Il Dipartimento di Giustizia USA Riavvia le Indagini su Tether USDT: Cosa c'è da Sapere

Fonte: iStock/standret

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha riavviato l'indagine su delle presunte frodi bancarie commesse dai dirigenti di Tether, nei primi giorni di vita della stablecoin.

Secondo un rapporto di Bloomberg, l'indagine è stata trasferita a un'altra squadra all'interno del DOJ (dipartimento di giustizia) ed è ora diretta dal procuratore statunitense Damian Williams di Manhattan, nel distretto meridionale di New York (SDNY).

Nel luglio dello scorso anno, Bloomberg ha affermato che i pubblici ministeri federali di Washington stavano indagando se gli alti funzionari di Tether nascondessero la natura delle loro
transazioni in criptovalute e ingannato i partner bancari durante i primi giorni della loro attività.

"Ma dopo mesi di dispute legali il caso è stato trasferito all'interno del dipartimento, secondo persone che hanno familiarità con la questione", afferma il rapporto, aggiungendo che Williams, uno dei più "aggressivi" nel perseguire attività sospette legate alle criptovalute, ha deciso di prendere in carico le indagini.

Citando ex pubblici ministeri federali, Bloomberg ha affermato che è piuttosto insolito che un'indagine venga trasferita dopo che è arrivata a una fase così avanzata, aggiungendo che ciò sottolinea l'incerto terreno legale nel quale si muovono le valute digitali.

Secondo quanto riferito da Robertson Park, un partner di Davis Wright Tremaine che in precedenza aveva trascorso due decenni nella sezione frode del Dipartimento di giustizia:"il trasferimento dei casi non accade spesso e ogni volta ci sono circostanze piuttosto uniche che lo giustificano".

Tether dice che il rapporto non è reale

In un post pubblicato lunedì, Tether si è scagliata contro i media, sostenendo che l'indagine del DOJ non è reale. La società ha affermato di essere stata in costante contatto per oltre un anno con il dipartimento federale, ma di non aver discusso nulla in relazione a un'indagine.

"Bloomberg che ricicla vecchie notizie che non sono nemmeno reali", ha affermato la società.
"Questo rappresenta un altro esempio del loro giornalismo incompetente e dell'incapacità di separare i fatti dalla falsità".

Tether ha aggiunto che la società e la sua consociata, Bitfinex, "sono state effettivamente identificate come vittime nel caso Fowler, a cui fa riferimento Bloomberg". Secondo il rapporto Bloomberg,
i pubblici ministeri hanno iniziato a sporgere denuncia nel 2019 contro Reginald Fowler, sostenendo di aver aperto diversi conti presso banche statunitensi affermando falsamente che erano per investimenti immobiliari.

Come riportato, all'inizio del 2021, Tether e Bitfinex hanno pagato $ 18,5 milioni per concludere una lunga indagine (durata quasi due anni) con l'ufficio del procuratore generale di New York (AOG) e risolvere le accuse su delle rivelazioni pubbliche relative a un prestito che Tether ha fatto a Bitfinex.

Tether (USDT) è la stablecoin più grande al mondo, in termini di capitalizzazione di mercato. Attualmente il token ha una capitalizzazione di mercato di oltre $ 69 miliardi, in calo rispetto al suo
massimo storico di circa $ 84 miliardi.

Segui Cryptonews Italia sui canali Social