Il grafico arcobaleno mostra la tendenza di BTC a breve termine

Laura Di Maria
| 3 min read

L’anno volge al termine e Bitcoin riceve sotto l’albero un bel regalo di Natale, una posizione solida al di sopra della zona di supporto di 40.000$ riscattandosi finalmente dalla fase di consolidamento che ha caratterizzato buona parte del 2023.

A giustificare lo smaccato ottimismo degli ultimi mesi c’è l’avvicinarsi sempre più probabile, o imminente, del primo ETF, il fondo quotato in borsa associato al prezzo spot di BTC.

L’anno nuovo potrebbe vedere la presenza di diversi catalizzatori in grado di influenzare in un senso o nell’altro la performance di Bitcoin. Tra i fattori più attesi ci sono l’aumento del tasso di adozione di BTC da parte delle istituzioni, l’atteso evento di halving, cambiamenti sul fronte normativo e le tendenze macroeconomiche generali che hanno un impatto diretto sul prezzo.

Per comprendere quale traiettoria potrebbe intraprendere Bitcoin, abbiamo analizzato il grafico dei prezzi di BlockchainCenter che elabora un modello cosiddetto “arcobaleno”. Questo strumento permette di analizzare i movimenti storici della crypto rispetto alle diverse medie mobili (MA).

I dati presentati nel grafico il 25 dicembre indicano che Bitcoin è entrato nella fase di “accumulazione”, ora che BTC è nella zona di prezzo compresa tra 35.942$ e 46.977$.

Previsione del prezzo di Bitcoin entro l’1 gennaio 2024


È quasi partito il conto alla rovescia per l’inizio del 2024 e osservando le previsioni relative al prezzo l’1 gennaio possiamo ottenere altre informazioni preziose. Per fornire una proiezione del prezzo, il grafico utilizza una curva di crescita logaritmica che rappresenta una stima per determinare la potenziale traiettoria di BTC a breve termine.

Lo strumento utilizza il codice colorato per descrivere il sentiment del mercato in ogni fase in base all’intervallo di prezzo raggiunto, in questo modo identifica il possibile scenario rialzista o ribassista.

Per comprendere come leggere il grafico bisogna tenere a mente che lo scenario migliore per Bitcoin è rappresentato dall’ultima fascia rossa identificato come “Territorio di massima bolla”. In questa fascia si trova un possibile intervallo di prezzo compreso tra 180.467$ e 245.226$ auspicabile per l’1 gennaio 2024.

Al contrario, lo scenario nettamente ribassista per Bitcoin colloca il prezzo all’interno dell’intervallo compreso tra 20.056$ e 26.512$. Questa zona identificata con il colore blu, dal lato opposto è definito come “Praticamente una svendita”.

Ora Bitcoin si trova in un territorio intermedio che invita ad accumulare fino all’1 gennaio 2024, quando invece la crypto potrebbe essere scambiata all’interno dell’intervallo compreso tra 36.187$ e 47.292$.

Tenendo conto dell’andamento storico di BTC, il 2024 presenta diversi segnali rialzisti per Bitcoin. In particolare, Bitcoin è passato dalla zona “Accumula” a settembre 2020 alla zona “Vendi. Sul serio, VENDI!” (rosso) ad aprile 2021.

Quindi ha subito una leggera correzione per poi tornare nella zona “Vendi. Sul serio, VENDI!” più tardi nello stesso anno quando il prezzo ha toccato il valore massimo a novembre per poi crollare miseramente già nel 2022.

Bitcoin cerca di superare quota 45.000$


In questo momento il recente rally di Bitcoin non ha avuto sufficiente slancio per riuscire a superare la soglia dei 45.000$. Questo livello è ritenuto cruciale per poter raggiungere i 50.000$.

Molti osservatori ritengono probabile che gennaio sarà il mese dell’approvazione del primo ETF spot di Bitcoin, cosa che ha alimentato l’ottimismo del mercato. Se questo ottimismo si rivelerà fondato, il prezzo della crypto potrebbe intraprendere una corsa al rialzo sostanziale alimentata da altri eventi chiave come l’imminente evento di halving e la possibilità che la Fed tagli i tassi di interesse nel corso del 2024.

Le prospettive di prezzo per Bitcoin da parte di numerosi analisti sono caldamente ottimiste. Molti concordano con la possibilità che si potrebbero raggiungere nuovi massimi storici già nel corso del 2024.

Bisogna però tenere a mente un fatto. Non tutti gli analisti concordano sulla capacità degli ETF di attirare realmente ingenti capitali istituzionali. Gli istituti patrimoniali che gestiscono i fondi pensione e gli altri investimenti collettivi potrebbero non rispondere subito alla chiamata del nuovo veicolo d’investimento. Questo potrebbe generare effetti effimeri, specie in un primo tempo.

Analisi del prezzo di Bitcoin


In questo momento, Bitcoin è valutato 43.178$, la crescita è di oltre il 5,7% in sette giorni malgrado la lieve flessione di oggi, -1,07%.

Il sentiment sembra essere positivo stando all’analisi di TradingView oggi 25 dicembre. In prevalenza la tendenza è rialzista come evidenzia il riepilogo degli indicatori che indicano una valutazione “buy”, d’acquisto, a 13, così come si evince dalla sintesi dei dati relativi alle medie mobili che indicano uno “strong buy”, forte consiglio d’acquisto, a 13. Gli oscillatori propendono per un giudizio “neutrale”.

Nel complesso, Bitcoin cerca di recuperare la soglia dei 45.000$ e per farlo è cruciale che l’asset mantenga la sua valutazione al di sopra dei 43.000$.

___

Leggi anche