una serie di obbiettivi sulla sua roadmap in anticipo rispetto alle sue aspettative iniziali ci dice che il panorama DEX sarà di nuovo estremamente attivo nel 2022.

La privacy della blockchain rimane un argomento fondamentale

Una delle principali preoccupazioni in corso sulla tecnologia blockchain è il livello di privacy che offre agli utenti, o meglio, la sua mancanza. Il problema con la blockchain è che deve essere pubblica a causa della sua natura immutabile che protegge la rete dagli hacker. Poiché ogni singola transazione è registrata sulla blockchain per l'eternità e visibile a tutti gli utenti, è impossibile che la rete venga violata o che le monete vengano spese due volte. Sfortunatamente, si traduce anche in problemi di privacy. Utilizzando sofisticati strumenti di analisi, può essere possibile tracciare o almeno azzardare una buona ipotesi su chi potrebbero essere i singoli proprietari di wallet e tenere traccia delle loro finanze

La privacy della blockchain continuerà ad essere sotto i riflettori nel 2022 con l'emergere di alcune vere soluzioni al problema. Includono artisti del calibro di Nym Technologies, che ha recentemente raggiunto un traguardo chiave con il lancio della sua mainnet basata su Cosmos Nyx, avvicinando l'idea di mixnet alla realtà. Con la sua mixnet, Nym è in grado di oscurare i metadati delle transazioni blockchain, rendendo impossibile il tracciamento degli utenti, anche con l'uso di strumenti di analisi avanzati. Anche la visione della privacy di Nym ha un serio sostegno, con il coinvolgimento di operatori istituzionali come Swisscom, che funge da validatore di rete.

Ciò che è chiaro è che la privacy continuerà a essere in prima linea nelle conversazioni sulle criptovalute nel 2022.

Le imprese si renderanno conto del potenziale del Web3

Le imprese di tutto il mondo si renderanno conto molto rapidamente del potenziale del web3 e vorranno farne parte. L'abbiamo già visto con Facebook e, più recentemente, Microsoft, il cui fondatore Bill Gates ha affermato di vedere il metaverso ospitare la maggior parte delle riunioni di lavoro tra pochi anni.

Un'altra indicazione viene dal sondaggio Global Blockchain di Deloitte del 2020, che ha rilevato che il 36% delle imprese ha in programma di investire almeno 5 milioni di dollari in tecnologie blockchain. Tuttavia, queste aziende vedono l'integrazione dei sistemi tradizionali esistenti e la mancanza di competenze come due grandi ostacoli all'adozione della blockchain.

Questo è ciò che cambierà nel 2022, con l'emergere di operatori come Authtrail, che ha creato una piattaforma che astrae tutta la complessità della blockchain. Fornisce alle aziende una semplice blockchain aggiuntiva ai loro strumenti esistenti, in modo che possano continuare a usarli sfruttando dati molto più affidabili e immutabili.

Con l'ascesa di Authtrail e di altre piattaforme blockchain pronte per le imprese come Cypherium, che si rivolge a banche e altri istituti finanziari, il 2022 potrebbe essere l'anno in cui le organizzazioni tradizionali arriveranno finalmente ad abbracciare le possibilità del mondo web3 in rapida evoluzione.

 

Dichiarazione di non responsabilità: la sezione Industry Talk presenta approfondimenti di attori del settore crypto e non fa parte del contenuto editoriale di Cryptonews.com.

 

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______