Home News

Ecco come il G20 potrebbe tenere a bada cripto e stablecoin

Di Sead Fadilpašić
Ecco come il G20 potrebbe tenere a bada cripto e stablecoin 101
Fonte: Adobe/concept w

Provocate dall'espansione di criptovalute e stablecoin privati, stanno emergendo nuove iniziative intergovernative per risolvere i problemi del sistema finanziario globale e tenere a bada le criptovalute pubbliche.

All'inizio di aprile, la "banca centrale delle banche centrali" ha detto che il mondo potrebbe vedere le valute digitali (CBDC) della banca centrale venire alla luce prima del previsto. E oggi il Financial Stability Board (FSB), un ente internazionale che monitora e formula raccomandazioni sul sistema finanziario globale, ha annunciato di aver completato il primo dei tre passaggi richiesti dal Gruppo dei 20 (G20 ) nello sviluppo di una tabella di marcia per i pagamenti transfrontalieri.

Come promemoria, nell'ottobre 2019, il gruppo dei sette (G7) ha esortato i suoi membri a dover competere con criptovalute e stablecoin migliorando il sistema finanziario esistente - e prendere in considerazione l'emissione di fiat digitali.

Nel frattempo, a febbraio, il G20, con la presidenza dell'Arabia Saudita, ha chiesto all'FSB di coordinare un processo in tre fasi per sviluppare una tabella di marcia per migliorare i pagamenti transfrontalieri,dice l'FSB nel comunicato stampa. La presidenza dell'Arabia Saudita ha una priorità transfrontaliera, aggiunge. Il primo passo - Fase 1, Valutazione - è terminato e l'FSB ha pubblicato oggi il suo rapporto, che sarà presentato ai ministri delle finanze del G20 e ai governatori delle banche centrali prima della riunione virtuale prevista la prossima settimana, insieme a un report a sfondo tecnico.

Il report afferma che "il miglioramento degli aspetti operativi dei pagamenti transfrontalieri potrebbe migliorare l'efficienza e la velocità con cui questi pagamenti vengono elaborati" e fornisce una valutazione delle disposizioni e delle sfide esistenti per i pagamenti transfrontalieri globali.

Sfide

La relazione rileva che le sfide cui sono confrontati i pagamenti transfrontalieri - vale a dire costi elevati, bassa velocità, accesso limitato e trasparenza insufficiente - riguardano gli utenti finali e i fornitori di servizi, ma in particolare gli individui e le piccole imprese quando si tratta di pagamenti transfrontalieri al dettaglio . "Gli individui non serviti da banche, i privati e le imprese più fragili degli Stati sono tra quelli che potrebbero non essere in grado di accedere ai servizi di pagamento", afferma l'FSB.

Per risolvere i problemi e migliorare i pagamenti transfrontalieri, occorre affrontare gli attriti nel processo di pagamento transfrontaliero esistente:

  • standard di dati frammentati o mancanza di interoperabilità;
  • complessità nel soddisfare i requisiti di conformità, anche in materia di antiriciclaggio e contrasto al finanziamento del terrorismo (AML/CFT) e finalità di protezione dei dati;
  • ore di funzionamento diverse tra fusi orari diversi;
  • piattaforme tecnologiche legacy obsolete;
  • tutto ciò aumenta la necessità di intermediari che detengono finanziamenti precauzionali;
  • la lunghezza della catena di transazione aumenta costi e ritardi;
  • vengono aumentati gli ostacoli ai costi per l'ingresso e ciò indebolisce ulteriormente la concorrenza.

Soluzioni e ruolo delle nuove tecnologie

"Una serie di iniziative del settore pubblico hanno cercato di affrontare queste sfide e attriti migliorando gli accordi di pagamento esistenti", afferma l'FSB, come il G20 e le Nazioni Unite che fissano obiettivi per ridurre i costi di invio delle rimesse internazionali dal punto di vista del commercio al dettaglio e le banche centrali lavorano sui progetti di interconnessione tra i singoli sistemi di pagamento nazionali sul lato all'ingrosso.

Le nuove tecnologie svolgono un ruolo importante in quanto possono facilitare pagamenti rapidi, economici, trasparenti e scalabili per una vasta gamma di utenti, mentre l'utilizzo di infrastrutture basate su Internet per i pagamenti crea opportunità per nuovi modelli di business, nonché per vari fornitori e non banche per offrire servizi di pagamento.

