23 set 2021 · 2 min read

Gli Yield attirano le istituzioni verso la DeFi

Ostacoli

Gli yield "sbalorditivi" disponibili nei protocolli di finanza decentralizzata (DeFi) sono semplicemente troppo allettanti per resistere per le istituzioni, secondo i relatori in una recente discussione sull'adozione istituzionale della DeFi.

Nella discussione, intitolata "Institutional DeFi: The Herd is Coming... Again?" (DeFi istituzionale: la mandria sta arrivando... di nuovo) , tenutasi martedì all'evento Mainnet 2021 di Messari, i relatori di tutto il settore hanno convenuto che sebbene rimangano molti ostacoli per le istituzioni nell'abbracciare la DeFi, il potenziale di rendimento sta suscitando interesse.

Secondo Andrew Keys, Socio amministratore della società di investimento incentrata sulle criptovalute DARMA Capital, è il fatto che gli investitori possono guadagnare rendimenti, ad esempio, sul loro ethereum (ETH) del 5% e quindi ottenere un ulteriore potenziale rialzo di 10 volte nel prezzo questo è "sbalorditivo" per loro.

Ha aggiunto che questo è particolarmente vero "nell'ambiente affamato di tassi di interesse" che si vede oggi nei mercati dei capitali tradizionali, dove guadagnare un rendimento sta diventando sempre più difficile.

Esprimendo un'opinione simile, Rebecca Rettig, consulente generale della piattaforma di prestito Aave (AAVE), ha affermato che questo è il motivo esatto per cui le istituzioni finanziarie tradizionali vogliono conoscere la DeFi, "perché stanno pensando 'come è possibile ottenere così tanto rendimento?'”

Ma nonostante l'alto potenziale di rendimento nei protocolli DeFi, permangono ancora una serie di ostacoli sotto forma di custodia, antiriciclaggio e regolamenti know-your-customer (AML e KYC), latenza e commissioni sul gas, secondo Keys .

Ha aggiunto che a causa di questi ostacoli, le più grandi istituzioni, come le banche di investimento, devono ancora mantenere la DeFi a distanza di mercato per ora:

“JPMorgan et.al. non lo tocca per ora, a causa di KYC e AML, ha detto Keys, aggiungendo "ma va bene, perché abbiamo family office, fondi nativi cripto e altri" che possono partecipare.

Come conseguenza degli ostacoli normativi, in particolare, Lisa Cuesta, responsabile dello sviluppo del business presso la società Aztec di livello 2 di Ethereum, ha sostenuto che saranno le più tradizionali monete proof-of-stake a raccogliere per prime i vantaggi di una maggiore interesse istituzionale nella generazione di rendimento dallo spazio crittografico.

"Bitcoin è stato la porta d'ingresso per le istituzioni per avvicinarsi alle criptovalute, e ETH 2.0 sarà la porta d'ingresso per entrare nello staking", ha detto.

Tuttavia, ha anche riconosciuto che lo spazio è ancora "un po' lontano da quello, ma man mano che acquisisci familiarità con Ethereum, diventa più noto e lo staking diventa un'opzione per le istituzioni che apriranno le loro menti ad altre reti proof-of-stake”.

Nel tempo, questo processo è destinato ad "aprire le porte sia dal punto di vista dell'allocazione del capitale sia dal punto di vista dell'imprenditorialità", ha aggiunto Cuesta.

____

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

- Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

- Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

- Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

________

 

Per saperne di più:

- 'Dark Phase' Ahead on DeFi Regulatory Front, yearn.finance Creator Warns
- US Watchdogs Send More Warning Signs to Altcoins & DeFi, But Coinbase Has a Plan

- DeFi Has Had a Strong 2021, Driven By New Trends & Paradigms
- 'Fiat-Like' Proof-of-Stake Chains Favor Centralization & Rich Players

- Regulators are Coming for the DeFi Goose and Its Golden Eggs
- Bitcoin and Ethereum Can Coexist With DeFi Bridging the Two