Home News

Hack uccide Cryptopia - I liquidatori prendono in mano l'exchange

Di Tim Alper
Hack uccide Cryptopia - I liquidatori prendono in mano l'exchange 101
Source: iStock/claudiodivizia

Un tribunale della Nuova Zelanda ha messo l'exchange di criptovalute hackerato Cryptopia in liquidazione in seguito ai numerosi tentativi falliti di riaprire la piattaforma.

Il tribunale ha affidato la responsabilità della liquidazione nelle mani di David Ruscoe e Russell Moore, dipendenti dell'auditor Grant Thornton, in seguito al devastante hack di metà gennaio di quest'anno. A febbraio, la società ha dichiarato che "nel peggiore dei casi, è stato rubato il 9.4% dei nostri fondi totali."

Secondo un annuncio della società, Ruscoe ha dichiarato che una "indagine approfondita" era già stata pianificata in collaborazione con il management e gli azionisti di Cryptopia, al fine di "trovare la soluzione che sia nel migliore interesse dei clienti e delle parti interessate".

Tuttavia, Ruscoe ha avvertito: "Date le complessità coinvolte, prevediamo che le indagini richiedano mesi anziché settimane".

Cryptopia ha anche annunciato la nomina del liquidatore sul suo account Twitter ufficiale - dove la notizia è stata accolta con derisione e una serie di risposte rabbiose tra quelle di supporto.

Il liquidatore dice che pubblicherà un rapporto iniziale sul sito web dell'Ufficio delle imprese della Nuova Zelanda la prossima settimana.

Grant Thornton ha confermato che gli agenti di polizia della Nuova Zelanda stanno "continuando a indagare sul trasferimento non autorizzato" che ha messo in ginocchio la piattaforma.

La società di revisione ha anche riportato che

“I liquidatori lavorano anche con esperti indipendenti e le autorità competenti in merito agli obblighi della società. Grant Thornton contatterà tutti i clienti e fornitori riguardo la sua nomina nei prossimi giorni.”

Gli utenti di Twitter si sono rivolti alla piattaforma per esprimere il loro sgomento, con una lamentela sul fatto che in seguito alla scomparsa definitiva di Cryptopia sarebbe probabilmente seguito il "superamento della regolamentazione".

Rob Dawson e Adam Clark fondarono Cryptopia tre anni fa. Secondo Stuff, un fornitore locale di notizie, l'exchange ha più di 1,4 milioni di utenti, mentre lo stesso exchange dice che ha più di 2 milioni di utenti. Il padre di Dawson, Pete Dawson, è ora l'unico amministratore con il 5% di azioni della società, afferma il rapporto, aggiungendo che Cryptopia ha 90 azionisti in totale, mentre Clark, Rob Dawson e Intranel Consulting possiedono il 30%, il 27% e il 26% rispettivamente.

Più Articoli