24 giu 2021 · 5 min read

Ecco come appare il Crackdown del mining di Bitcoin 2.0 in Cina

I miner cinesi di criptovalute, a malincuore, stanno chiudendo le loro operazioni, vanno offline e vendono le loro attrezzature a prezzi ridotti o si trasferiscono all'estero.

Fonte: Adobe/pitrs

L'alacrità del Crackdown Cripto 2.0 in Cina ha colto alla sprovvista molti, anche se c'erano già stati segnali di allarme in alcune aree all'inizio di quest'anno, in particolare quando le autorità centrali hanno iniziato a incaricare le regioni di tenere sotto controllo le loro emissioni di carbonio - con le dita puntate all'industria mineraria.

Ma circa un mese dopo che i media cinesi hanno iniziato a pubblicare immagini di strutture di mining deserte in aree ad altro consumo di carbone come la Regione Autonoma della Mongolia Interna (IMAR), i minatori stessi hanno cominciato a pubblicare video e immagini delle loro strutture, spogliate delle attrezzature - con alcuni miner mostrati mentre imballano i loro impianti in scatole di spedizione.

I media cinesi hanno riferito che tutte le attività di mining di criptovalute nel Sichuan, un hub idroelettrico, hanno tempo fino alla fine del mese per chiudere bottega o essere perseguite. Rapporti simili sono emersi dalle province di altre parti del paese.

Kevin Zhang, vicepresidente presso il mining di criptovalute Foundry, ha pubblicato su Twitter degli "aggiornamenti", affermando di parlare anche a nome di altri miner della nazione.

Ha osservato che i minatori scoraggiati "non erano nemmeno più in vena di bere" e ha citato le stime di "alcuni amici di mining" secondo cui "circa il 70% della capacità di mining di bitcoin in Cina è andato offline". Entro la fine di questo mese, ha aggiunto "sarà più vicino al 90%".

Zhang ha aggiunto che ai miner è stato ordinato di disinstallare l'attrezzatura infrastrutturale, che ha definito "un altro pugno nello stomaco, soprattutto considerando che la maggior parte [dei miner] (specialmente quelli più grandi) ha ricevuto le dovute assicurazioni [e il permesso] per eseguire le proprie operazioni."

Ha anche avvertito che gli "opportunisti" che sperano di acquistare hardware a basso prezzo dai miner cinesi potrebbero subire uno shock, poiché molti sono configurati per gestire le impostazioni cinesi.

Nel frattempo, il più grande produttore mondiale di macchine per il mining di Bitcoin, Bitmain, ha dichiarato mercoledì alla comunità mineraria locale di aver smesso di vendere nuove attrezzature dopo che i prezzi delle piattaforme di alto livello sono crollati di circa il 75% da aprile, ha riportato Bloomberg. Rimandando le vendite, potrebbe aiutare i miner che escono dal settore a ottenere prezzi migliori per le loro macchine, afferma il rapporto, aggiungendo che la società potrebbe anche trarne vantaggio se la riduzione dell'offerta fa aumentare i prezzi a lungo termine per le nuove macchine.

Alcuni miner cinesi, tuttavia, sono stati astuti, ha detto Zhang, e sono stati pronti a cogliere i segnali già in primavera.

"Non tutti i miner cinesi sono stati catturati con i pantaloni abbassati... Alcuni hanno gradualmente ampliato le loro operazioni di mining all'estero da un po' di tempo. Questo processo è stato accelerato solo con il divieto della Mongolia interna all'inizio di quest'anno", ha aggiunto.

Altri, nel frattempo, sembrano aver già fatto il grande passo in aree più cripto-friendly, come gli Stati Uniti.

Ma PANews ha pubblicato un video di scaffalature spoglie in una struttura apparentemente di mining.

Tuttavia, il Crackdown 2.0 di Pechino và oltre il mining. A settembre 2017, il Crackdown 1.0 si è concentrato sulle offerte iniziali di monete (ICO) e sugli exchange di criptovalute. E anche l'iterazione di quest'anno è su due fronti: si concentra sui miner e sui trader.

La People's Bank of China Centrale (PBoC) ha detto alle banche e ai fornitori di servizi di pagamento elettronico di reprimere tutte le attività legate alle criptovalute; una mossa che potrebbe spingere le criptovalute in Cina, notoriamente sede di numerose "balene". Anche le classi medie si sono appassionate al trading e agli investimenti di criptovalute, ma potrebbero trovare sempre più difficile rimanere attivi in questo mercato.

Sally Wang di Sino Global Capital ha affermato che come mezzo per "prevenire e controllare i rischi finanziari", Pechino ha "fatto la scelta di vietare il commercio di criptovalute in Cina per cercare di controllare i flussi di capitale".

Il fondatore di Primitive Crypto, Dovey Wan, ha affermato che i tempi della repressione sono stati fondamentali. Ha osservato che "tutto nello Sichuan deve essere chiarito entro il 1 luglio" per rendere "tributo al centesimo anniversario del Partito comunista cinese".

Ha concluso:

"Tra una settimana dovremmo avere una buona idea del risultato approssimativo di questo test AB".

Tuttavia, se gli sviluppi nel governo cinese sono qualcosa da seguire, non saranno necessari test AB, poiché Pechino sembra aver preso una decisione.

Gli osservatori della Cina in tutto il mondo hanno a lungo avvertito che quando si tratta di forme di denaro digitali, Pechino verrà alla partita solo se può portare la sua palla. Il lancio dello yuan digitale è previsto in tempo per i Giochi olimpici invernali di Pechino nel febbraio 2022 e sembra che il Partito comunista cinese voglia assicurarsi che il suo token sia l'unico in città quando arriveranno spettatori e atleti.

In un articolo pubblicato da Sina Finance, l'ex vicepresidente della Bank of China, ha affermato che la PBoC e altri avevano effettuato un "blocco completo" sulle criptovalute, ed ha evidenziato il fatto che la PBoC è stata chiara sul fatto che i suoi ordini provenissero direttamente dall'esecutivo centrale. La banca, continua l'articolo, era stata informata sulla questione dal Comitato centrale del partito e dal Consiglio di Stato.

Ha parlato minacciosamente della necessità di "tagliare completamente i collegamenti di pagamento tra banche e istituti di pagamento per le transazioni di criptovaluta" ed "eliminare il clamore del commercio di valuta virtuale in Cina" - con ulteriori "misure di monitoraggio" da introdurre nelle settimane e nei mesi a venire.

La chiusura di massa delle miniere ha portato a un calo del 50% dei prezzi delle piattaforme di mining, secondo Epoch Times. Il media ha affermato che "l'era del mining di criptovalute nella Cina continentale" è ormai "finita". Ha aggiunto resoconti di miner in lacrime che piangevano mentre spegnevano gli interruttori sulle loro ultime macchine operative.
____
Per saperne di più:
- Ethereum, Litecoin, DOGE Miners Run Fewer Rigs Amid Bitcoin Hashrate Drop
- Sichuan ‘Joins Chinese Crypto Crackdown’ as US Woos Middle Kingdom Miners

- Bitcoin Miner Relocation Within China and Worst Case Scenario
- Miners on the Move: China’s Crypto Mining Losses May Be Kazakhstan’s Gain

- 'Next Great Miner Migration Will be Away from China' - Poolin Exec
- Analysts See 'Seismic shift' In Bitcoin Mining Amid Chinese 'Crackdown'

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN