29 Apr 2022 · 3 min read

Come fanno trading i proprietari di NFT?

NFT
Fonte: Adobe/Ascannio

 

Secondo un sondaggio condotto dal sito di monitoraggio delle monete CoinGecko su Twitter, quasi la metà dei proprietari di token non fungibili (NFT) intervistati fa trading attivamente di NFT per guadagnare profitti, mentre l'altra metà ha acquistato principalmente i propri NFT "per raccogliere" o "per la loro utilità".

I cosiddetti flipper NFT, che, come i trader, mirano a comprare al ribasso e vendere al rialzo, erano la categoria più numerosa di acquirenti NFT nel sondaggio di CoinGecko, con il 42% degli intervistati che affermava che il flipping era il motivo principale dell'acquisto.

I flipper sono stati seguite dai collezionisti NFT, che costituivano il 26% degli intervistati.

Inoltre, coloro che hanno affermato di aver acquistato NFT per la loro utilità, ad esempio per l'uso in un gioco, rappresentavano il 25%.

Degno di nota, tuttavia, è che meno della metà degli intervistati ha affermato di aver realizzato un profitto dal proprio trading NFT, mentre il 23% ha affermato di essere "HODLer", o collezionisti, senza l'obiettivo di realizzare un rapido profitto.

Il 70% degli intervistati ha affermato che gli NFT sono solo una parte minore di un portafoglio complessivo di investimenti in criptovalute, costituendo tra lo 0% e il 25% dei loro wallet.

Trading
Fonte: CoinGecko

Nel frattempo, il sondaggio ha anche rilevato che la maggior parte dei proprietari di NFT ha utilizzato il marketplace OpenSea per acquisire la propria opera d'arte crypto. Con quasi il 59% che afferma di aver utilizzato questa piattaforma, questo risultato è notevole dato che sono nate piattaforme concorrenti come LooksRare e persino marketplace di proprietà di exchange, come Binance NFT e Coinbase NFT.

Maggior parte degli utenti NFT si affida alla rete di ETH

Il sondaggio ha inoltre rilevato che la maggior parte degli utenti NFT si affida ancora alla rete Ethereum (ETH) per le proprie operazioni, con il 46% che la sceglie come rete utilizzata. Ethereum è stato seguito da Polygon (MATIC) e Solana (SOL) come la seconda e la terza rete blockchain più popolare per il trading NFT.

Infine, il rapporto del sondaggio di CoinGecko afferma che il modo più comune per cercare nuovi progetti NFT è attraverso il social network Twitter o la piattaforma di messaggistica Discord.

Il rapporto descriveva questi strumenti come "frammentati" e con informazioni pertinenti "sparpagliate tra gli altri rumori", ma affermava comunque che sembrano essere "l'opzione migliore per imbattersi in progetti appena sfornati".

Per strumenti più specifici, come la piattaforma di aggregazione Rarity Tools, il sondaggio ha rilevato che l'utilizzo è basso, con solo l'1,4% degli intervistati che afferma di averlo utilizzato.

Il rapporto afferma che dopo aver acquistato un NFT, il modo più comune per tracciare il valore di mercato dell'opera d'arte è attraverso gli strumenti disponibili sul mercato stesso, piuttosto che attraverso fogli di calcolo personalizzati o altri approcci su misura.

Le risposte al sondaggio di CoinGecko sono state raccolte tramite un sondaggio su Twitter e il numero di partecipanti variava tra 394 e 874. La maggior parte degli intervistati proveniva dalla regione Asia-Pacifico, che secondo CoinGecko è leader nell'adozione di NFT a livello globale.

_______

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______

Per saperne di più:
- Previsioni 2022 del settore NFT
- 72% of Surveyed Game Developers Interested in Using NFTs and Blockchain
- Proteggere la tua collezione NFT con opzioni e futures ETH
- Puoi davvero possedere qualcosa nel Metaverso?
- Come NFT Finance accelera l'adozione di massa di NFT
- Sicurezza NFT: Stare al sicuro nel Web3