Tutto ciò, tuttavia, richiede un ulteriore esame, poiché le nuove tecnologie comportano rischi e sfide proprie. Ad esempio, afferma l'FSB, "recenti proposte del settore privato per creare le cosiddette" stablecoin "a fini di pagamento hanno messo in luce la possibilità che nuovi pagamenti digitali guadagnino rapidamente, potenzialmente a livello globale". Pertanto, è necessario rispondere a più domande al fine di garantire un'adeguata regolamentazione, supervisione e controllo.

Detto questo, sarà un processo complicato che richiede una serie di passaggi e cooperazione tra i livelli nazionale e internazionale, nonché tra le autorità pubbliche e il settore privato. "L'innovazione tecnologica potrebbe basarsi sugli accordi di pagamento transfrontalieri e nazionali esistenti o assumere la forma di nuove strutture ed ecosistemi", scrive l'FSB. A breve termine, potrebbero essere apportati miglioramenti all'interoperabilità tra gli accordi di pagamento, la standardizzazione dei messaggi di pagamento, l'interconnessione tra i sistemi di pagamento, i meccanismi di conversione di valuta, ecc. A lungo termine, potrebbero essere proposte alcune azioni per migliorare la struttura dei sistemi, ma questi vengono con "maggiori incertezze nel loro sviluppo".

"La tabella di marcia dovrebbe riconoscere che, sebbene una maggiore coerenza e una interconnessione più efficiente siano obiettivi importanti, questi non implicano un approccio "taglia unica" per il diverso insieme di utenti delle diverse reti del sistema di pagamento e le loro diverse esigenze", conclude l'FSB.

Prossimi passi e tendenze attuali

Rimangono altre due fasi nel processo di presentazione:

  • Fase 2 - Elementi costitutivi: il Comitato per i pagamenti e le infrastrutture di mercato (CPMI) fornirà un aggiornamento al G20 a luglio di quest'anno sulle aree in cui ulteriori lavori del settore pubblico potrebbero aiutare a migliorare il sistema di pagamenti transfrontalieri e in beni pubblici o rimuovere gli ostacoli superflui.
  • Fase 3 - Tabella di marcia: l'FSB, il CPMI e altre organizzazioni pertinenti svilupperanno una tabella di marcia contenente passaggi pratici e tempistiche indicative, che saranno presentate al G20 nell'ottobre 2020.

Nel frattempo, il rapporto sul background tecnico ha elencato alcune tendenze nei pagamenti transfrontalieri:

  • Il commercio internazionale è cresciuto fortemente negli ultimi 10 anni, mentre l'internazionalizzazione della produzione ha portato le catene di approvvigionamento a diventare sempre più globali.
  • L'attività di commercio elettronico transfrontaliero ha contribuito alla crescita dei pagamenti al dettaglio transfrontalieri da persona a impresa e dovrebbe crescere sostanzialmente in futuro, mentre il 15-20% del valore delle transazioni e-commerce è già internazionale.
  • Il volume e il valore dei pagamenti transfrontalieri globali inviati utilizzando il sistema di messaggistica di pagamento SWIFT è aumentato negli ultimi anni, ma il numero di relazioni bancarie corrispondenti è diminuito globalmente del 20% dal 2011 al 2018, con il declino che ha interessato quasi tutti regioni e paesi.
  • I crescenti viaggi e migrazioni internazionali stanno creando una domanda crescente di pagamenti transfrontalieri; inoltre, poiché molti migranti internazionali inviano fondi alla famiglia e agli amici, i flussi di rimesse annuali sono cresciuti del 50% dal 2010 per raggiungere 707 miliardi di dollari, di cui 529 miliardi di dollari verso paesi a basso e medio reddito.
  • Gli afflussi di rimesse (una fonte critica di finanziamento per le persone nella maggior parte dei paesi in via di sviluppo) sono aumentati del 64% negli ultimi 10 anni, da 432 miliardi di dollari nel 2009 a circa 707 miliardi di USD nel 2019, con rimesse inviate dai paesi del G20 che rappresentano oltre il 50% del totale globale.
  • Il costo dell'invio delle rimesse è diminuito negli ultimi 10 anni, ma il tasso di riduzione è rallentato negli ultimi anni e il costo medio globale dell'invio di 200 USD, al 6,82% nel quarto trimestre 2019, rimane ben al di sopra dell'impegno del G20 in 2011 per ridurre il costo al 5% e l'obiettivo dell'ONU per lo sviluppo sostenibile del 3% entro il 2030, conclude l'FSB.

Più Articoli