I validatori di TON votano per cancellare alcuni wallet. Che cos’è e come funziona The Open Network?

I validatori di The Open Network (TON) stanno valutando la sospensione di 195 indirizzi inattivi sulla blockchain proof-of-stake, con una votazione prevista per il 21 febbraio. In totale, questi indirizzi detengono attualmente poco più di 1 miliardo di Toncoin, quasi il 21,3% dell’offerta totale, per un valore di 2,5 miliardi di dollari.

Per l’approvazione della proposta servono il 75% dei validatori, che dovranno votare più di una volta. Se approvata, la sospensione durerà quattro anni e gli indirizzi interessati non potranno effettuare alcuna transazione per tutta la durata del periodo di blocco. La “lista dei  wallet sospesi” sarà visibile sulla blockchain pubblica.

I wallet inattivi di TON

Gli indirizzi dei portafogli sono considerati inattivi se hanno partecipato alla fase iniziale di distribuzione del token tra luglio 2020 e giugno 2022, ma non hanno mai effettuato una transazione in uscita. A dicembre, la comunità di TON ha chiesto ai proprietari dei wallet interessati di dimostrare la loro attività effettuando una transazione su TON. I wallet inattivi possono evitare la sospensione effettuando una transazione in qualsiasi momento prima del termine delle votazioni. È importante notare che gli indirizzi che non fanno parte della distribuzione iniziale non saranno interessati.

La distribuzione di toncoin ha reso disponibile il 98,55% della sua offerta totale per un meccanismo di “proof-of-work iniziale”. A differenza delle strategie di distribuzione centralizzate spesso decise dai team di sviluppo dei progetti di criptovaluta, la strategia di mining di TON è stata progettata per decentralizzare il processo di distribuzione pur rimanendo una blockchain proof-of-stake.

Che cos’è e come funziona TON?

The Open Network (TON), nota anche come TON Blockchain, è una rete decentralizzata originariamente sviluppata da Telegram e lanciata nel 2018. Il suo scopo è fornire una piattaforma per applicazioni decentralizzate (dApp) e contratti intelligenti (smart contract). 

Si basa su un’architettura multi-blockchain e consiste in una catena principale, diverse blockchain secondarie e protocolli di sharding. Il sistema è progettato per essere efficiente, sicuro, scalabile e facile da usare. L’Open Network, avviato nel 2018 da Telegram, è una blockchain di livello 1 (layer1) che funziona con un meccanismo di consenso proof of stake e vanta un throughput di 1 milione di tps (transazioni al secondo). Il progetto è costituito da una piattaforma multi-blockchain con un elevato throughput e che supporta lo sviluppo e la distribuzione di smart contract.

Quindi, a proposito di quel “1 milione di tps”. Sembra assurdo, vero? Beh, questo è possibile grazie all’architettura unica di TON. La blockchain di TON è costituita da una “collezione di due blockchain”. Ovvero, una master blockchain (o masterchain) e diverse working blockchain (o workchain). La master blockchain è responsabile del deposito delle informazioni generali del protocollo, delle informazioni sui validatori, sulle workchain e sui loro shard, nonché degli hash dei blocchi più recenti delle workchain e degli shard. 

Le workchain, invece, contengono informazioni su eventi come transazioni di smart contract e trasferimenti di valore. In termini di consenso, la blockchain utilizza un meccanismo di proof of stake.

L’aspetto interessante delle workchain è che possono essere a loro volta suddivise in shard blockchain (o shardchain). Ogni shardchain ha il compito di gestire le transazioni per un sottoinsieme di conti. Questo aiuta la rete a ridurre in modo significativo la possibilità di congestione. Per sharding si intende la suddivisione orizzontale di un database. Nel caso delle blockchain, contribuisce a ridurre il carico della rete.

La rete ha un tempo di blocco impressionante di 5 secondi e può dividere le catene di lavoro in 260 shard, consentendo uno stress e una congestione della rete molto minori. Per fare un confronto, Ethereum prevede di implementare catene di shard e sarà in grado di dividere le catene in 26 shard. Il tempo di completamento è inferiore a 6 secondi, il che significa che la rete è molto veloce quando si tratta di transazioni.

Un mossa per la trasparenza

La mossa è stata una “testimonianza dell’importanza della trasparenza per la comunità TON”, ha dichiarato in un comunicato la TON Foundation, un gruppo non commerciale di sostenitori e collaboratori dietro la blockchain. “Attraverso la sospensione di questi wallet, si spera che venga fatta chiarezza sul volume di toncoin attualmente in circolazione”, ha aggiunto.

L’Open Network è stato originariamente progettato nel 2018 dai fondatori di Telegram Messenger e successivamente consegnato alla comunità di TON per continuare il suo sviluppo.

All’inizio di questo mese, TON ha lanciato una soluzione decentralizzata per la condivisione di file e l’archiviazione di dati chiamata TON Storage, sfidando progetti simili come Filecoin e Storj.

Per informazioni sul progetto TON: ton.org

Qui trovate invece il Whitepaper.

 

Segui Cryptonews Italia sui canali Social