Il fondatore di Mutant Ape Planet avrebbe truffato clienti per 2,9 milioni di dollari

Le autorità hanno arrestato mercoledì sera il fondatore della collezione NFT Mutant Ape Planet, Aurelien Michel, all'aeroporto JFK.

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha inoltre annunciato giovedì di presentato accuse penali contro il fondatore: i detentori degli NFT sarebbero stati frodati di 2,9 milioni di dollari in criptovalute con la tecnica del "rugpull". 

Collezione NFT Mutant Ape Planet è uno scam?

Aurelien Michel, 24 anni, il fondatore della collezione Ethereum NFT Mutant Ape Planet, è stato arrestato all'aeroporto JFK di New York dalle autorità federali con l'accusa di frode telematica. Michel, cittadino francese, risiede negli Emirati Arabi Uniti (UAE).

È la terza volta che i pubblici ministeri federali hanno perseguito le accuse contro gli orchestratori dei cosiddetti rugpull NFT, schemi in cui i creatori di un progetto vendono NFT con false promesse di benefici per la comunità, utilità e vantaggi finanziari, solo per abbandonare il progetto e sparire con i fondi degli investitori.

In questo caso, il Dipartimento di Giustizia sostiene che Michel abbia promesso ai possessori di Mutant Ape Planet NFT omaggi, token con caratteristiche di staking e collezioni di merchandising, ma non ha rispettato nessuno di questi impegni e ha invece intascato quasi $ 3 milioni.

I pubblici ministeri federali hanno collaborato a questa azione sia con il Department of Homeland Security (DHS) che con l'Internal Revenue Service (IRS).

A rendere le cose più complicate per Michel è il fatto che i pubblici ministeri affermano di avere prove che l'imputato abbia ammesso in una chat sui social media, con gli attuali e potenziali acquirenti di Mutant Ape Planet NFT, che aveva effettivamente orchestrato un rugpull, ma solo in risposta alla condotta della comunità Mutant Ape Planet.

"Non abbiamo mai avuto intenzione di fare un rugpull, ma la comunità è diventata troppo tossica", avrebbe detto Michel ai titolari. 

"Michel non può più incolpare la comunità NFT per il suo comportamento criminale", ha dichiarato in una nota Thomas Fattorusso, agente speciale ad interim dell'IRS. "Il suo arresto significa che ora dovrà affrontare le conseguenze delle sue stesse azioni".

Non è la prima volta che il DOJ interviene

A giugno, il DOJ ha presentato accuse simili contro il creatore della collezione Baller Ape Club NFT per i possessori di tappeti per un importo di $2,6 milioni. Il primo caso di rugpull contestato dal dipartimento è stato contro i creatori del progetto Frostie NFT quando i creatori hanno frodato i detentori di $1,1 milioni.

NFT della collezione Frostie

I rugpull sono fin troppo frequenti nel prospero mondo, spesso anonimo e in gran parte non regolamentato, del trading NFT che lo scorso anno ha generato l'incredibile cifra di 25 miliardi di dollari di vendite.

Nonostante la comunanza di tali incidenti, tuttavia, l'azione di oggi segna solo la terza occasione in cui i pubblici ministeri federali hanno perseguito le accuse fatte dai clienti frodati.

Leggi anche:

Segui Cryptonews Italia sui canali Social