Home NewsBlockchain News

Produttori di alimenti: la Blockchain per riconquistare la fiducia dei consumatori - Rapporto

Di Jarosław Adamowski
Produttori di alimenti: la Blockchain per riconquistare la fiducia dei consumatori - Rapporto 101
Fonte: Adobe/artit

I produttori di alimenti, bevande e integratori alimentari devono adottare la tecnologia blockchain se vogliono ottenere la fiducia di consumatori ormai sempre più scettici, secondo un nuovo rapporto.

I dati raccolti dalla società di consulenza di ricerche di mercato britanniche FMCG Gurus suggeriscono che il pubblico è stanco dei produttori di alimenti - e ritiene che le soluzioni basate sulla tecnologia blockchain potrebbero funzionare da tonico, fornendo ai consumatori strumenti affidabili che consentano loro di verificare e vedere quanti danni i marchi stanno arrecando all'ambiente.

Le persone hanno anche indicato che vorrebbero utilizzare la tecnologia per monitorare le pratiche etiche dei marchi di alimenti e bevande.

L'indagine ha riscontrato che il 31% dei consumatori globali intervistati afferma di non fidarsi dei marchi alimentari, mentre il 25% afferma che la loro fiducia in questi marchi si è deteriorata negli ultimi due anni. I risultati sono stati inclusi nel rapporto dell'azienda Future of Blockchain: Global 2020.

FMCG Gurus ha affermato di aver intervistato 26.000 consumatori in ventisei paesi nel terzo trimestre del 2019, ponendo loro domande sulla tecnologia blockchain.

I ricercatori hanno scoperto che solo il 18% dei consumatori di tutto il mondo conosceva l'emergente tecnologia blockchain. Tuttavia, dopo che gli è stata fornita una spiegazione, un totale del 50% ha dichiarato che probabilmente utilizzeranno questa tecnologia per scoprire di più su cibo, bevande e integratori alimentari.

FMCG Gurus afferma che i consumatori "hanno maggiori probabilità di utilizzare [soluzioni basate su blockchain] per quei prodotti di categorie in cui in passato vi sono state speculazioni" sulle politiche etiche e ambientali delle aziende.

I marchi globali stanno affrontando un crescente controllo da parte dei loro consumatori, che stanno diventando sempre più attenti all'ambiente e all'etica. Un totale pari al 58% dei consumatori ha affermato che sarebbe particolarmente desideroso di controllare le aziende per vedere quanta CO2 viene rilasciata durante la produzione e la distribuzione dei loro prodotti.

Gli autori del rapporto hanno scritto,

“I consumatori sono interessati a scoprire iniziative di sostenibilità lungo l'intera catena di approvvigionamento. Ciò è ulteriormente sottolineato dal fatto che il 51% afferma che è importante che i marchi monitorino le catene di approvvigionamento dei propri fornitori per assicurarsi che agiscano in modo etico e rispettoso dell'ambiente. ”

Più Articoli