15 maggio 2021 · 5 min read

Mining a zero emissioni di carbonio, Il crimine DeFi in aumento + Altre notizie

Ottieni il tuo riassunto quotidiano delle notizie relative a criptoasset e blockchain, indagando sulle storie che volano sotto il radar delle notizie cripto di oggi.

mining DeFi

Fonte: Adobe/hlxandr

Notizie sul Mining 

  • Greenidge Generation Holdings, il proprietario dell'impianto di mining e generazione di energia verticalmente integrata di Bitcoin (BTC) nello stato di Upstate New York, ha dichiarato che, a partire dal 1° giugno, gestirà un'operazione di mining di Bitcoin completamente a zero emissioni di carbonio presso questa struttura. L'azienda ha affermato che acquisterà compensazioni volontarie di carbonio da un portafoglio di progetti statunitensi di riduzione dei gas a effetto serra e intende investire una parte dei suoi profitti di mining in progetti di energia rinnovabile. Jeffrey Kirt, CEO di GGH, ha affermato nell'annuncio che "stiamo dimostrando di poter fornire gli stessi servizi di elaborazione e verifica delle transazioni critiche per proteggere la rete bitcoin mantenendo un'impronta completamente a zero emissioni di Co2". Come riportato, la società mira a diventare quotata in borsa.
  • La società di mining di criptovalute Argo Blockchain e la società di blockchain e tecnologia cripto DMG Blockchain Solutions hanno annunciato la loro partnership con il Crypto Climate Accord che mira a ridurre l' emissioni di Co2 del settore delle criptovalute. I tre stanno creando un gruppo di lavoro che affronterà la trasparenza nel mining di cripto ad energia rinnovabile e delineerà i loro obiettivi.

Notizie sul crimine

  • Gli hacker della DeFi stanno aumentando in modo significativo insieme allo spazio stesso, secondo il Cryptocurrency Crime and Anti-Money Laundering Report della società di analisi blockchain CipherTrace. Da gennaio alla fine di aprile 2021, i principali furti di criptovaluta, attacchi informatici e frodi hanno totalizzato 432 milioni di dollari, con gli incidenti relativi alla DeFi che rappresentano il 60% di questo numero. Questo è aumentato del 25% nel 2020; nel 2019 gli hacker DeFi erano praticamente inesistenti, hanno aggiunto. L'importo compensato dagli hacker relativi alla DeFi nei primi cinque mesi del 2021,pari 156 milioni di dollari, supera già i 129 milioni di dollari, rubati negli hack relativi alla DeFi durante tutto il 2020.
defi crypto

Fonte: CipherTrace

  • La polizia tedesca ha arrestato sei persone per una truffa cripto dal valore di oltre 36 milioni di dollari. Secondo quanto riportato da National News il gruppo avrebbe creato almeno quattro piattaforme di trading online per criptovalute e opzioni ad alto rischio, manipolando le vittime, facendogli credere che i loro investimenti stessero dando i loro frutti.
  • Colonial Pipeline, il più grande sistema di oleodotti per prodotti petroliferi raffinati negli Stati Uniti, ha pagato 75 BTC (3,8 milioni di dollari) agli hacker quando sono stati vittima di un attacco ransomware, come riportato da Bloomberg, ma un portavoce dell'azienda si è rifiutato di confermarlo o negarlo. Secondo quanto riferito,la società ha dovuto chiudere la propria rete per impedire la diffusione del ransomware che ha causato panico diffuso e panico negli acquisti del gas nonchè picchi del prezzo del petrolio.

Notizie sugli investimenti 

  • Point72, la società di gestione patrimoniale di proprietà del gestore di hedge fund Steve Cohen, sta cercando di entrare nel settore delle criptovalute, ha riferito Bloomberg. In una lettera agli investitori, l'azienda ha dichiarato: "Saremmo negligenti se ignorassimo un mercato di criptovalute da 2 trilioni di dollari."
  • Huobi Group, l'operatore dell' importante exchange di criptovalute Huobi, ha dichiarato di aver lanciato una consociata interamente controllata chiamata Huobi Ventures, che mira a distribuire 100 milioni di dollari in blockchain e progetti legati alle criptovalute nei prossimi tre anni. La società prevede inoltre di istituire un fondo NFT da 10 milioni di dollari e di effettuare "acquisizioni strategiche per diversificare ed espandere le offerte di Huobi".
  • DBS Private Bank, con sede a Singapore, ha lanciato una soluzione fiduciaria per criptovalute tramite la sua controllata DBS Trustee per consentire ai suoi clienti di private banking di investire in asset cripto, secondo quanto riportato da The Business Times. Supportano solo BTC, ethereum (ETH), bitcoin cash (BCH), XRP e sono anche disponibili su DBS Digital Exchange.
  • Digivault, custode di asset digitali, ha dichiarato che è il primo provider di wallet depositario autonomo a ricevere l'approvazione dalla Financial Conduct Authority del Regno Unito per registrarsi come provider di wallet depositario. La società mira a fornire servizi di custodia agli investitori aziendali e istituzionali.

Notizie sulle CBDC

  • Andrew Bailey, il governatore della Banca d'Inghilterra, ha detto che la banca centrale lancerà la propria valuta digitale nei prossimi anni, aggiungendo che la popolarità delle criptovalute è un "segnale di avvertimento" e che questi asset non hanno alcun valore intrinseco, ha riferito Bloomberg.
  • Il gigante di Internet sudcoreano Naver, la versione di Google della nazione, è pronto a lanciare i servizi di valuta digitale della banca centrale (CBDC) per il won digitale, anche se la Banca centrale di Corea deve ancora confermare che emetterà effettivamente un token. Secondo Hanguk Kyungjae, le filiali di Naver Naver Financial e Line Plus sono impostate per creare un progetto pilota per la distribuzione, il pagamento e il regolamento delle CBDC per garantire che abbia un quadro in atto nel caso in cui la banca decida di dare il via libera a un token. I media hanno affermato che Naver vuole testare l'utilità e la stabilità del suo prototipo di framework CBDC. La banca centrale è ancora in trattative con società private prima del lancio del proprio programma pilota nei prossimi mesi.

Notizie fiscali

  • Altre criptovalute sono state sequestrate agli evasori fiscali in Corea del Sud, poiché le autorità fiscali regionali di tutto il paese continuano a esaminare i registri di criptovalute alla ricerca di irregolarità dalla fascia più alta di contribuenti. Secondo News1 l'ultimo giro di vite è stato condotto a Gongju, nella provincia del Chungcheong meridionale, dove sono state sequestrate partecipazioni cripto non dichiarate e altri beni come automobili, titoli e altro da 28 individui e cinque "gruppi" (probabilmente società, in questo caso). Precedenti sequestri a Seoul e altrove hanno visto i token sequestrati e liquidati con la forza in alcuni casi.

Notizie sugli Exchange

  • La Commissione per il commercio equo e solidale della Corea del Sud ha condotto un verifica su tutti i principali exchange di criptovalute della Corea del Sud, dalle piattaforme di trading "big four" agli exchange di piccole e medie dimensioni. Secondo Electronic Times, il watchdog finanziario sta esaminando possibili violazioni legali nei termini e condizioni delle piattaforme ed esaminerà i casi storici in cui gli exchange non sono riusciti a rimborsare i clienti per le perdite cripto dovute a problemi di "server" e "sicurezza". L'audit è il primo della Commissione condotto sull'intera industria nazionale dal 2017.