Home News

Il G20 potrebbe creare un registro degli exchange di criptovalute

Di Sead Fadilpašić
Il G20 potrebbe creare un registro degli exchange di criptovalute 101
Source: iStock/Garsya

Nel tentativo di prevenire il riciclaggio di denaro digitale, si prevede che il Gruppo delle Venti (G20) principali economie avanzate ed emergenti concorderà sulla creazione di un registro degli exchangei di criptovalute, ha riferito Nikkei, non citando nessuno.

Il rapporto non ha fornito ulteriori dettagli sull'accordo.

Come riportato, all'incontro che si terrà a Fukuoka, in Giappone, dall'8 al 9 giugno, i ministri ed i banchieri centrali del gruppo discuteranno una serie di questioni riguardanti le risorse digitali, in particolare il riciclaggio di denaro sporco, nonché la sempre importante protezione del cliente. Il loro scopo è quello di prevenire il trasferimento di fondi illeciti, soprattutto con l'anonimato, il che renderebbe impossibile rintracciare il denaro.

In realtà, questo non rappresenta tutto ciò che il G20 ha in cantiere per le criptovalute in quanto hanno lavorato su un certo numero di piani per un bel pò di tempo. Il Giappone, sotto la sua presidenza del G20, si è mostrato abbastanza propenso a regolamentare le cripto, e sappiamo che il gruppo si incontrerà anche il 1° giugno a Osaka per discutere di una serie di regolamenti. Il Giappone vuole anche convincere le sue controparti internazionali affinché si impegnino a regolamentare le criptovalute di cui hanno discusso.

Come riportato in precedenza, Tokyo ha lavorato instancabilmente per reprimere gli exchange internazionali che mirano attivamente ai clienti giapponesi, ma non c'è molto che l'agenzia governativa di un paese possa attualmente fare per un exchange situato in un altro paese. Tuttavia, questo tipo di sforzi internazionali a cui stiamo assistendo in questo momento, potrebbe potenzialmente cambiare tutto questo.

Convincendo i membri del G20 a collocare gli exchange sotto il controllo dei regolatori finanziari nazionali, anche il Giappone sembra voler garantire che i paesi stiano attivamente combattendo il riciclaggio di denaro negli exchange stessi. Il governo di Shinzo Abe probabilmente sarebbe anche a favore di qualsiasi tentativo di introdurre linee guida di know-your-customer (KYC) - nonostante l'insistenza dell'industria sul fatto che queste misure siano “draconiane.”

Più Articoli