2021-12-13T18:53:00+00:00 · 6 min read

Come i lenti progressi di Cardano hanno creato concorrenti

 

Cardano

Cardano è figlio di differenze creative.

La blockchain, creata da Charles Hosikson a causa delle differenze tra lui e Vitalik Buterin, avrebbe dovuto ormai dominare il mondo. Hoskinson riteneva che Ethereum dovesse avere un orientamento a scopo di lucro, mentre Buterin preferiva l’approccio senza scopo di lucro.

Così Hoskinson ha creato quello che avrebbe definito un “Ethereum Killer”. L’unico problema è che Cardano è diventato compatibile con gli smart contract quest’anno, mentre Ethereum lo è stato dal suo lancio nel 2015.

Tanto che Ethereum Virtual Machine (EVM) è diventata di per sé uno standard. EVM è ora lo standard per le blockchain compatibili con gli smart-contract.

Cardano ha molti problemi di processo. È chiaro dalla mancanza di sviluppo e dal progresso lento che ha tenuto la blockchain impantanata nella sua crescita a ritmo di lumaca. Tuttavia, non è stato così durante l’estate delle criptovalute del 2017 al suo lancio. Se il fondatore avesse mantenuto le promesse fatte nel 2017, le cose sarebbero diverse.

Blockchain come Avalanche sono decollate in molto meno tempo e sembrano poter dare la casa a Vitalik Buterin, a causa della discordia nella comunità di Ethereum. Cardano continua a sembrare il progetto di scienze di un nerd giorno dopo giorno. I concetti esposti hanno applicazioni potenzialmente potenti, che potrebbero cambiare per sempre il settore delle criptovalute.

Avalanche ha creato un nuovo paradigma all’interno del settore blockchain

Introdotto per la prima volta nell’InterPlanetary File System (IPFS) il 16 maggio 2018 e con il lancio finale della mainnet gamma il 21 settembre 2020, Avalanche ha creato un nuovo paradigma all’interno del settore blockchain.

La prima cosa che rende Avalanche unico è il modo in cui le sue proprietà di quorum possono funzionare sia su blockchain lineari che su ledger acyclic graphs (DAG). Questa capacità a doppio scopo consente una base di codice più ampia e meno errori per il consenso.

Oltre a ciò, il lancio finale della mainnet è arrivato con funzionalità di smart contract, che hanno consentito il passaggio di progetti da Ethereum ad Avalanche.

Tanto che gli exchange decentralizzati (dexes) si basano su Avalanche, mentre su Cardano è stato lanciato solo un Dex (SundaeSwap).

Uno di quei dex che si è lanciato in Avalanche è Pangolin. Il progetto è un exchange decentralizzato cross-chain, che consente lo scambio di asset tra Ethereum e Avalanche. In questo modo, i progetti possono avere i propri token su entrambe le blockchain senza effettuare il porting da un ledger all’altro.

Risolve anche i problemi delle capacità cross-chain. Qualcosa per cui gli sviluppatori costruiscono Parachain su Polkadot, per esempio. Un confronto tra i progetti disponibili su Avalanche fornisce la prova che Avalanche si sta muovendo verso l’eventuale sostituzione di Ethereum.

All’interno dell’ecosistema Avalanche, esistono blockchain pubbliche a causa di progetti come Pangolin dex. Molti progetti DeFi hanno come casa Avalanche. Su Cardano, al di fuori del token ADA, solo i token Chainlink (LINK) e SundaeSwap hanno un’attrazione principale per tutti. LINK è popolare grazie agli oracle di dati all’interno dell’ecosistema Chainlink.

Gli oracle dei dati aiutano i progetti di criptovalute e le D’App a integrare le origini dati dinamiche nelle loro applicazioni. Il problema qui ha più a che fare con l’immutabilità di blockchain e ledger. SundaeSwap è interessante perché è il primo dex sulla rete Cardano. Niente di più.

Il futuro di Cardano rimane in dubbio 

Con il ritmo lento del progresso e l’esistenza di meccanismi di revisione paritaria che rallentano il ritmo di sviluppo dell’ecosistema Cardano, potremmo vedere un’ulteriore relegazione di Cardano in secondo piano.

