24 Jan 2023 · 4 min read

Il CCO di Bitwise prevede che la legislazione sulle Stablecoin arriverà quest'anno

Katherine Dowling. Fonte: uno screenshot video dal canale CoinDesk, su YouTube
Katherine Dowling. Fonte: uno screenshot video dal canale CoinDesk, su YouTube

Katherine Dowling, General Counsel e Chief Compliance Officer del fornitore di fondi indicizzati di criptovalute Bitwise Asset Management, ha sostenuto che il Congresso degli Stati Uniti si muoverà per regolamentare le stablecoin quest'anno, come primo passo verso la regolamentazione del settore delle criptovalute. 

Il repubblicano della California, Kevin McCarthy, è stato scelto come nuovo speaker della Camera dei Rappresentanti all'inizio di gennaio, in un'elezione che si è svolta per diversi giorni. Inoltre il 118° Congresso degli Stati Uniti, che è l'attuale riunione del ramo legislativo del governo federale, composto dal Senato e dalla Camera dei Rappresentanti, si è riunito il 3 gennaio 2023. Un cambiamento nella politica statunitense è destinato a riflettersi sulla regolamentazione dell'industria delle criptovalute e dei suoi diversi settori. 

Rispondendo a una domanda su quanto presto ci sarà un'azione sulla regolamentazione delle stablecoin, Dowling ha dichiarato a CoinDesk TV che:

"Credo che con il nuovo Congresso assisteremo a un rinnovato interesse per la legislazione sulle stablecoin".

Il 2022 è stato un anno in cui sono state presentate molte proposte di legge e i politici hanno cercato di definire e regolamentare lo spazio delle criptovalute, "quindi abbiamo avuto un grande slancio verso la fine dell'anno", ha detto. "E poi c'è stata la questione FTX".

Non c'è motivo di credere che il famigerato crollo dell'exchange FTX influenzerà le normative, nel senso che saranno più severe, ma ha fornito un esempio reale di ciò che può accadere quando non c'è regolamentazione, ha affermato Dowling. Inoltre ha proseguito dicendo che FTX era una società offshore, quindi la presenza di società onshore e soggette a una chiara regolamentazione farebbe la differenza. 

"E ora c'è un rinnovato interesse a fare delle stablecoin il primo pezzo del puzzle legislativo", ha detto Dowling.

Ha poi affermato che la prima cosa da fare sarà la regolamentazione delle stablecoin e poi i legislatori passeranno a questioni più complesse. Secondo Dowling il motivo è che, a prescindere dal fatto che siano favorevoli o meno alle criptovalute, molti membri del Congresso ritengono che sia necessario fare qualcosa.

"E la stablecoin è il primo tassello perché è una questione più ristretta. È qualcosa che si può affrontare un po' meglio rispetto alla questione più ampia della struttura generale del mercato delle criptovalute". 

Un esempio positivo è arrivato dalla Commissione per i Servizi Finanziari della Camera, che, secondo quanto riportato da Dowling, ha già rilasciato alcune dichiarazioni positive. 

I Repubblicani della Camera, inoltre, hanno annunciato questo mese la formazione di una nuova sottocommissione dedicata alle criptovalute e alla tecnologia blockchain, che avrà un ruolo chiave nello sviluppo di leggi e regolamenti che disciplineranno l'uso di queste tecnologie. Il rappresentante French Hill guiderà questa nuova sottocommissione sui beni digitali, la tecnologia finanziaria e l'inclusione. 

La sottocommissione è "un grande sviluppo", ha dichiarato Dowling, in quanto il suo obiettivo è quello di fornire regole e chiarezza all'ecosistema degli asset digitali tra i regolatori federali. 

"Un grande successo"

Alla domanda su cosa significherebbe la regolamentazione delle stablecoin per le piattaforme che “coniano” queste monete, Dowling ha ribadito che “la legislazione sarà un grande successo", in quanto finalmente "si metterà nero su bianco e si farà un po' di movimento in questo primo pezzo del puzzle legislativo". 

Ha detto che le piattaforme stablecoin dovranno avere un supporto "uno-a-uno" per le loro monete e nessuna leva finanziaria. Il CCO ha spiegato che:

"Ci sono stati così tanti dubbi e incertezze su molti aspetti dell'industria delle criptovalute, quindi avere delle regole chiare e ricostruire la fiducia sarà un imperativo e questo è uno dei primi passi che ci farà muovere in questa direzione". 

Ci sarà anche un compromesso bipartisan sul modo in cui la legge prenderà forma e sul suo slancio, il che è un altro aspetto positivo. E anche se ci saranno sempre delle scosse e non tutti riusciranno a sopravvivere, altri abbracceranno la nuova definizione e il nuovo processo, ha detto Dowling. In particolare, i tempi sono cambiati e le stablecoin hanno avuto il tempo di evolversi, quindi ci saranno meno scossoni ora rispetto all'inizio. 

Per quanto riguarda la regolamentazione delle piattaforme con sede al di fuori degli Stati Uniti, invece, il CCO ha affermato che prima di tutto il Paese deve stabilire le proprie basi normative e solo in un secondo momento espandere la conversazione a livello globale, aggiungendo:

"Più c'è confusione e non abbiamo regole di condotta a livello statale, più spingiamo le aziende e gli innovatori all'estero, e quindi abbiamo meno controllo su queste funzioni e [abbiamo] investitori statunitensi e globali soggetti a società offshore che non saranno altrettanto regolamentate, mentre ci muoviamo verso un ambiente più regolamentato per le criptovalute".

Detto questo, nel breve termine ci sarà un sistema "a due livelli" per le aziende all'interno e all'esterno degli Stati Uniti, ha detto Dowling, ma si prevede che questo cambierà a lungo termine.

 

Leggi anche:

Segui Cryptonews Italia sui canali Social