03 giugno 2021 · 2 min read

Guggenheim intensifica i suoi piani su Bitcoin

Il Guggenheim Active Allocation Fund, controllato dalla società di consulenza e investimento globale Guggenheim Partners, ha annunciato l'intenzione di lanciare un nuovo fondo che potrebbe cercare l'esposizione degli investimenti alle criptovalute, con particolare attenzione a bitcoin (BTC).

Scott Minerd, CIO di Guggenheim Partners. Fonte: screenshot video, Youtube/Bloomberg Markets and Finance

Il fondo ha presentato il suo progetto in un deposito alla Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti, affermando che i suoi potenziali investimenti potrebbero provenire da "strumenti derivati ​​regolati in contanti, come future negoziati in borsa regolati in contanti, o tramite veicoli di investimento che offrono esposizione a Bitcoin o altre criptovalute attraverso investimenti diretti o esposizione indiretta come i contratti derivati”.

Detto questo, il Guggenheim Funds Trust riconosce che numerosi "aspetti significativi del trattamento fiscale degli investimenti in criptovalute sono incerti e un investimento diretto o indiretto in criptovalute può produrre reddito non qualificante".

Il documento descriveva la criptovaluta come un'innovazione tecnologica con una storia limitata, nonché un bene altamente speculativo, affermando che future azioni o politiche regolamentari "possono limitare, forse in misura materialmente avversa, il valore dell'investimento indiretto del Fondo in criptovaluta e la possibilità di scambiare una criptovaluta o utilizzarla per i pagamenti."

Scott Minerd, Global Chief Investment Officer (CIO) di Guggenheim Partners, sarà responsabile con altri tre della gestione quotidiana del portafoglio del Fondo.

Minerd è anche noto per i suoi precedenti avvertimenti sulle prospettive di un rally di BTC.

Lo scorso gennaio, ha affermato che "l'aumento parabolico di bitcoin è insostenibile nel breve termine", vulnerabile a una battuta d'arresto e che "l'obiettivo di rialzo tecnico di 35.000 USD era stato superato".

In particolare, questa dichiarazione è stata fatta mentre la società stessa stava aspettando il permesso di riservarsi il diritto di investire fino al 10% del suo Macro Opportunities Fund da 5,3 miliardi di dollari nel Grayscale Bitcoin Trust.

In un'intervista con Bloomberg quello stesso mese, Minerd aveva affermato che il picco dei prezzi delle criptovalute stava portando i mercati "in una frenesia speculativa", ma aveva suggerito anche che, a causa della domanda di alcuni dei suoi clienti, Guggenheim Partners era già salito sul treno bitcoin.

Questo tipo di azioni contraddittorie da parte di questa e di altre società ha suscitato commenti secondo cui le mosse relative a BTC di Guggenheim potrebbero far parte di un gioco per "rendere bitcoin più economico" guidato da Wall Street.

Anche il CIO ha ricevuto un avvertimento la scorsa settimana.


* Non dimenticare di iscriverti al nostro canale Telegram o di seguirci su Twitter per rimanere sempre aggiornato sulle ultime notizie!

____

Maggiori informazioni:
- Crypto Traders Smell Institutional-Grade Bitcoin Price Manipulation
- I consulenti finanziari degli Stati Uniti raccomandano le criptovalute
- Gli istituzionali ed il Retail competono per Bitcoin - Di chi sono le mani più forti?