Home News

La banca centrale dell' Uruguay ha fatto inversione di marcia sulle cripto?

Di Tim Alper
La banca centrale dell' Uruguay ha fatto inversione di marcia sulle cripto? 101
Alberto Graña, governatore del Banco Central del Uruguay. Source: a video screenshot, Youtube, Felipe Buitrago

I capi finanziari dell'Uruguay sembrano aver fatto un faccia a faccia sulle criptovalute e sulla politica blockchain - e potrebbero cercare di abbracciare la finanza alimentata da criptovalute e blockchain invece di spingerla a margine.

Secondo un report del media outlet Criptonoticias, Alberto Graña, il governatore della banca centrale del paese, il Banco Central del Uruguay (BCU), ha detto ai partecipanti a una conferenza blockchain che la "cosa migliore che può accadere" all'industria blockchain del paese sarebbe "avere un attento regolatore che ne promuove lo sviluppo sano".

I regolatori del paese hanno precedentemente parlato di imporre rigide linee guida alle cripto-imprese e hanno espresso preoccupazione sull'uso delle criptovalute nei programmi di riciclaggio di denaro, terrorismo e traffico di droga, con alcuni membri del governo che suggeriscono che un divieto delle criptovalute potrebbe persino essere preso in considerazione .

Le autorità hanno anche chiesto una maggiore trasparenza nelle negoziazioni di criptovaluta e lo scorso anno il principale regolatore fintech del paese ha dichiarato,secondo un rapporto di Infobae, secondo cui "nessuna attività può essere sviluppata al di fuori della sfera normativa, specialmente quando tale attività potrebbe riguardare il sistema finanziario".

Tuttavia, Graña ha suggerito che il governo potrebbe ora essere pronto ad ammorbidire la sua posizione.

Ha dichiarato,

“Le regolamentazioni [...] sono una discussione globale. Ci concentreremo sulla creazione di regolamenti basati sul rischio che ci consentano di sfruttare le opportunità dei nuovi sistemi e della rivoluzione digitale - per aiutare a rimuovere i limiti di ingresso, ridurre i costi di transazione, aumentare l'efficienza e portare altri vantaggi.”

Il governatore ha anche parlato del miglioramento dell'ecosistema di pagamenti all'ingrosso e al dettaglio del paese e ha parlato di creare una sana rivalità nella sfera dei pagamenti, con le imminenti fiat digitali, criptovalute e piattaforme di pagamento elettronico del governo in competizione per il business.

Graña ha aggiunto che la BCU sta “monitorando e valutando come si comportano le criptovalute nei settori bancario e dei pagamenti all'ingrosso” e vuole vedere come si comportano le reti finanziarie alimentate da blockchain durante i periodi di tumulto economico.

La BCU ha svelato per la prima volta le sue intenzioni digitali nel 2017 e negli ultimi mesi ha condotto progetti pilota in diverse località.

Il commercio di criptovaluta è apparentemente esploso negli ultimi tempi in Sud America, con una serie di fiat convenzionali in difficoltà. Il governo venezuelano all'inizio di questo mese ha introdotto un'app di cripto che consente ai cittadini di effettuare calcoli dei prezzi da cripto a fiat in tempo reale, poiché la nazione spinge attivamente il pagamento con criptovalute in alternativa al bolivar e al dollaro degli Stati Uniti.

Più Articoli