18 nov 2021 · 2 min read

Uniswap: rendimenti inferiori per i fornitori di liquidità

Uniswap
Fonte: Adobe/Yury

Secondo un nuovo studio, la metà di tutti gli utenti che forniscono liquidità sulla terza versione dell'exchange decentralizzato Uniswap sta riscontrando rendimenti inferiori, rispetto a quelli che avrebbero se avessero semplicemente tenuto dei token nel proprio wallet.

Secondo lo studio, i ritorni negativi per gli utenti sono dovuti al reddito delle commissioni di trading generate dai protocolli, che è inferiore alle cosiddette perdite impermanenti, o perdite che si verificano quando i fondi sono ancora in un pool di liquidità, a causa di come funzionano i market maker automatizzati (AMM) come Uniswap.

Lo studio, condotto dalla società di consulenza crypto Topaze Blue e dal protocollo di liquidità decentralizzato Bancor (BNT), ha riferito che "mentre Uniswap V3 genera le commissioni di trading più elevate di qualsiasi protocollo DeFi, la perdita temporanea ha completamente azzerato le commissioni in oltre l'80% dei pool analizzati".

Inoltre ha aggiunto che i pool di liquidità analizzati nello studio - che costituivano il 43% del valore totale bloccato (TVL) di Uniswap V3 - hanno generato 108,5 miliardi di dollari in volumi di trading e 199 milioni di dollari in proventi da commissioni di trading tra il 5 maggio e il 20 settembre di quest'anno. Tuttavia, il reddito non era sufficiente per compensare le perdite.

Il team dietro lo studio ha scritto: "Tuttavia, nello stesso periodo, i pool hanno subito perdite permanenti per oltre 260 milioni di dollari, lasciando il 49,5% dei [fornitori di liquidità] con rendimenti negativi".

Sono stati esclusi dallo studio i pool di liquidità costituiti da stablecoin-to-stablecoin come USDT/USDC e diverse versioni della stessa criptovaluta, come renBTC/WBTC, che sono meno inclini a perdite temporanee.

Nel frattempo, lo studio ha anche scoperto che alcuni pool di liquidità avevano una percentuale ancora più alta di utenti che stavano perdendo denaro, ad esempio il pool maker (MKR)/ethereum (ETH) ha dato rendimenti negativi al 74% dei fornitori di liquidità.

Inoltre il team dietro lo studio ha affermato che per altri pool, come i pool USDC/ETH e COMP/ETH, i rendimenti sono stati negativi rispetto al solo "HODLing", per circa il 60% degli utenti che forniscono liquidità.

Infine, lo studio ha rilevato che l'unico gruppo che "guadagnava costantemente denaro rispetto al semplice HODLing" erano i cosiddetti fornitori di liquidità "just-in-time". Questi sono utenti che forniranno liquidità per un singolo blocco, al fine di riscuotere commissioni dalle operazioni imminenti e quindi rimuovere immediatamente la liquidità in seguito.

Inoltre il rapporto afferma che questa liquidità è fornita "intra-blocco", non ha subito alcuna perdita temporanea significativa e potrebbe raccogliere il 100% delle commissioni di trading come profitti, concludendo:

"[...] nel complesso, e per quasi tutti i pool analizzati, la perdita temporanea supera le commissioni guadagnate durante questo periodo" e "sia gli utenti al dettaglio inesperti che i professionisti sofisticati lottano per ottenere un profitto con questo modello".

______

 

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______


Per saperne di più:
- 6 modi per guadagnare reddito passivo con le Crypto
- How to Yield Farm ‘on Bitcoin’ with Sovryn
- Cosa sta già producendo il fiorente mercato Defi su Bitcoin?
- SEC - "DeFi deve risolvere poca trasparenza e pseudonimato"