Vedremo anche l’emergere di altri oracle blockchain che funzioneranno più velocemente e meglio dell’ecosistema Chainlink. L’innovazione è inevitabile.

Le blockchain di terza o quarta generazione potrebbero avere una sottorete blockchain mutevole e alcuni processi di governance per supervisionare le blockchain stesse.

Il punto è che i vantaggi di Cardano vengono erosi di giorno in giorno. Data la sua storia e il suo fondatore, potremmo non vedere un altro sviluppo dal team fino a, diciamo, cinque anni. A quel punto, anche ETH 2.0 sarà già stato lanciato e avrà guadagnato terreno!

Quindi, potremmo non vedere il glorioso futuro di cui ci ha parlato Hoskinson nel 2017.

Avalanche potrebbe battere ETH 2.0

Anche con il più recente aggiornamento di ETH , Arrow Glacier, Avalanche ha tutto ciò che serve per battere ETH 2.0. Un elemento è il fondamento della sottorete Avalanche, che consente più di una forma di consenso Proof-of-Stake. Questa rete basata su quorum, consente di implementare diverse innovazioni a livello di sottorete.

Come si confronta Avalanche con altre blockchain?

In risposta alla performance di Avalanche, Ken Burbary, CMO di Pangolin, ha detto:

“Avalanche è incredibilmente veloce rispetto ad altre blockchain L1 e le transazioni sono piuttosto economiche, il che lo rende facile da usare per un vasto pubblico di criptovalute. Infine, Avalanche è l’L1 più sicuro e decentralizzato, contenente migliaia di nodi di convalida, che lo rende sicuro per i costruttori e utenti allo stesso modo.”

Rende la blockchain il principale contendente per l’ultimo arrivato.

Gli aggiornamenti ad Avalanche potrebbero includere molti meccanismi che consentono lo sharding della rete principale, nel caso in cui la scalabilità dovesse essere un problema. Sebbene ciò sia improbabile, vedremo un altro livello di crescita a causa delle tre catene che operano sotto  Avalanche. Con le funzionalità C-Chain, X-Chain e P-Chain, Avalanche entrerà presto in gioco senza i problemi che Ethereum e Cardano hanno dovuto affrontare.

Il problema di Cardano

È chiaro fin dall’inizio che il problema fondamentale che impedisce l’emergere di Cardano, come potenza, ha più a che fare con i suoi processi umani, che con la blockchain stessa.

Finché esisterà la burocrazia per l’implementazione del progetto, non accadrà molto all’interno dell’ecosistema. Non importa quanta buona volontà esiste all’interno del settore delle criptovalute e blockchain per Hoskinson e il suo team, ci saranno comunque difficoltà a meno che tutti non mettano da parte qualsiasi problema che ci possa essere all’interno.

Ci sono differenze, senza dubbio. Il problema è convincere il team Cardano ad ammetterlo e a rimettersi in modalità di lavoro. Non è possibile che lo sviluppo sia stato così lento. Semplicemente non accade nel settore blockchain a meno che non ci siano conflitti interpersonali che nessuno risolverà.

Mentre altri team sviluppano le loro blockchain e gli ecosistemi corrispondenti, potremmo vedere tutti allontanarsi dalla blockchain di Cardano.

Sarà un peccato perché il settore delle criptovalute avrebbe perso quello che sarebbe potuto diventare uno dei sistemi blockchain più veloci e dinamici conosciuti dall’umanità. Questa è la farsa dietro la lenta crescita di Cardano e della sua squadra. Qualcosa riguarda tutti i membri dei settori di criptovalute e blockchain, indipendentemente dall’affiliazione.

 

____

Dichiarazione di non responsabilità: la sezione Industry Talk presenta approfondimenti degli attori del settore delle criptovalute e non fa parte del contenuto editoriale di Cryptonews.com.

____

 

Seguici sui nostri canali social: 

Telegram: https://t.me/ItaliaCryptonews

Twitter: https://twitter.com/cryptonews_IT
 _______

Clicca sui nostri link di affiliazione:

– Per acquistare le tue criptovalute su PrimeXBT, la piattaforma di trading di nuova generazione

– Per proteggere le tue criptovalute su portafogli come Ledger e Trezor

– Per effettuare transazioni in modo anonimo con NordVPN

_______


Articoli consigliati