28 gen 2022 · 3 min read

Goldman Sachs: l'adozione non fa più aumentare le crypto

Mercato Crypto
Fonte: iStock/Dan Totilca

 

Goldman Sachs ha avvertito gli acquirenti di criptovalute che l'aumento dell'adozione di token non farà più salire i prezzi, e che i fattori macroeconomici stanno ora esercitando una maggiore influenza sui mercati. L'azienda sembra aver attenuato il suo interesse per il lancio di una stablecoin.

L'avvertimento sui prezzi delle criptovalute è arrivato in una nota redatta da due strateghi dell'azienda, Zach Pandl e Isabella Rosenberg, ha riportato Bloomberg.

Il duo ha sostenuto che le recenti strategie di vendita hanno suggerito che l'adozione non stava guidando i prezzi. Hanno spiegato che i recenti sell-off di criptovalute hanno mostrato che "l'adozione mainstream può essere un'arma a doppio taglio".

"Mentre l'adozione può aumentare le valutazioni, probabilmente aumenterà anche le correlazioni con altre variabili del mercato finanziario, riducendo il beneficio di diversificazione nel detenere questa classe di asset".

Invece, gli autori hanno dichiarato che i fattori macroeconomici e il movimento dei prezzi degli asset macro convenzionali possono influenzare i prezzi nel lungo termine.

Secondo loro, nel tempo, l'ulteriore sviluppo della tecnologia blockchain, comprese le applicazioni nel metaverso, potrebbe fornire una spinta alle valutazioni di alcuni asset digitali.  

"Ma questi asset non saranno immuni alle forze macroeconomiche, compreso l'inasprimento monetario delle banche centrali", hanno osservato gli autori.

In effetti, la correlazione dei prezzi delle criptovalute con altre attività macro, il duo ha spiegato, è aumentata al punto in cui le criptovalute "sono ora al centro delle recenti rotazioni di tutte le classi di asset".

Hanno sottolineato l'apparente correlazione positiva dei prezzi di bitcoin (BTC) con " i proxy per il rischio dei prezzi al consumo", tra cui "l'inflazione di equilibrio" e i prezzi del petrolio grezzo - così come le azioni "di frontiera" delle aziende tecnologiche. Al contrario, hanno detto, c'è ora una correlazione negativa tra il prezzo delle criptovalute e i tassi di interesse reali e il dollaro.

Come riportato, le banche centrali come la Federal Reserve si sono mosse per inasprire la politica monetaria negli ultimi mesi, facendo salire i tassi e forzando il prezzo del dollaro - fattori che hanno danneggiato sia le criptovalute che le azioni tecnologiche.

Goldman Sachs e i piani sulla sua Stablecoin

Nel frattempo, Goldman Sachs potrebbe diventare l'ultima grande azienda a frenare - o almeno ritardare - i suoi cosiddetti piani "globali" di stablecoin.

Dopo una settimana in cui abbiamo visto Meta (ex Facebook) muoversi per vendere i propri asset e la proprietà intellettuale di Diem, Bloomberg ha citato una portavoce di Goldman Sachs che ha dichiarato di non avere alcuna intenzione immediata di creare una moneta Goldman Sachs:

"Continuiamo a vedere il valore nel lavorare a stretto contatto con le istituzioni private che cercano di creare una stablecoin onnipresente che soddisfi i requisiti legali e normativi e abbia una governance trasparente".

L'azienda non ha rivelato l'identità di queste "istituzioni private".

Goldman Sachs ha iniziato a parlare dei suoi piani di stablecoin nel 2020, e ha precedentemente investito in Circle, il creatore della moneta USD (USDC) ancorata al dollaro.
_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______
Per saperne di più: 
- Bitcoin potrebbe raggiungere i 100.000 USD in cinque anni 
- ATH per Ethereum: Opinioni discordanti tra gli analisti

- Perhaps the Goldman Sachs DeFi ETF Won’t Feature Nokia After All
- Goldman Sachs: segnali rialzisti sulle cripto dagli investitori